Blog

Non lo so

Contemporaneamente, da più parti ricevo il consiglio di leggere https://www.vivereinmodonaturale.com/2019/03/wikipedia-burioni-e-il-suo-falso.html

Più di uno dei pochi frequentatori di questo blog, poi, m’invita a consultare l’elenco degl’iscritti alla Massoneria e da lì, geograficamente collocato a Fermignano (un tiro di schioppo da Urbino), risulta presente il nome di Burioni Roberto.

Poi un amico medico m’invia copia della lettera di delazione indirizzata ad un Ordine Provinciale dei Medici dove Burioni Roberto invita ad agire contro il “collega” reo di blasfemia vaccinale.

Ho letto tutto e non so proprio che dire. Non ho elementi per stabilire se si tratti di verità, di mezze verità o di fandonie. Non so se si tratti di un omonimo. Perciò, non prendo alcuna posizione. Magari, qualcuno porti prove documentali, ma che ce ne faremmo?

La sola cosa che posso dire è che appartenere alla Massoneria non è reato e ognuno deve essere libero di associarsi al gruppo che predilige e di cui condivide finalità e metodi. Sulla Massoneria, verso cui non sto sollevando obiezioni, io avrei molte cose da dire ma taccio, avendo affidato tutto a documenti conservati in luoghi diversi distribuiti in tre continenti. Naturalmente non è solo la Massoneria ad essere citata e, anzi, si tratta di poca roba se la si confronta al resto. Alla mia morte che, se non altro per età, non dovrebbe poi tardare troppo ad arrivare, chi è curioso sarà soddisfatto e, vedi mai, forse qualcuno sarà chiamato a rispondere di alcune cose.

Mi permetto di aggiungere come considerazione generale che i delatori, chiunque essi siano, non sono mai troppo simpatici, ma la simpatia non è requisito d’obbligo. Così è per i bugiardi. Così è per gli arroganti. Così è per i pusillanimi.

Ripetendo ciò che ripeto da anni, vale a dire che, se Wikipedia chiudesse i battenti, ne guadagnerebbe l’informazione (non accadrà perché Wikipedia è strumento di regime), di Burioni, non l’eventuale omonimo ma quello noto lippis et tonsoribus, posso dire che provo una certa ammirazione nei suoi confronti. Riuscire a reggere così a lungo distribuendo insulti gratuiti a destra e a manca, snocciolando enormità che lo avrebbero condannato a solenni bocciature quando le università avevano ancora una loro dignità, sfuggendo ad ogni possibile confronto e, così, infrangendo una delle regole basilari della scienza sono cose non da tutti. Poi, preferisco sorvolare sull’università da cui riceve lo stipendio, se non altro perché, tutt’al più, sono fatti che riguardano le famiglie impegnate a mantenere i ragazzi che sono ammaestrati laggiù.

Non essendo indovino, non riesco a pronosticare quanto tutto questo ancora durerà. Posso solo affermare con certezza che prima o poi sarà inevitabile che la grottesca nudità dell’imperatore sia svelata e, come è sempre accaduto da che mondo è mondo, chi ci sarà assisterà al tonfo imperiale dall’altare alla polvere quando non a qualcosa di più sgradevole.

Gli altri più o meno pallidi epigoni, quei miseri personaggi che sono disposti anche a raccogliere da terra le briciole, ne condivideranno la fine. Per loro, però, non ci sarà nemmeno l’onore di una fine vistosa. Vissuti da manutengoli, da patetiche nullità, come tali lasceranno insalutati e nell’indifferenza, senza nemmeno l’attenzione di un fischio o di uno sberleffo, il palcoscenico sul quale hanno recitato una fugace particina o sono passati da comparse.

Speriamo che da qui a quel dies irae in sedicesimo non passi troppo tempo. Questo per risparmiare ad altri innocenti lutti e sofferenze.

Lascia una recensione

26 Commenti on "Non lo so"

  Subscribe  
Notificami

Egr. Dr. Montanari:
“pronosticare quanto tutto questo ancora durerà”

La recente Caporetto M5s della Lucania sembra aver insegnato qualcosa:-
http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=72526
“Vaccini. Emendamento Lega e M5S cancella obbligo certificazione vaccinale per ingresso nelle scuole, compresi asili e scuole infanzia.”

E mi pareva strano! A scanso d’equivoci: Il Quotidiano Sanità riporta che… « Contestualmente, al comma 2, vengono abrogati il comma 3 dell’articolo 3 e il comma 5 dell’articolo 3-bis della legge Lorenzin che impedivano l’accesso a scuola in caso di mancata presentazione della documentazione comprovante l’effettuazione delle vaccinazioni ». L’emendamento anche se cancella l'”obbligo di certificazione vaccinale per ingresso nelle scuole, compresi asili e scuole infanzia” non tocca minimamente però i piani straordinari d’intervento, ovvero il comma 1 e segg. dell’art. 5. che riguarda gli “interventi in caso di emergenze sanitarie o di compromissione dell’immunità di gruppo”. Marcello Pamio… Leggi il resto »
Carlo, non capisco il suo stupore. A me pareva ovvio che l’emendamento non andasse a toccare le norme sui “piani straordinari di intervento”. La strategia mi pare chiara e potrebbe essere espressa con la frase “buttare la palla avanti”. Il primo problema è l’accesso all’asilo dei non vaccinati e su quello punta l’emendamento. I piani straordinari di intervento per essere messi in pratica richiedono che qualcuno dica che da qualche parte c’è un calo delle “coperture” vaccinali o che c’è un’epidemia, quindi sono qualcosa di estremamente vago e incerto in termini concreti e, come tali, si prestano benissimo ad essere… Leggi il resto »
Come al solito, ha ragione il dott. Montanari: non bisogna emendare un bel niente, bisogna assolutamente farlo revocare questo famigerato ddl 770. La merda comunque la si giri e riggiri puzza sempre. Nonostante la disinformazione martellante a tappeto, onnipresente, si direbbe che la propaganda di regime abbia, almeno apparentemente, fallito parte del suo intento; mentre l’emendamento concesso dell’ordinario (lasciando intatto lo straordinario) traduce pari pari la situazione reale del Paese, evitando così una forte destabilizzante dissonanza. Si direbbe un gioco di prestigio nemmeno tanto ben riuscito. È prevedibile che in un futuro imminente però i piani di emergenza sanitaria suppliranno… Leggi il resto »
@Mari: In casi come questo di Bologna da Lei linkato, io sempre mi chiedo per quale motivo i medici, visto il disastro da loro stessi provocato, non tacciono? Essi commentano con la “morale della vicenda”:- 1. In quanto non molto intelligenti; 2. Perché è un obbligo di contratto pena licenziamento (come lo è usare i chemioterapici anche laddove non servono assolutamente a niente); 3. Perché, consigliati dagli avvocati, ritengono opportuno cercare di mettere le mani avanti di fronte a una probabile imminente stellare richiesta risarcitoria per malpractice; 4. Perché vogliono farsi belli con la Direzione della ASL; 5. Perché sono… Leggi il resto »
Ultima notizia dal potente giornale di Bologna: https://www.ilrestodelcarlino.it/bologna/cronaca/neonata-morta-pertosse-1.4516935?fbclid=IwAR1-t2yLIy2UVZ7q9mdVrjNq73dXDLu5VuG6YjmOnj1iuhvynOkOhpghLGg E questa mattina, appena possibile, andrò a leggermi la stessa notizia dall’altro giornale raccontaballe Gazzetta di Parma, per vedere quale delle due fonti sia la più inquinata…. sempre che sia possibile distinguere. E’ bello leggere però già da ora che il primo commento di entrambi gli ospedali, Bologna e Parma, sia la raccomandazione sull’ importanza della vaccinazione contro la pericolosa malattia. Peccato che nel leggere il Carlino ci sia ben chiaro scritto questo: testuale. “La tragedia che ha colpito questa famiglia rende evidente l’importanza della vaccinazione”, spiegano i medici delle due Aziende… Leggi il resto »
Questa è la dimostrazione evidente che se questi asini obbrobriosi (dediti al più becero opportunismo), definiti non si sa perché medici, studiassero un po’ di microbiologia come si deve, capirebbero che i vaccinati sono capaci ugualmente di trasmettere la malattia per i quali sono stati vaccinati. Capirebbero altresì che l’immunizzazione naturale è ben diversa da quella prodotta da vaccini industriali, pieni oltretutto di porcherie varie e sostanze neurotossiche… Non è l’unico caso di pertosse trasmesso da madre vaccinata al suo neonato. La “spiegazione” fornita dai medici, secondo il giornale, del perché si debbano vaccinare nonostante queste morti è ovviamente stralunata… Leggi il resto »
Gent. Eugenio, lei dovrebbe tener presente che queste sono tutte esibizioni di zelo e come tali prescindono dalla necessità di capire quello che si sta dicendo o anche solo di crederci. I super zelanti però non sempre offrono il miglior servizio alla causa per la quale si espongono. Sicuramente, come dice il dott. Montanari, c’è un’ampia fetta della popolazione che trangugia di gusto qualunque intruglio, purché sia la TV a propinarlo. Ma c’è un quota crescente della popolazione che comincia a volerci vedere chiaro prima di somministrare oltre 30 vaccini nei primi 13-15 mesi di vita al proprio figlio. I… Leggi il resto »