Blog

Sipario

Di 10 febbraio 2017 52 commenti

Sipario.

Sono appena tornato da Bruxelles dove, tra mille e una difficoltà ho parlato quasi clandestinamente insieme con il famigerato Andrew Wakefield e il Premio Nobel Luc Montagnier.

Al ritorno, ora, ho trovato una raffica di minacce di una gravità assoluta che mettono a serio rischio anche le nostre ricerche sulle leucemie, sulle malattie dei soldati e quant’altro.

Così, devo fare una scelta: o continuo a raccontare che cosa c’è nei vaccini e abbandono il resto o accetto la sconfitta e posso continuare almeno con il resto.

La decisione è dolorosa ma inevitabile: ho perso e basta.

Grazie ai pochissimi che mi hanno aiutato e gli altri crepino in pace.

D’ora in poi, io sono fuori.

Partecipa alla discussione 52 commenti

  • Ernesto Musca ha detto:

    ?
    Mi scusi, perché ha “parlato quasi clandestinamente?

    RISPOSTA

    Magari s’informi, non da me, su che cosa ha fatto il Parlamento della moribonda Europa.

  • Barbara ha detto:

    Tristezza rabbia e conprensione
    :sad:è quello che provo un questo momento.
    Ha tutta la mia comprensione.Non è cosa semplice avere a che fare con chi non si vuol confrontare faccia a faccia per chiarire… tutti bravi sul Web a fare i geni di turno. Complimenti a lorsignori.
    Grazie comunque Dottor Montanari

  • Ernesto Musca ha detto:

    Per lei e per tutti.
    Dottore, diciamo le cose come stanno. Quando lei ha pubblicato lo studio, io e molti altri siamo stati parecchio disattenti e, per fortuna, qualcuno lo ha analizzato attentamente trovando degli errori enormi. Le spiego il perché. Nel suo lavoro ha affermato che il vaccino MMR sarebbe stato sospettato di collegamento con l’autismo mettendo come riferimento uno studio che, però, afferma il contrario di quello che ha scritto. Tra i vaccini analizzati alcuni sono scaduti. Poi, sempre nel suo lavoro, riporta uno studio per sostenere la pericolosità dell’alluminio nel quale viene indicato il contenuto ideale di alluminio (nelle dialisi)che dovrebbe essere inferiore a 50 μg/L,ma peccato che la quantità di esso nei vaccini è ben al di sotto di quella soglia, e anche di tanto. Ultima cosa: lei dice che la rivista dove ha pubblicato ha un IF di 2,32, ma non è vero, si è confuso con un’altra rivista che ha un nome simile, la “sua” non lo ha. Questo è un riassunto per le persone che non hanno voglia di leggere questo articolo, ma è giusto che sappiano la verità (e ci sono tante altre cose ambigue ma, essendo un riassunto, non potevo essere troppo prolisso). Sono curioso della sua risposta ora. http://medbunker.blogspot.it/2017/02/i-vaccini-inquinati-unesperta-dice-di-no.html?m=1

    RISPOSTA

    Lei presta fede a qualcuno che non ha capito niente e, di conseguenza, non ha capito niente neppure lei. La storiella dei vaccini scaduti è l’esempio più lampante dell’ignoranza crassa di chi ha scritto quella ridicola montagna d’idiozie. Il resto è sulla stessa linea se non, a volte, peggio. Sappia che il sig. Medbunker non solo non ha mai fatto una ricerca degna di questo nome nella sua vita, ma non sa nulla dell’argomento su cui pontifica, cadendo, così, negli errori grossolani dell’ignoranza più crassa combinata alla presunzione più sfrenata. Comunque, tutti tranquilli: di vaccini non mi occupo più. Non posso più perdere tempo.

  • dora ha detto:

    waxxed
    http://www.attivotv.it/linquisizione-vieta-la-proiezione-del-film-sui-vaccini-diffondiamolo-noi

    RISPOSTA

    Vaccini? Che roba è?[quote name=”DOROTA STEC”]http://www.attivotv.it/linquisizione-vieta-la-proiezione-del-film-sui-vaccini-diffondiamolo-noi

    RISPOSTA

    Vaccini? Che roba è?[/quote]
    …e triste…che potenza ha la big farma…in Polonia la chiamano big mafia…
    …e anche nel mio paese chi cerca di diffondere la verita viene minacciato…

    RISPOSTA

    L’errore è stato mio. La gente ha tutti i diritti di crepare senza rotture di scatole.

  • Germano ha detto:

    Prof Gobbi
    Caro dottore però anche Burioni ha distrutto il suo studio in un post scritto insieme al prof Gobbi che di ricerche degne di questo nome, anche sulle nanoparticelle e anche insieme a lei, ne ha fatte diverse. Cosa ha da dire? Come giustifica la presenza di foto alterate nel suo lavoro? Ha letto sul post di Burioni le critiche puntuali di Mattea Mattei? Qualcuno le ha sempre detto “pubblica i dati e ne parliamo”. Ora li ha pubblicati e, a meno di spiegazioni convincenti, mi pare che lei sia sommerso di ridicolo. Sono molto deluso e spero che abbia modo di discolparsi, perché sta facendo davanti a tutto il mondo una figura davvero barbina. Poi contento lei, contenti tutti. A parlare con Wakefield non ci fa bella Figura. Penso che io non occuparsi più di vaccini sia una scelta obbligata dopo quello che è accaduto.

    RISPOSTA

    Il mondo è fatto per persone come lei. Burioni9 non conosce nullaq dell’argomento e ciò che dice vale le chiacchiere di una qualunque mammina isterica, tipo quella della pertosse che racconta che io l’avrei “bannata”.Gobbi non ha fatto mai nessuna ricerca sulle nanoparticelle e, meno che mai, con noi. Le critiche sul nostro lavoro sono a dir poco grottesche: frutto d’ignoranza, di presunzione e, in alcuni casi, di pura corruzione. Il nostro lavoro è scientificamente ineccepibile e quanto alle foto alterate, solo un imbecille può credere a enormità del genere. Poi, magari, se il suo cervello ci arriva, mi spieghi che vantaggio avrei avuto io a comunicare falsità. I quattrini e la carriera si fanno esattamente dall’altra parte. Quanto a Wakefield, lei l’ha conosciuto o glie ne ha parlato il suo compagno di sbornie?
    Se io abbandono i vaccini è solo per i ricatti che continuo a ricevere da chi, con questo, non fa che dimostrare palesemente che ciò che riporto è inattacabile altrimenti. Mi auguro che un giorno possa recuperare il briciolo di onestà che le permetta di vergognarsi.

  • mikilinux ha detto:

    La Francia
    Cosa abbia fatto il Parlamento Europeo in tema di vaccini non saprei, di sicuro questa notizia arriva dalla Francia:

    https://autismovaccini.org/2017/02/09/francia-il-consiglio-di-stato-mette-al-bando-il-vaccino-esavalente/

    Ma una domanda, poi, mi verrebbe da fare a quei sapientoni come MedBunker, “Burloni” etc. Ma loro, tutti questi vaccini (40, 50 o quanti ne sono) che tanto innalzano a totem assolutamente da fare, loro, se li son fatti? Oppure predicano bene (si fa per dire!) e razzolano male?

    Per curiosità sono andato a rivedere il mio libretto delle vaccinazioni, 1970! Ne ho solo 3 (Poliomelite, Difterite e Vaiolo, tutti rigorosamente a vaccino singolo) e tutte fatte tra i 14 e i 18 mesi di età.

    Perché ora vorrebbero far vaccinare un “pupetto” di 6 mesi con “mille-mila” vaccini? Che senso ha visto che le condizioni sono certamente migliori rispetto – con riferimento al mio caso – al 1970?

    RISPOSTA

    Io non mi occupo di vaccini.

  • Ernesto Musca ha detto:

    Vediamo
    Allora se sono tutte idiozie perché non le smentisce una a una. Il sig. Medbunker, come lo chiama lei, ha “semplicemente” letto il suo studio e lo ha “analizzato” evidenziando le cose estremamente ambigue e fuorvianti

    RISPOSTA

    Io non ho tempo da perdere con un personaggio senza curriculum e senza dati propri che sproloquia, per di più in modo quanto mai prolisso, su argomenti a lui ignoti. In campo scientifico le regole sono poche e chiare: rifaccia le analisi e mostri i risultati. Il resto è aria fritta. Basterebbe che il sig. Medbunker leggesse ciò che ho pubblicato negli anni per accorgersi delle stupidaggini assurde che spara, compresi, al colmo del ridicolo, appunti su passaggi della ricerca che semplicemente non esistono. Ma, in fondo, ha ragione lui: il grande pubblico è ricettivo al massimo quando si tratta di uscire robecillito di chiacchiere stravaganti. Comunque sia, io non mi occupo più di vaccini e i prossimi post saranno dedicati interamente ai racconti che scrivevo un tempo. Insomma, si volta pagina.

  • Guglielmo ha detto:

    Scienza poco credibile
    L’impostazione assegnata all’inverosimile studio sui vaccini, condotto recentemente dall’agenzia francese per la sicurezza dei medicinali, è semplicemente ridicola. Appare evidente, non si è inteso neanche nasconderlo, che sia stato “fabbricato” ad arte, al solo scopo di screditare le ricerche di Montanari, al quale viene fatto esplicito riferimento (sic!).
    Ma stiamo discutendo di scienza o di cosa?

    RISPOSTA

    Money makes the world go ‘round.

  • Germano ha detto:

    Punti da chiarire
    a queste critiche molto circostanziate cosa risponde?
    e come si è potuto confondere sul l’impact factor della rivista, che ci ha raccontato sbagliato?

    “Materials and Methods”: When the water and saline the vaccine contains are evaporated, the biological/physical components emerge on the filter and it is then possibile to observe them.
    Cercano particolato (solido) nel vaccino (liquido); se da una soluzione evapora il solvente sicuramente rimangono dei composti solidi che non erano tali in soluzione.
    – The observations are made with different sensors (SE: secondary-electron sensor and BSE: backscattered-electron sensor) ….The method identifies clearly inorganic bodies with a higher atomic density (looking whiter) than the biological substrate.
    Questo e’ vero solo per i BSE, con i SE i chiari e scuri evidenziano la morfologia e solo molto parzialmente la differenza di composizione elementale. Alcuni errori presenti su altri articoli non ci sono in questo ma pare che ancora non conoscano bene lo strumento!!!
    – Nel paragrafo “Results”: … but further presence of micro-, sub-micro- and nanosized, inorganic, foreign bodies (ranging from 100nm to about ten microns) was identified in all cases … nella tabella 3 ci sono molte particelle con dimensioni anche nettamente superiori ai 10 micron; sono dichiarate come cloruro di Sodio!!! Sicuramente non sara’ lo stesso delle soluzioni fisiologiche iniettabili intravena ma uno molto tossico perche’ precipita in forma nana!!!. Dalla stessa tabella si evince che il Morupar e’ risultato privo di cloruro di sodio sebbene il produttore ne dichiari la presenza; in altri dove suppongo il cloruro di sodio sia presente ci sono quantita’ molto basse.
    – Dalla tabella 2 anche l’Allergoid risulta pulito perche’ trovano solo Al che e’ dichiarato dal produttore. Nel campione 11 (Infarix hexa), nel 37 e 38 (Gardasil) e nel 41 e 42 (Repevax) i produttori dichiarano la presenza di Al come fosfato ma gli autori non trovano il Fosforo e accoppiano l’Alluminio con altri elementi a formare quella che, non in questo articolo ma generalmente, definiscono “strana lega metallica non presente su alcun manuale di metallurgia”. In realta’ nel Gardasil il Fosforo c’e’ come risulta da quanto dicono nel seguito e dallo spettro in figura 1; sciattoneria? (referaggio impeccabile) Sara’ l’unica? In compenso trovano l’Alluminio, non dichiarato dal produttore, nel Feligen che comunque e’ un cavallo di battaglia del dottore “l’unico vaccino pulito e’ il Feligen, un vaccino per gatti, quindi i vaccini puliti si possono fare” e poi a volte ambigui discorsi “per le case farmaceutiche il meglio e’ avere clienti con lunga vita malaticcia”
    – Gardasil: la Figura 1 sembra congruente con quanto dichiarato dal produttore (fosfato di Alluminio),
    – Figura 3 (altro esempio di sciattoneria). The arrows show the points where EDS spectra were taken. Le frecce non ci sono!!!
    – Figure 4: Images show examples of nano biointeraction.
    Biointerazione con che? Nel paragrafo Materiali e metodi correttamente affermano che non si possono distinguere proteine da altri componenti organici (dimenticano la cellulosa sulla quale e’ depositato il vaccino!!!); qui invece pretendono di vedere i prodotti di biointerazione!
    – Paragrafo “conclusioni”: The inorganic particles identified are neither biocompatible nor biodegradable, that means that they are biopersistent …. Questa, chiamiamola inesattezza, continuano a spararla. L’EDS fornisce una composizione elementale ossia in elementi quindi non il composto e quindi nessuna delle informazioni che dichiarano (biodegradabile ….)
    – Probabilmente questa e’ la migliore! La Tab 3 e la fig 8 si riferiscono al contenuto di particelle e aggregati trovati nei 20 microlitri e sono state contate 3 volte da tre diverse persone con un errore inferiore al 10%! I 20 microlitri sono distribuiti su un filtro di cellulosa da 25 mm di diametro, quindi area 490 mm2; andiamo a vedere come potrebbe aver effettuato l’analisi del Gardasil: nell’immagine a basso ingrandimento (fig. 1) l’area indagata e’ circa 23 mm2 quindi per osservare i 20 microlitri hanno dovuto analizzare 21 zone del campione; se sono stati molto veloci nel centrare la zona, mettere a fuoco, acquisire l’immagine e lo spettro e salvare possiamo considerare 5 minuti per ogni immagine che richiedono circa 1 ora e 3 quarti oltre al tempo necessario alle 3 persone per contare. Su queste immagini a basso ingrandimento le nane e anche le micro sicuramente non si vedono (controllare in figura 1) quindi ognuna delle 21 immagini va vista ad ingrandimenti maggiori, ad esempio consideriamo la figura 4a; e’ un rettangolo con base circa a 0.06 mm, quindi mantenendoci larghi (consideriamo un quadrato) l’area risulta 0.0036 mm2, per vedere tutto il filtro di cellulosa serve l’acquisizione di 136284 immagini e, considerando sempre 5 minuti per analisi, significa che per analizzare i 44 vaccini 3 persone hanno lavorato 24 ore su 24 per 57 anni.

    RISPOSTA

    Sta scherzando?

  • Germano ha detto:

    Bugie su bugie
    Tralasciando gli insulti, sei poco sotto afferma che il prof Gobbi non ha mai fatto una ricerca sulle nanoparticelle, e meno che mai con voi. Questo è falso

    Environmental nanoparticles are significantly over-expressed in acute myeloid leukemia

    G. Visani, A. Manti, L. Valentini, B. Canonico, F. Loscocco, A. Isidori, E. Gabucci, P. Gobbi, S. Montanari, M. Rocchi, S. Papa, A.M. Gatti1

    Published Online: September 02, 2016
    Article has an altmetric score of 18
    DOI: http://dx.doi.org/10.1016/j.leukres.2016.09.004

    RISPOSTA

    Temo che lei non sappia come funziona il “galateo” di questa orrenda professione. Ha idea di quanti tra gli “autori” sappiano almeno di che cosa si tratta? Lei mi dà del bugiardo senza avere idea di che cosa stia dicendo né, ovviamente, della sitazione ributtante in cui siamo costretti a vivere dopo la gloriosa impresa di Grillo. Potrei reagire con gl’insulti che merita ma lei striscia talmente in basso da non meritare attenzione. Allora, mi ringrazi per averle risposto.

  • edimattioli ha detto:

    raffica di minacce
    le minacce sono reato!!! tanto più che se riguardano anche la ricerca sulle leucemie , coinvogono altre persone … spero che vorrete denunciare quello che sta accadendo!!

    RISPOSTA

    Le minacce sono fatte da chi sa come farle. Siete tutti voi a dover reagire scrivendo all’Università di Urbino e all’Ordine dei Medici. Se non lo fate, significa che vi va bene così.Io ho già dato.

  • TRONAZ ha detto:

    Persa una battaglia, non la guerra
    Sono estremamente deluso e triste, la vostra resa è la nostra sconfitta più cocente perchè chinare il capo e rinunciare a lottare (ma tanti avrebbero mollato molto prima) è la sconfitta di tutti quelli che cercano la Verità. Possiamo anche scrivere all’Università di Urbino e all’Ordine che immagino minacci una radiazione, ma seremmo poche voci, non cambierebbe nulla temo. L’augurio è che persa la battaglia si possa vincere la guerra quando le ricerche che state facendo su altri temi porteranno a risultati così clamorosi che non potranno più essere né ignorati né messi in discussione. Quando avrete il riconoscimento che vi spetta non ci potranno più essere minacce mafiose o tronfi individui da socialnetwork a fermarvi e nascondere la Verità. Con immutata stima e solidarietà

    RISPOSTA

    Noi abbiamo già fatto scoperte che oggi, dopo anni, non pochi “scienziati” stanno spacciando per roba loro. Se leggerà ciò che abbiamo pubblicato da poco sulla leucemia e ne conserverà copia per 10 anni, vedrà.

  • Germano ha detto:

    Scuse
    Carissimo Dottore, ho letto la sua risposta e mi devo scusare con lei, in quanto se come lei dice è stato inserito in un lavoro al quale non ha partecipato è un comportamento estremamente scorretto da parte degli autori che deve essere immediatamente segnalato per i provvedimenti. Sinceramente mi sono stupito che un suo lavoro sia stato citato da Burioni per corroborare la sua tesi dell’innocuità dei vaccini, adesso mi spiego tutto. Grazie.

  • elenavera ha detto:

    Non mollate!
    Caro Maestro Montanari,leggo con sbigottimento. Non riesco ad accettare che Lei “sia fuori”. Qualcosa si potrà pur fare. Non voglio credere che quei pezzenti che l’hanno minacciata possano averla vinta. No. Tutto quello che Lei sta facendo per noi è troppo importante. Pragmaticamente, voglio sapere cosa posso, cosa possiamo fare oltre a ciò che ho letto nei commenti precedenti al mio ed infine, ma non meno importante…..da che “pulpito” giungono quelle minacce?
    Lei e sua moglie siete indispensabili.
    Io, nel mio piccolo, nel frattempo condividerò quello che vi è accaduto con più persone possibili. Un abbraccio a Lei e a sua moglie.

    RISPOSTA

    Non c’è niente da fare. Per poter continuare abbiamo bisogno di essere indipendenti e questo prevede che noin disponiamo di un microscopio e del denaro per mantenerlo. Volgarità. Si tratta di somme enormi: un centesimo e mezzo per ogni italiano il primo anno e mezzo centesimo l’anno per gli anni successivi. Decisamente troppo.

  • Pardini ha detto:

    Sentieri difficili
    Sentieri difficili

    Ci sono uomini che seguono vie facili
    per 30 denari e convincono tutti di scelte
    dannose per molti, utili per pochi.
    Ci sono persone che amano la libertà,

    la verità e l’umanità che percorrono vie
    molto difficili per essere fedeli alla propria
    coscienza e per non barattare valori universali
    con valori materiali. Monti pieni

    di spine e di precipizi fino a toccare
    il cielo, con l’animo leggero e
    lo spirito carico di futuro.
    La libertà è una conquista per cui vale combattere ogni giorno…

  • Ernesto Musca ha detto:

    ?
    “Nel suo lavoro ha affermato che il vaccino MMR sarebbe stato sospettato di collegamento con l’autismo mettendo come riferimento uno studio che, però, afferma il contrario di quello che ha scritto.” Ma non ci va un super curriculum eh. Vuole dire che non è vero quello che è scritto sopra?

    RISPOSTA

    Temo che ci sia qualche problema di comprensione.

  • anna80 ha detto:

    PROTESTIAMO!
    Per protestare

    rettore università urbino prof. Wilberto Stocchi

    rettore@uniurb.it

    direzione ospedali marche nord

    direzione@ospedalimarchenord.it

    FACCIAMOCI TUTTI SENTIRE!!!!!
    FORZA DIFENDIAMO IL DOTT MONTANARI

  • anna80 ha detto:

    protestiamo!
    [quote name=”Edi Mattioli”]le minacce sono reato!!! tanto più che se riguardano anche la ricerca sulle leucemie , coinvogono altre persone … spero che vorrete denunciare quello che sta accadendo!!

    RISPOSTA

    Le minacce sono fatte da chi sa come farle. Siete tutti voi a dover reagire scrivendo all’Università di Urbino e all’Ordine dei Medici. Se non lo fate, significa che vi va bene così.Io ho già dato.[/quote]

    Il dottore ci ha detto cosa dobbiamo fare!!! scrivete tutti a università di Urbino!

  • parideparis ha detto:

    Basta con i vaccini, appunto!
    Che sulle vaccinazioni di massa vi sia qualcosa di cui dubitare è una conclusione non difficile da raggiungere per chiunque eserciti il suo intelletto. Malattia come il morbillo e la varicelle che nella mia generazione era comune avere senza nessun timore ora sono rappresentate come pericolosissime e per esse sono previste raffiche di vaccinazioni, che oltretutto, quando sono efficaci non fanno altro che spostare in un’età successiva il rischio di contrarre queste malattie, che allora diventano in effetti pericolose. A 2 mesi di vita si vaccina un bambino per una malattia come l’epatite B che si prende con scambi di sangue o rapporti sessuali. Non si vuol riconoscere il fatto che una malattia come la poliomielite è scomparsa anche grazie al venir meno delle condizioni di igiene insufficiente e di malnutrizione che ne rappresentano i presupposti essenziali e si attribuisce tutto il merito alle vaccinazioni (ma allora come è scomparsa la peste che ancora nel ‘600- vedasi i Promessi Sposi- imperversava per l’Europa?). Un giorno ci viene detto che in Italia è incorso una terribile epidemia di meningite (da meningococco? e di quale ceppo?), il giorno dopo ci viene detto, dagli stessi mezzi di informazione, che non è così e che i casi sono del tutto nella norma. Le domande da porsi sono molte, e che ha un po’ di intelligenza capisce da solo che non si può assumere l’atteggiamento dei tifosi in queste cose ma bisogna cercare di capire con pazienza. In tal caso la lettura di “Vaccini sì o no” è molto utile. Io consiglio anche di leggere il libro del dott. Eugenio Serravalle “Bambini super vaccinati”, che giudico molto utile. Se invece uno vuol fare il tifoso, tiri fuori la sua bandiera e la agiti e sarà contento.
    I mass media in modo martellante ci bombardano con un’unica verità sulle vaccinazioni di massa: vanno fatte a tutti i bambini, senza eccezioni, nel numero costantemente crescente che viene proposto (ora credo che siamo intorno alle 13 o 14 malattie (senza considerare i vari ceppi di una stessa malattia), per ognuna delle quali si fanno vari richiami. Negli anni settanta si vaccinava per 3 sole malattie o giù di lì, come ha osservato una altro lettore di questo blog. A sostegno di tutto questo si sono scomodati (solo per stare in Italia) niente di meno che il Presidente della Repubblica e i presidenti di Senato e Camera. Quest’ultima ha si è dichiarata d’accordo con l’idea di adottare forme di censura nei confronti di chi diffonde opinioni difformi e solleva dubbi sulla vaccinazioni (la storia della post verità, per intenderci), trattando costoro, in termini di diritto costituzionale, al pari di chi fa l’apologia del fascismo. Tutti i giornalisti, con un’unica voce non fanno che cantare le lodi dei vaccini e così i politici, e chiunque dubiti dell’innocuità di questi farmaci viene trattato come un pazzo o un delinquente. Sui giornali ci sono periodicamente titoloni che annunciano l’ennesimo giro di vite contro i medici che sollevano qualsiasi tipo di dubbio sulle vaccinazioni.
    Tuttavia (magari è capitato solo a me) io mi sono imbattuto nel racconto di più di un genitore che ha visto il proprio figlio andare incontro a situazioni non proprio tranquillizzanti subito dopo una vaccinazione.

  • parideparis ha detto:

    Basta con i vaccini, appunto- parte 2^!
    …. aggiungo la parte di commento che non stava nello spazio:

    Io non sono in grado di dire se gli inquinanti che il dott. Montanari afferma di trovare nei vaccini ci siano o no. Per farlo dovrei rifare le analisi a mia volta, cosa che non sono in grado di fare. Ma questo vale per mille cose con cui abbiamo a che fare ogni giorno. A me il dott. Montanari sembra persona degna di fiducia. E quindi gli credo, ma ognuno può avere la sua opinione.
    Quello che mi par chiaro è che il calo delle vaccinazioni non dipende dal fatto che la gente legga i libri di Montanari o di Serravalle (magari lo si facesse su larga scala!) o che conosca la vicenda del dott. Wakefield (che quasi nessuno conosce) o si faccia influenzare dai siti internet. Secondo me tutto dipende molto semplicemente dall’esperienza diretta delle persone, che, in una quota crescente, si pongono le mie stesse domande e si imbattono in situazioni non proprio corrispondenti alla realtà propagandata da tutti i mass media e dalle istituzioni pubbliche. Le minacce e i provvedimenti nei confronti dei medici non allineati o i ricatti del tipo “se non fai tutti i vaccini (ora si parla di 13, senza contare i richiami!) a tuo figlio non lo puoi mandare all’asilo” ottengono solo l’effetto di accrescere la sfiducia delle persone, dando l’idea di un clima da persecuzione dell’eresia e da imposizione di una verità di Stato, che fa solo ridere.
    Al dott. Montanari vorrei dire che in effetti è giunta l’ora di lasciar perdere ogni ricerca o almeno ogni comunicazione sui vaccini. Ormai chi vuole farsi un’idea ha già molte informazioni a disposizione e il fatto che un ricercatore si rovini ulteriormente l’esistenza per analizzare altri vaccini non aggiungerà molto al quadro generale. D’altra parte, se i vaccini in effetti provocano dei danni, continuare ad aumentare il loro numero come si sta facendo non farà che rendere sempre più evidenti questi danni, e renderà sempre più visibile il fatto che i bambini non vaccinati non sono soggetti a questi problemi. A un certo punto saranno i fatti in sé ad imporsi, come nella storia abbiamo già visto in qualche occasione. Scommetto che allora vedremo più di qualcuno rinnegare il proprio passato di sostenitore delle vaccinazioni di massa, e passare magari a sostenere la tesi opposta…. anche di questo atteggiamento abbiamo qualche esempietto nella storia patria.
    Quello che temo è che anche le ricerche su una possibile correlazione tra leucemie e nanopolveri nel sangue possano scontrarsi con gli stessi ostacoli, perché a un certo punto si dovrà pur capire da dove provengono quelle particelle e non sia mai che si osi affermare che derivano da inceneritori, acciaierie, filtri antiparticolato dei motori diesel o altre amenità, che non possono essere oggetto di critica, pena il reato di lesa maestà.

    RISPOSTA

    Uno dei miei tanti errori è stato quello di dare risultati oggettivi che nessuno con un briciolo di cervello, un altro di cultura e un altro di onestà può contestare. A qual punto era indispensabile togliermi ogni possibilità di ricerca e coprirmi di fango. Tecniche rozze ma efficacissime.

  • Ernesto Musca ha detto:

    Ma.
    A quanto pare Montanari non vuole affrontare la realtà. Mi scusi eh, ma le ho fatto una domanda ben precisa e lei mi ha risposto in modo estremamente ambiguo. Nessuno nega la presenza delle nanoparticelle, ma lei nel suo lavoro ha inserito uno studio che dice il contrario di quello che lei afferma, ovvero che la quantità di alluminio nei vaccini non è pericolosa in quanto sono ben al di sotto (e di tantissimo) della soglia di sicurezza e, di conseguenza, dire che sono pericolose è errato. Quindi proprio non riesco a capire il suo atteggiamento, con tutto il rispetto.

  • Gmtubini ha detto:

    Mi si scusi l’ignoranza crassa
    [quote name=”Ernesto”]A quanto pare Montanari non vuole affrontare la realtà. Mi scusi eh, ma le ho fatto una domanda ben precisa e lei mi ha risposto in modo estremamente ambiguo. Nessuno nega la presenza delle nanoparticelle, ma lei nel suo lavoro ha inserito uno studio che dice il contrario di quello che lei afferma, ovvero che la quantità delle particelle nei vaccini non è pericolosa in quanto sono ben al di sotto (e di tantissimo) della soglia di sicurezza e, di conseguenza, dire che sono pericolose è errato. Quindi proprio non riesco a capire il suo atteggiamento, con tutto il rispetto.[/quote]
    Nel mio piccolo vorrei sapere chi, quando e come ha stabilito che una certa soglia di troiai la si può definire “di sicurezza”.
    Grazie.

    RISPOSTA

    Purtroppo, come dice fin dal 2007 la European Environment Agency senza che ci fosse bisogno della conferma, per le particelle non è stata individuata alcuna soglia di sicurezza. Il genio di turno ignora la differenza che passa tra il comportamento di un atomo o di una molecola e quello di una particella, ma che importa? L’importante è correre in gaiezza verso la morte.

  • Fabio B ha detto:

    Grazie comunque
    Caro Dott. Montanari,
    con grandissimo rammarico (soprattutto perchè la sensazione che si prova è quella di essersi fermati a 20 metri dalla vetta del K2) prendo atto della sua decisione sui vaccini.
    La seguo da molti anni: sono sempre rimasto colpito dalle sue ricerche su inceneritori, FAP, biomasse, etc. ma soprattutto ho apprezzato (e continuo a farlo) il suo modo di porsi e la sua onestà.
    Posso solo vagamente immaginare cosa deve aver passato, insieme a sua moglie, sia sul piano professionale che su quello personale. Proprio questa vaga idea, però, mi basta per ringraziarvi infinitamente per quanto avete fatto: i vostri libri e i video delle vostre conferenze resteranno comunque incancellabili a testimonianza di tutto.

    Più volte ha scritto che non si sarebbe mai fermato: è evidente che oggi si trova in una situazione davvero estrema. Lei ha motivato la decisione presa con l’impossibilità di proseguire, pena lo stop delle vostre ricerche sulla leucemia mieloide. Mi permetta una domanda: cosa le fa credere che quando arrivererete, anche in quel caso, a dimostrare le scoperte che magari oggi avete intuito vi riconosceranno i meriti dovuti e non vi metteranno forzatamente a tacere come fanno oggi? Se tutto sarà in linea con la medicina ufficiale, forse avrà qualche aiuto. Altrimenti?

  • Sebastiano ha detto:

    @Fabio
    “… Mi permetta una domanda: cosa le fa credere che quando arriverete, anche in quel caso, a dimostrare le scoperte che…”

    Ciò che è importante è concludere lo studio, altrimenti non avresti alcunché di cui discutere (e per taluni individui si potrebbe tradurre in un vantaggio). E la conclusione di uno studio per chi fa ricerca è comunque un traguardo che ti ripaga in parte o in toto degli sforzi compiuti: qualcosa che ti “sazia” con gusto.

    A lei dott. Montanari e consorte semplicemente grazie per il vostro contributo alla ricerca.

  • Ernesto Musca ha detto:

    Maria Tubini
    Eh però. È un “valore di sicurezza”, e mon se lo sono inventanti, ma deriva da anni di ricerca, come ogni cosa ovviamente. Poi, tra l’altro, non è uno studio che ho citato io, ma è uno studio che ha inserito proprio Montanari nel suo lavoro, ma peccato che i valori siano enormemente al di sotto di quelli indicati; quindi è una contraddizione enorme. (Mi correggo, ovviamente nello studio si parla di alluminio.)

    RISPOSTA

    Purtroppo non ho tempo e sotto un certo livello non sono proprio capace di scendere. Magari legga http://blog.ilgiornale.it/locati/files/2017/02/I-goal-di-Medbunker-3.pdf Ci sarebbe molto altro da aggiungere ma non vale la pena.

  • Gmtubini ha detto:

    Epperò…
    [quote name=”Ernesto”]Eh però. È un “valore di sicurezza”, e mon se lo sono inventanti, ma deriva da anni di ricerca, come ogni cosa ovviamente. Poi, tra l’altro, non è uno studio che ho citato io, ma è uno studio che ha inserito proprio Montanari nel suo lavoro, ma peccato che i valori siano enormemente al di sotto di quelli indicati; quindi è una contraddizione enorme. (Mi correggo, ovviamente nello studio si parla di alluminio.)[/quote]
    Mi sa tanto invece che se lo sono inventati, come si sono inventati “l’effetto gregge” calcolandolo sulla base di modelli inferenziali.
    Comunque grazie al dott. Montanari e gentile consorte per averci messo la faccia e tutto il resto.

  • Ernesto Musca ha detto:

    Maria Tubini.
    Forse non ha compreso. Quello studio lo ha messo proprio Montanari per dimostrare la pericolosità dell’alluminio. È simpatica, per lei inventano tutto. Interessante.

  • Gmtubini ha detto:

    Simpatica?
    [quote name=”Ernesto”]Forse non ha compreso. Quello studio lo ha messo proprio Montanari per dimostrare la pericolosità dell’alluminio. È simpatica, per lei inventano tutto. Interessante.[/quote]
    Se le sfugge un Giovanni davanti a Maria, temo possa sfuggirle anche qualche altra cosetta. Coraggio, la vita prosegue, almeno per un po’ (forse)…

    RISPOSTA

    Ormai siamo scesi a livelli da coma etilico. Io ho accettato la realtà: ciò che si è effettivamente detto e fatto non ha la minima importanza. Ormai si vive all’interno della propria teca cranica impenetrabile come una monade di Leibniz “senza porte né finestre”. Facendoci bene i conti, a me non importa nulla.

  • Loredana D ha detto:

    Ernesto
    È uno spasso leggerla.

    Comunque, la risposta del perché nessuno prende in considerazione i risultati delle ricerche condotte sui vaccini dal Dott. Montanari, è da ricondursi, secondo me, a questo:
    “Vaccines: becoming an engine for the pharmaceutical industry”, è quello che si legge sul rapporto “Global vaccine market features and trends” dell’OMS.
    http://who.int/influenza_vaccines_plan/resources/session_10_kaddar.pdf

    Ci sono troppi interessi (economici) in ballo, dopotutto, occorre tranquillizzare gli azionisti!

  • Germano ha detto:

    Viscido
    Montanari, invece di giocare a fare la vittima sa rispondere alle critiche? Sa giustificare il fatto che ha mentito sul l’impact factor della rivista giocando su una similitudine del nome? Sa giustificare l’assenza di un controllo negativo? E la fotografia evidentemente taroccati? aspettiamo fiduciosi.

    RISPOSTA

    Caro signore, lei sbaglia: è lei la vittima, mica io. Prima di avanzare critiche, forse è meglio sapere almeno di che cosa si parla. Poi si mandano i dati propri. Quanto all’impact factor, ha ragione: l’errore è scaturito dal fatto che noi avevamo mandato l’articolo ad una rivista dello stesso gruppo che, poi, lo dirottò su una pubblicazione a loro parere più centrata sull’argomento. Resta il fatto incontrovertibile pur se ignoto al popolino che l’impact factor non ha la minima rilevanza sul contenuto dell’articolo e chi si aggrappa a quello dimostra solo la propria mancanza di argomenti e la propria estraneità agli usi e costumi del piccolo mondo della scienza. Ma, ovviamente, chi siede al bar non può saperlo e, per questo, è preda comoda. Sul controllo negativo ho risposto innumerevoli volte e non ho intenzione di ripetermi semplicemente per accontentare la sua pigrizia. Quanto al “taroccamento” delle foto, temo che solo un perfetto incompetente possa affermare un’enormità del genere che non so proprio da che cosa possa essere giustificata. Magari, mi dice da dove le arriva un concetto così palesemente ridicolo e aggiungeremo il personaggio alla già corposa lista degli inaggettivabili. E magari mi dice pure che interesse avrei a svelare le porcherie che da 15 anni troviamo nei vaccini. Non sarebbe meglio fare ciò che fanno i luminari che pontificano a mutande calate? E, magari ancora, mi dice che preparazione specifica ha lei? Da ciò che scrive mi pare all’altezza della mammina della pertosse, quella che, chissà perché, racconta che io l’avrei “bannata”, o del bigiottiere bolognese o del medico senza curriculum che si nasconde dietro un buffo pseudonimo per sparare bislaccherie. Ma forse sbaglio e lei è un faro di luce nelle nebbie dell’ignoranza. Nel caso, mi perdoni.

  • Sebastiano ha detto:

    @Germano
    [quote name=”Germano”]Montanari, invece di giocare a fare la vittima sa rispondere alle critiche? Sa giustificare il fatto che ha mentito sul l’impact factor della rivista giocando su una similitudine del nome? Sa giustificare l’assenza di un controllo negativo? E la fotografia evidentemente taroccati? aspettiamo fiduciosi.[/quote]

    [i]In primis[/i] eviti gli insulti e poi legga qui:

    http://blog.ilgiornale.it/locati/2017/02/11/vaccini-sporchi-minacce-ai-ricercatori-2/#disqus_thread

  • Ernesto Musca ha detto:

    Giovanni
    Uh che errore. Ma vada a studiare anziché affermare boiate, mi riferisco all’immunità di gregge.

  • Sebastiano ha detto:

    @Ernesto
    [quote name=”Ernesto”]Uh che errore. Ma vada a studiare anziché affermare boiate, mi riferisco all’immunità di gregge.[/quote]

    Mi consenta Ernesto, saprebbe indicarmi esattamente la percentuale di copertura vaccinale dei residenti italiani 0-100+ anni alla data della presente (ma anche con riferimento a qualche anno addietro) per tipologia di vaccino, per numero e tempi di dosi/richiami eseguiti? Io non ho trovato nulla di dettagliato a copertura dell’intero intervallo di cui sopra, ma solo nella fascia 0-14 anni o poco più (a tale fascia corrisponde ad oggi circa il 14-15% della popolazione totale).

    Qui i dati Istat dei residenti (basta cliccare su “Tavola”):
    http://demo.istat.it/pop2016/index.html

    Attendo lumi.
    Cordialità.

  • Germano ha detto:

    Cattedre e sgabelli
    [quote name=”Germano”]Montanari, invece di giocare a fare la vittima sa rispondere alle critiche? Sa giustificare il fatto che ha mentito sul l’impact factor della rivista giocando su una similitudine del nome? Sa giustificare l’assenza di un controllo negativo? E la fotografia evidentemente taroccati? aspettiamo fiduciosi.

    RISPOSTA

    Caro signore, lei sbaglia: è lei la vittima, mica io. Prima di avanzare critiche, forse è meglio sapere almeno di che cosa si parla. Poi si mandano i dati propri. Quanto all’impact factor, ha ragione: l’errore è scaturito dal fatto che noi avevamo mandato l’articolo ad una rivista dello stesso gruppo che, poi, lo dirottò su una pubblicazione a loro parere più centrata sull’argomento. Resta il fatto incontrovertibile pur se ignoto al popolino che l’impact factor non ha la minima rilevanza sul contenuto dell’articolo e chi si aggrappa a quello dimostra solo la propria mancanza di argomenti e la propria estraneità agli usi e costumi del piccolo mondo della scienza. Ma, ovviamente, chi siede al bar non può saperlo e, per questo, è preda comoda. Sul controllo negativo ho risposto innumerevoli volte e non ho intenzione di ripetermi semplicemente per accontentare la sua pigrizia. Quanto al “taroccamento” delle foto, temo che solo un perfetto incompetente possa affermare un’enormità del genere che non so proprio da che cosa possa essere giustificata. Magari, mi dice da dove le arriva un concetto così palesemente ridicolo e aggiungeremo il personaggio alla già corposa lista degli inaggettivabili. E magari mi dice pure che interesse avrei a svelare le porcherie che da 15 anni troviamo nei vaccini. Non sarebbe meglio fare ciò che fanno i luminari che pontificano a mutande calate? E, magari ancora, mi dice che preparazione specifica ha lei? Da ciò che scrive mi pare all’altezza della mammina della pertosse, quella che, chissà perché, racconta che io l’avrei “bannata”, o del bigiottiere bolognese o del medico senza curriculum che si nasconde dietro un buffo pseudonimo per sparare bislaccherie. Ma forse sbaglio e lei è un faro di luce nelle nebbie dell’ignoranza. Nel caso, mi perdoni.[/quote]

    Ho capito hanno cambiato la rivista a sua insaputa. Come Scaiola e come la Raggi, che disdetta. Il mio curriculum è irrilevante, non così quello di Burioni e Gobbi che l’hanno fatta a pezzi, entrambi hanno una cattedra mentre lei non ha neanche uno sgabello. minstia bene, sono curioso di sentire cosa dirà alla radio da gheri mercoledì, mi ha molto deluso. La credevo una persona seria.

    RISPOSTA

    Vede, egregio, signore, prescindendo da tutte le manifestazioni che senza dubbio interesseranno il suo psichiatra quando la suora l’accompagnerà di nuovo in reparto, ho trovato divertende la notazione sulle cattedre. Ha controllato? Comunque, non mi creda “una persona seria”. Sono solo una persona che ha la pazienza e la pietà di non mandare a quel paese i perdigiorno, gl’ignoranti, i presuntuosi, i vigliacchi che non mostrano la faccia…

  • Germano ha detto:

    Cattedre e sgabelli
    [quote name=”Germano”]a queste critiche molto circostanziate cosa risponde?
    e come si è potuto confondere sul l’impact factor della rivista, che ci ha raccontato sbagliato?

    “Materials and Methods”: When the water and saline the vaccine contains are evaporated, the biological/physical components emerge on the filter and it is then possibile to observe them.
    Cercano particolato (solido) nel vaccino (liquido); se da una soluzione evapora il solvente sicuramente rimangono dei composti solidi che non erano tali in soluzione.
    – The observations are made with different sensors (SE: secondary-electron sensor and BSE: backscattered-electron sensor) ….The method identifies clearly inorganic bodies with a higher atomic density (looking whiter) than the biological substrate.
    Questo e’ vero solo per i BSE, con i SE i chiari e scuri evidenziano la morfologia e solo molto parzialmente la differenza di composizione elementale. Alcuni errori presenti su altri articoli non ci sono in questo ma pare che ancora non conoscano bene lo strumento!!!
    – Nel paragrafo “Results”: … but further presence of micro-, sub-micro- and nanosized, inorganic, foreign bodies (ranging from 100nm to about ten microns) was identified in all cases … nella tabella 3 ci sono molte particelle con dimensioni anche nettamente superiori ai 10 micron; sono dichiarate come cloruro di Sodio!!! Sicuramente non sara’ lo stesso delle soluzioni fisiologiche iniettabili intravena ma uno molto tossico perche’ precipita in forma nana!!!. Dalla stessa tabella si evince che il Morupar e’ risultato privo di cloruro di sodio sebbene il produttore ne dichiari la presenza; in altri dove suppongo il cloruro di sodio sia presente ci sono quantita’ molto basse.
    – Dalla tabella 2 anche l’Allergoid risulta pulito perche’ trovano solo Al che e’ dichiarato dal produttore. Nel campione 11 (Infarix hexa), nel 37 e 38 (Gardasil) e nel 41 e 42 (Repevax) i produttori dichiarano la presenza di Al come fosfato ma gli autori non trovano il Fosforo e accoppiano l’Alluminio con altri elementi a formare quella che, non in questo articolo ma generalmente, definiscono “strana lega metallica non presente su alcun manuale di metallurgia”. In realta’ nel Gardasil il Fosforo c’e’ come risulta da quanto dicono nel seguito e dallo spettro in figura 1; sciattoneria? (referaggio impeccabile) Sara’ l’unica? In compenso trovano l’Alluminio, non dichiarato dal produttore, nel Feligen che comunque e’ un cavallo di battaglia del dottore “l’unico vaccino pulito e’ il Feligen, un vaccino per gatti, quindi i vaccini puliti si possono fare” e poi a volte ambigui discorsi “per le case farmaceutiche il meglio e’ avere clienti con lunga vita malaticcia”
    – Gardasil: la Figura 1 sembra congruente con quanto dichiarato dal produttore (fosfato di Alluminio),
    – Figura 3 (altro esempio di sciattoneria). The arrows show the points where EDS spectra were taken. Le frecce non ci sono!!!
    – Figure 4: Images show examples of nano biointeraction.
    Biointerazione con che? Nel paragrafo Materiali e metodi correttamente affermano che non si possono distinguere proteine da altri componenti organici (dimenticano la cellulosa sulla quale e’ depositato il vaccino!!!); qui invece pretendono di vedere i prodotti di biointerazione!
    – Paragrafo “conclusioni”: The inorganic particles identified are neither biocompatible nor biodegradable, that means that they are biopersistent …. Questa, chiamiamola inesattezza, continuano a spararla. L’EDS fornisce una composizione elementale ossia in elementi quindi non il composto e quindi nessuna delle informazioni che dichiarano (biodegradabile ….)
    – Probabilmente questa e’ la migliore! La Tab 3 e la fig 8 si riferiscono al contenuto di particelle e aggregati trovati nei 20 microlitri e sono state contate 3 volte da tre diverse persone con un errore inferiore al 10%! I 20 microlitri sono distribuiti su un filtro di cellulosa da 25 mm di diametro, quindi area 490 mm2; andiamo a vedere come potrebbe aver effettuato l’analisi del Gardasil: nell’immagine a basso ingrandimento (fig. 1) l’area indagata e’ circa 23 mm2 quindi per osservare i 20 microlitri hanno dovuto analizzare 21 zone del campione; se sono stati molto veloci nel centrare la zona, mettere a fuoco, acquisire l’immagine e lo spettro e salvare possiamo considerare 5 minuti per ogni immagine che richiedono circa 1 ora e 3 quarti oltre al tempo necessario alle 3 persone per contare. Su queste immagini a basso ingrandimento le nane e anche le micro sicuramente non si vedono (controllare in figura 1) quindi ognuna delle 21 immagini va vista ad ingrandimenti maggiori, ad esempio consideriamo la figura 4a; e’ un rettangolo con base circa a 0.06 mm, quindi mantenendoci larghi (consideriamo un quadrato) l’area risulta 0.0036 mm2, per vedere tutto il filtro di cellulosa serve l’acquisizione di 136284 immagini e, considerando sempre 5 minuti per analisi, significa che per analizzare i 44 vaccini 3 persone hanno lavorato 24 ore su 24 per 57 anni.

    RISPOSTA

    Sta scherzando?[/quote]

    Una risposta esaustiva, grazie.

    RISPOSTA

    A parte il fatto che le risposte le ho date numerose volte e certo non le ripeterò ancora per lei, se avessi tempo per queste idiozie significherebbe che sarei seduto anch’io al bar. Purtroppo non ho questo privilegio. Quanto al prof. Gobbi, la prego di scrivergli (pietro.gobbi@uniurb.it) e di chiedergli dove, come e quando mi avrebbe fatto a pezzi al di fuori della sua curiosa comprensione di ciò che qualche bizzarro personaggio ha scritto. Vede, per fare a pezzi me occorre qualcuno che almeno conosca l’argomento che IO tratto e non altro. Poi si presentano i fatti e le chiacchiere tanto care vanno qa zero. Quanto a Burioni, rispolvero Totò: ma mi faccia il piacere! Lo stani e me lo porti davanti con i dati suoi e vedremo come finirà l’evento. Aspetti solo un attimo che mi si risaldino le 6 costole che mi si sono fratturate perché ridere mi dà dei fastidi. Comunque sia, è evidente che, fino a che si scappa e si può disporre di un pubblico di psicolabili, non ci saranno problemi a far credere di vincere, addirittura facendo a pazzi l'”avversario”. Giovedì scorso ero a Bruxelles con Luc Montagnier, (niente di particolare: appena Premio Nobel) e, dunque, non certo alle vette di Burioni. Abbiamo fatto una presentazione insieme e, curiosamente, ha evitato l’argomento Burioni guardandomi stupito e dicendomi un “mai coverto” alla Brancaleone da Norcia. Io ho capito subito: era a metà strada tra invidia e terrore.

  • Gmtubini ha detto:

    Boiate
    [quote name=”Ernesto”]Uh che errore. Ma vada a studiare anziché affermare boiate, mi riferisco all’immunità di gregge.[/quote]

    Corro ad erudirmi immantinente!
    Eh! Eh! Eh!
    Mi perdoni se a mia volta non la invito con la stessa sua cortesia a recarsi a zappare la terra, ma il fatto è che considero tale attività troppo nobile e importante per l’umanità per affidarla al primo che capita.
    Dica un po’, ma lei che fa di mestiere? Mica l’ufficiale dello stato civile, vero?!

  • Gmtubini ha detto:

    Fattore d’impatto
    A me pare, esimio dott. Montanari, che se si prosegue con questo ritmo, lei avrà presto materiale a sufficienza per imbastire uno studio sugli effetti dei vaccini sulla salute mentale degli individui. Lo so che alla fine il campione, pur già ampio, rimane di convenienza su base volontaria e non si può generalizzare, ma come inizio… 🙂

    RISPOSTA

    Qualche giorno fa il direttore del TG4 sparò una minibordata di stramberie di regime, ma poi illuminò il mondo dicendo che occorre poter disporre di un vaccino contro l’imbecillità. Come dargli torto?

  • Germano ha detto:

    Prof Gobbi
    [quote name=”Germano”][quote name=”Germano”]a queste critiche molto circostanziate cosa risponde?
    e come si è potuto confondere sul l’impact factor della rivista, che ci ha raccontato sbagliato?

    “Materials and Methods”: When the water and saline the vaccine contains are evaporated, the biological/physical components emerge on the filter and it is then possibile to observe them.
    Cercano particolato (solido) nel vaccino (liquido); se da una soluzione evapora il solvente sicuramente rimangono dei composti solidi che non erano tali in soluzione.
    – The observations are made with different sensors (SE: secondary-electron sensor and BSE: backscattered-electron sensor) ….The method identifies clearly inorganic bodies with a higher atomic density (looking whiter) than the biological substrate.
    Questo e’ vero solo per i BSE, con i SE i chiari e scuri evidenziano la morfologia e solo molto parzialmente la differenza di composizione elementale. Alcuni errori presenti su altri articoli non ci sono in questo ma pare che ancora non conoscano bene lo strumento!!!
    – Nel paragrafo “Results”: … but further presence of micro-, sub-micro- and nanosized, inorganic, foreign bodies (ranging from 100nm to about ten microns) was identified in all cases … nella tabella 3 ci sono molte particelle con dimensioni anche nettamente superiori ai 10 micron; sono dichiarate come cloruro di Sodio!!! Sicuramente non sara’ lo stesso delle soluzioni fisiologiche iniettabili intravena ma uno molto tossico perche’ precipita in forma nana!!!. Dalla stessa tabella si evince che il Morupar e’ risultato privo di cloruro di sodio sebbene il produttore ne dichiari la presenza; in altri dove suppongo il cloruro di sodio sia presente ci sono quantita’ molto basse.
    – Dalla tabella 2 anche l’Allergoid risulta pulito perche’ trovano solo Al che e’ dichiarato dal produttore. Nel campione 11 (Infarix hexa), nel 37 e 38 (Gardasil) e nel 41 e 42 (Repevax) i produttori dichiarano la presenza di Al come fosfato ma gli autori non trovano il Fosforo e accoppiano l’Alluminio con altri elementi a formare quella che, non in questo articolo ma generalmente, definiscono “strana lega metallica non presente su alcun manuale di metallurgia”. In realta’ nel Gardasil il Fosforo c’e’ come risulta da quanto dicono nel seguito e dallo spettro in figura 1; sciattoneria? (referaggio impeccabile) Sara’ l’unica? In compenso trovano l’Alluminio, non dichiarato dal produttore, nel Feligen che comunque e’ un cavallo di battaglia del dottore “l’unico vaccino pulito e’ il Feligen, un vaccino per gatti, quindi i vaccini puliti si possono fare” e poi a volte ambigui discorsi “per le case farmaceutiche il meglio e’ avere clienti con lunga vita malaticcia”
    – Gardasil: la Figura 1 sembra congruente con quanto dichiarato dal produttore (fosfato di Alluminio),
    – Figura 3 (altro esempio di sciattoneria). The arrows show the points where EDS spectra were taken. Le frecce non ci sono!!!
    – Figure 4: Images show examples of nano biointeraction.
    Biointerazione con che? Nel paragrafo Materiali e metodi correttamente affermano che non si possono distinguere proteine da altri componenti organici (dimenticano la cellulosa sulla quale e’ depositato il vaccino!!!); qui invece pretendono di vedere i prodotti di biointerazione!
    – Paragrafo “conclusioni”: The inorganic particles identified are neither biocompatible nor biodegradable, that means that they are biopersistent …. Questa, chiamiamola inesattezza, continuano a spararla. L’EDS fornisce una composizione elementale ossia in elementi quindi non il composto e quindi nessuna delle informazioni che dichiarano (biodegradabile ….)
    – Probabilmente questa e’ la migliore! La Tab 3 e la fig 8 si riferiscono al contenuto di particelle e aggregati trovati nei 20 microlitri e sono state contate 3 volte da tre diverse persone con un errore inferiore al 10%! I 20 microlitri sono distribuiti su un filtro di cellulosa da 25 mm di diametro, quindi area 490 mm2; andiamo a vedere come potrebbe aver effettuato l’analisi del Gardasil: nell’immagine a basso ingrandimento (fig. 1) l’area indagata e’ circa 23 mm2 quindi per osservare i 20 microlitri hanno dovuto analizzare 21 zone del campione; se sono stati molto veloci nel centrare la zona, mettere a fuoco, acquisire l’immagine e lo spettro e salvare possiamo considerare 5 minuti per ogni immagine che richiedono circa 1 ora e 3 quarti oltre al tempo necessario alle 3 persone per contare. Su queste immagini a basso ingrandimento le nane e anche le micro sicuramente non si vedono (controllare in figura 1) quindi ognuna delle 21 immagini va vista ad ingrandimenti maggiori, ad esempio consideriamo la figura 4a; e’ un rettangolo con base circa a 0.06 mm, quindi mantenendoci larghi (consideriamo un quadrato) l’area risulta 0.0036 mm2, per vedere tutto il filtro di cellulosa serve l’acquisizione di 136284 immagini e, considerando sempre 5 minuti per analisi, significa che per analizzare i 44 vaccini 3 persone hanno lavorato 24 ore su 24 per 57 anni.

    RISPOSTA

    Sta scherzando?[/quote]

    Una risposta esaustiva, grazie.

    RISPOSTA

    A parte il fatto che le risposte le ho date numerose volte e certo non le ripeterò ancora per lei, se avessi tempo per queste idiozie significherebbe che sarei seduto anch’io al bar. Purtroppo non ho questo privilegio. Quanto al prof. Gobbi, la prego di scrivergli (pietro.gobbi@uniurb.it) e di chiedergli dove, come e quando mi avrebbe fatto a pezzi al di fuori della sua curiosa comprensione di ciò che qualche bizzarro personaggio ha scritto. Vede, per fare a pezzi me occorre qualcuno che almeno conosca l’argomento che IO tratto e non altro. Poi si presentano i fatti e le chiacchiere tanto care vanno qa zero. Quanto a Burioni, rispolvero Totò: ma mi faccia il piacere! Lo stani e me lo porti davanti con i dati suoi e vedremo come finirà l’evento. Aspetti solo un attimo che mi si risaldino le 6 costole che mi si sono fratturate perché ridere mi dà dei fastidi. Comunque sia, è evidente che, fino a che si scappa e si può disporre di un pubblico di psicolabili, non ci saranno problemi a far credere di vincere, addirittura facendo a pazzi l'”avversario”. Giovedì scorso ero a Bruxelles con Luc Montagnier, (niente di particolare: appena Premio Nobel) e, dunque, non certo alle vette di Burioni. Abbiamo fatto una presentazione insieme e, curiosamente, ha evitato l’argomento Burioni guardandomi stupito e dicendomi un “mai coverto” alla Brancaleone da Norcia. Io ho capito subito: era a metà strada tra invidia e terrore.[/quote]

    Capisco che forse il dolore alle costole la distrae ma nella pagina di burioni è apparso un post che il suddetto dice di avere scritto insieme al Prof. Gobbi nel quale, indirettamente, si citano i suoi studi come di pessima qualità. Quindi possiamo evincere che questo è il giudizio di Gobbi. Qui mi fermo, perché ‘lanciare il cane a Leon morente è vile” e lei penso che con questa brutta figura mondiale abbia messo la pietra tombale sulla sua carriera di ricercatore. Voglio vedere chi collaborerà con lei nel prossimo futuro…. buon riposo.

  • edimattioli ha detto:

    200 STUDI SCIENTIFICI
    BAH! in ogni caso vaccinatevi pure … senza se e senza ma ! e che il dubbio non vi sfiori mai!
    http://www.losai.eu/non-vaccinate-i-vostri-figli-raccolta-di-200-studi-scientifici/

  • Loredana D ha detto:

    Germano&Co
    [quote name=”Germano”]Capisco che forse il dolore alle costole la distrae ma nella pagina di burloni è apparso un post che il suddetto dice di avere scritto insieme al Prof. Gobbi nel quale, indirettamente, si citano i suoi studi come di pessima qualità. Quindi possiamo evincere che questo è il giudizio di Gobbi. Qui mi fermo, perché ‘lanciare il cane a Leon morente è vile” e lei penso che con questa brutta figura mondiale abbia messo la pietra tombale sulla sua carriera di ricercatore. Voglio vedere chi collaborerà con lei nel prossimo futuro…. buon riposo.[/quote]

    Germano, una valutazione critica a dati oggettivi presentati da uno studio scientifico, si ottiene solo attraverso la verifica di quei dati con un altro studio. Ovvero, i signori che lei cita avrebbero dovuto analizzare i vaccini e presentare i loro dati. Poi, confrontarli. Le chiacchiere sono solo chiacchiere e non hanno alcun valore scientifico!

    Poi, ci spiega la sua contrarietà ad avere farmaci più sicuri? Perché proprio non capisco!

  • Germano ha detto:

    Figuraccia mondiale
    [quote name=”Loredana”][quote name=”Germano”]Capisco che forse il dolore alle costole la distrae ma nella pagina di burloni è apparso un post che il suddetto dice di avere scritto insieme al Prof. Gobbi nel quale, indirettamente, si citano i suoi studi come di pessima qualità. Quindi possiamo evincere che questo è il giudizio di Gobbi. Qui mi fermo, perché ‘lanciare il cane a Leon morente è vile” e lei penso che con questa brutta figura mondiale abbia messo la pietra tombale sulla sua carriera di ricercatore. Voglio vedere chi collaborerà con lei nel prossimo futuro…. buon riposo.[/quote]

    Germano, una valutazione critica a dati oggettivi presentati da uno studio scientifico, si ottiene solo attraverso la verifica di quei dati con un altro studio. Ovvero, i signori che lei cita avrebbero dovuto analizzare i vaccini e presentare i loro dati. Poi, confrontarli. Le chiacchiere sono solo chiacchiere e non hanno alcun valore scientifico!

    Poi, ci spiega la sua contrarietà ad avere farmaci più sicuri? Perché proprio non capisco![/quote]

    Mi pare che la misera qualità dello studio di Montanari (che fa l’offeso e non risponde alle critiche) sia talmente misera da non consentire alcuna conclusione sulla purezza dei vaccini.

    Contento lui, contenti tutti.

    RISPOSTA

    Ma perché non fare le analisi voi? E perché non scrivete a Gobbi per chiergli se davvero pensa quello che aualche imbecille pensa che lui pensi?

  • Nivel Egidio Ruini ha detto:

    Mi serve un cuccio
    @ Germano

    Scusa, ma per diventare un troll del tuo livello che requisiti e conoscenze bisogna avere?

    RISPOSTA

    Credo che con questo personaggio possa bastare. Comunque, consiglio vivamente di scrivere a Gobbi (pietro.gobbi@uniurb.it) e di pubblicare la sua risposta. Temo che qualcuno resterà pesantemente deluso e si dovrà rendere conto che un cervellino bonsai può dare problemi.

  • edimattioli ha detto:

    Trump e la SICUREZZA dei vaccini
    diciamo che analizzano solo parte del problema … ma intanto è già qualcosa
    “… Kennedy, che non si sarebbe dichiarato contrario alle vaccinazioni in assoluto, riguarda la SICUREZZA dei vaccini che secondo lui non sarebbe adeguate.”
    http://apiccoledosi.blogautore.repubblica.it/2017/01/10/se-trump-rimette-in-discussione-i-vaccini/

    RISPOSTA

    Piaccia o no, io sono uno scienziato. Chiunque mi metta in condizioni di lavorare senza interferenza è il benvenuto.

  • Loredana D ha detto:

    Germano
    [quote name=”Germano”]Mi pare che la misera qualità dello studio di Montanari (che fa l’offeso e non risponde alle critiche) sia talmente misera da non consentire alcuna conclusione sulla purezza dei vaccini.

    Contento lui, contenti tutti.[/quote]

    In base a quali dati scientifici valuta lo studio del Dott. Montanari?
    In base a quali dati (i suoi) può asserire con certezza assoluta che lo studio del Dott. Montanari è misero?
    Ha esaminato personalmente i vaccini?
    Può gentilmente mostrarci i suoi studi in merito?
    Ci illumini, per favore! Altrimenti, le sue sono solo chiacchiere. Chiacchiere sterili e non critiche (nel senso letterale della parola)!

    RISPOSTA

    In questo periodo ci stiamo accorgendo di come l’Italia pulluli di scienziati. Poco importa se questi, occasionalmente nascosti dietro improbabili pseudonimi, hanno qualche esperienza di filatelia o di pasticceria oppure sono attenti osservatori dei lavori nei cantieri insieme con pensionati illuminati. Ciò che importa è salire in cattedra e, ancora, poco importa se la cattedra è un fustino di detersivo rovesciato.

  • Sebastiano ha detto:

    Kamikaze internauta
    @Cikagiuro
    “Scusa, ma per diventare un troll del tuo livello che requisiti e conoscenze bisogna avere?”

    A me più che un troll pare un “kamikaze internauta” (chissà forse ho coniato una nuova qualifica 😮 ): non capisco se è venuto da solo qui di sua volontà o lo hanno mandato?

    @Germano
    Legga cosa scrive il prof Gobbi Pietro sul lavoro svolto da M&G (è il primo commento che trova con oggetto “Laboratorio ESEM” del 2016-09-18 12:46):

    http://www.stefanomontanari.net/sito/blog/2550-il-grillo-mannaro.html

    E stia pure tranquillo che lei è dalla parte dei giusti. Non perda altro tempo in questo covo di fanfaroni.

    RISPOSTA

    Una delle tante novità è la parte che si sta facendo recitare al prof. Gobbi al quale nessuno pare volersi rivolgersi per chiarimenti.

  • costami ha detto:

    epilogo
    Caro prof. Montanari, sono un suo lettore e voglio esprimerle tutta la mia solidarietà in questo delicato momento. Mi dispiace molto che abbia deciso di abbandonare le sue ricerche sui vaccini ma comprendo la sua scelta, specie se ha ricevuto gravi minacce. Quando pubblicava i suoi studi sulla presenza di nanoparticolato nel sangue, nei trombi, nei tessuti fetali ecc… nessuno diceva nulla ma ora che ha toccato i vaccini si sono dati da fare per fermarla, e purtroppo ci sono riusciti. Ciò dimostra che l’interesse del “sistema” non sia tanto la salute pubblica ma la vaccinazione in sè. Ma volevo chiederle: vi sono altri nel mondo che si occupano di nanotossicologia dei vaccini? Possibile che nessun collega le dia manforte?

    RISPOSTA

    Le basta il Premio Nobel Luc Montagnier con cui ho appena fatto una conferenza?

  • Germana ha detto:

    GRANDE DOTTORE
    Apprendo con grande tristezza della sua decisione ma purtroppo capisco che non ne possa più di tanta idiozia e falsità. Ma la prego ci dica se c’è un qualcosa che
    tutti noi cosa possiamo fare per aiutarla a combattere questa nostra grande BATTAGLIA.
    Cmq quello che ha fatto, dai suoi libri alle interviste, è bastato e servirà a tanti genitori che ragionano con il loro cervello a continuare a diffondere il vostro eccezionale lavoro salvando altre anime innocenti. GRAZIE GRAZIE GRAZIE .

    RISPOSTA

    L’unica cosa che si può fare è usare le armi della democrazia e cacciare i criminali che si sono appropriati perfino della salute.

  • parideparis ha detto:

    Dai, ridiamo un po’!
    Riporto il link di un articolo comparso sul quotidiano “La Provincia Pavese” in cui si parla di un convegno per “combattere la vaccinotitubanza”. Oltre al link riporto questo estratto dell’articolo:

    “È Lorenzo Minoli, primario di malattie infettive del San Matteo, a riportare ai dati: «partiamo da alcune date significative, come il 1939 per la difterite, il 1966 per la polmonite, il 1968 per il tetano. Si tratta di malattie oggi, nel nostro paese, quasi completamente debellate grazie alle vaccinazioni obbligatorie».
    Dall’intervento di Minoli emerge anche che il settore dei vaccini si avvia a diventare quello principale dell’industria del farmaco, con scenari interessanti per il futuro: sono allo studio vaccini contro l’Alzheimer, il diabete, l’ipertensione e la propensione al fumo”.

    Lo dicono loro: i vaccini sono un promettente settore per l’industria del farmaco e ormai la sfida è cercare vaccini sempre nuovi per le cose più astruse. Ora siamo al vaccino contro la propensione al fumo. Tempo fa leggevo un articolo in cui si diceva che il dott. Burioni fa parte di un gruppo di che sta mettendo a punto un vaccino contro i danni derivanti dalla cattiva alimentazione.
    Non so se le persone che si accaniscono contro il dott. Montanari si rendono conto in che mani siamo.
    Tra l’altro prego di notare l’assoluta assenza di un minimo atteggiamento critico del giornale che riporta la notizia.
    Io mi domando: ma questi espertoni, che fanno i convegni contro la “vaccinotitubanza” (… e un vaccino contro la propensione allo stupro della lingua italiana, no????) e che stanno dentro le istituzioni che dovrebbero tutelare la nostra salute, cosa hanno a cuore, quando lodano le magnifiche sorti progressive dei vaccini?
    Ma vogliamo davvero credere a questo modello che ci viene proposto in cui l’individuo non è più spinto a essere artefice della propria salute con scelte responsabili (mangiare in modo sano, adottare un corretto stile di vita, etc…), in quanto per evitare il diabete e l’ipertensione basterà una punturina? A me sembra come promettere la ricchezza giocando al superenalotto, come faceva Vanna Marchi che vendeva i numeri fortunati. E come faremo a verificare se la punturina ha funzionato? Ci sarà sicuramente qualcuno pronto a garantirci che se anche ci è venuto il diabete nonostante la punturina, ci è venuto comunque in forma meno grave proprio grazie a quella. Tra l’altro il vaccino contro il diabete ha davvero qualcosa di ironico visto che, se leggiamo ad esempio “Vaccini super vaccinati” del dott. Eugenio Serravalle, scopriamo che ci sono buone ragioni per sospettare che vi sia un legame causale tra i vaccini e lo sviluppo del diabete in soggetti geneticamente predisposti.

    Io credo che davvero la fiducia nella stupidità pecorona, che è peraltro sicuramente presente nella nostra società, si sia spinta un po’ troppo oltre.
    Se il popolo è pronto a bersi (o meglio a iniettarsi) queste cose allora fanno bene a farcelo, perché ce lo meritiamo.

    Il link dell’articolo è questo:
    http://laprovinciapavese.gelocal.it/pavia/cronaca/2017/02/11/news/vaccinazioni-basta-paura-patrimonio-da-difendere-1.14860183

    Capisco il dramma del dott. Montanari per tutte le cose che da tempo racconta su questo blog. Ma io trovo che questa faccenda, come tutte le cose che si collocano per certi versi nella dimensione del tragico, non sia priva di una componente comica, che onestamente mi diverte.

    RISPOSTA

    Mai come ora è rivelatrice la frase di Danilo Mainardi: L’Uomo è l’unico animale che si estingue volontariamente. A questo io mi permisi di aggiungere “a scopo di lucro”. Ma siamo oggettivi: quando avremo trasformato il Pianeta in un ricettacolo di zombie (Montagnier ha mostrato matematicamente come, continuando così, nel 2032 metà dei bambini sarà fatta di soggetti autistici) sarà il crepuscolo del genere umano: un sollievo per tutti gli esseri vivenbti terrestri.

  • Gmtubini ha detto:

    Compensi
    Visto l’abuso del copia-incolla in luogo del meno ingombrante e più efficace link, questo webete deve aver pattuito un compenso un tanto a battuta come i correttori di bozze (che peraltro è nobile quanto negletta occupazione).
    Della serie: o tedio o morte!

    RISPOSTA

    Ma non è mica un reato. Basta semplicemente valutarlo per quello che è.

  • Loredana D ha detto:

    Paride
    Non volevo crederci e invece…
    http://www.focus.it/scienza/salute/ricerca-italiani-verso-vaccino-contro-malattie-da-dieta-moderna

    Un vaccino contro i danni da dieta occidentale? Folle io a pensare che ad evitare i danni di una dieta ricca di grassi e povera di fibre bastasse mangiare sano!

    RISPOSTA

    Pensi che bello: con la punturina lei potrà rimpinzarsi di cotechino, di Nutella, di strutto e di Tavernello.

  • Alessandro B ha detto:

    Abbiamo già vinto…
    Come già scrivesti qualche tempo fa, “abbiamo già vinto”.

    Ad maiora Stefano!

    RISPOSTA

    Una vittoria amarissima che mostrerà tutta la sua tragedia di qui a qualche anno. Intanto, leggi https://autismovaccini.org/2017/02/14/germania-analizzate-16-fiale-di-vaccini-tutte-inquinate/

  • Il Fiorentino ha detto:

    TENGA DURO
    da molto tempo non mi perdo una puntata radiofonica allorchè parla da RadioStudio54 e nella mia modesta vita sociale, Lei rappresenta uno spiraglio di verità mai ascoltate prima in un mondo dove la bugia fa business, specialmente quelle riguardanti la salute pubblica i cui governi e le stesse case farmaceutiche son pappa e ciccia tenendoci all’oscuro solo per motivi economici di guadagno. Per questo la esorto a non mollare, ad andare avanti se può, perchè lei è un simbolo, un punto di riferimento per molte persone, e spero vivamente che sia così ancora per molto tempo ancora aldilà di coloro che le vogliono male. Non posso far altro che esprimere la mia solidarietà qualunque sia la sua decisione a continuare o a fermarsi… perchè se fossi benestante di sicuro l’aiuterei nel sostentamento alle sue ricerche ma non lo sono e perciò non posso far altro che ascoltarla e niente più . Un cordiale saluto da un 60enne incazzato.

    RISPOSTA

    Non è questione di volontà: quella ci sarebbe eccome! Ma quando non c’è un soldo nemmeno per pagare l’affitto del laboratorio e quando la banca le chiude la porta, mi dica lei come si fa. Il cosiddetto “potere” ha scelto la strada migliore per fermarmi: l’assedio per fame e l’avvelenamento dei pozzi. Uccidermi sarebbe stato un errore grave: avrebbero fatto un martire. Così, almeno nella testa dei più, sono io ad essermi impigrito e ad aver deciso di godermi i miei 355 Euro di pensione.

Lascia un Commento