Blog

L’alluminio buono e l’alluminio cattivo

Di 10 Dicembre 2019 34 commenti

Il Ministero della Salute (?) e l’Istituto Superiore di Sanità (?) sono due istituzioni fondamentali perché il benessere fisico del popolo italiano sia salvaguardato. In quei lunghi corridoi, in quelle stanze, in quei laboratori si affaccendano senza posa scienziati che il mondo giustamente c’invidia. Sapienza e intelligenza scorrono impetuose a fiumi. Lì la scienza è di casa.

A questi enti si affianca Striscia la Notizia, un programma di una delle TV di regime, ed è da lì che arriva una segnalazione a proposito di qualcosa che ci lascia sospesi tra meraviglia, preoccupazione e ammirazione: l’alluminio.

Qual è quella massaia che non avvolge i limoni nella carta di quel metallo? Che non ci cuoce l’arrosto salato a puntino? Che quella carta non la riusa mille e mille volte?

Ma che fate, donne?!

Da tempo Striscia si è messa in contatto con i vertici delle istituzioni di cui sopra, ad iniziare da quella luce nelle tenebre che fu la dottoressa Giulia Grillo per venire ora al suo quasi successore, il dottor Pierpaolo Sileri, di pari fede grillina. Chi vuole essere illuminato guardi https://www.striscialanotizia.mediaset.it/news/alluminio-in-cucina-il-viceministro-della-salute-conferma-incartare-il-panino-di-vostro-figlio-puo-nuocere-alla-salute_9847.shtml

Da lì si esce sì impensieriti ma anche, in un certo senso, rassicurati. Vabbè: l’alluminio fa male. Ma abbiamo chi veglia su di noi e ci mette in guardia.

Forse per qualcuno sarà curioso constatare che la scoperta di Striscia la Notizia confermata non da Pizza e Fichi ma dall’Università di Milano era cosa più che nota da anni e che nessuno tra coloro che sono deputati a proteggerci pare ne fosse al corrente. Nemmeno chi già lo aveva detto e scritto.

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2608_allegato.pdf

http://www.agenziafarmaco.gov.it/content/francia-c%E2%80%99%C3%A8-attenzione-deodoranti-con-alluminio

http://old.iss.it/binary/publ/cont/14_14_web.pdf

http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2608_allegato.pdf

Ma con tutto quanto c’è da fare, mica ci si può ricordare di quello che si è sostenuto.

Chi, poi, avesse avuto tempo da perdere anni fa, che l’alluminio fosse pesantemente tossico per un organo come il cervello, vale a dire quell’ammasso di cellule che, se usato, impedirebbe tante carriere, l’avrebbe letto in qualunque libro di tossicologia.

Ora una domanda. Nessuna polemica. Solo un chiarimento.

Se l’alluminio fa male quando è spalmato sulla pelle, spazzolato sui denti, peggio ancora, ingerito, come mai diventa un angioletto quando lo si inietta, dico tanto per dire, ad un neonato?

In fondo, la pelle costituisce una barriera non di poco conto e, se di alluminio ne ingeriamo un po’, ci pensano cacca e pipì a dare una pulitina. Ma quando l’alluminio, magari in dosi infinitamente superiori a quel pro chilo saviamente menzionato dal dottor Sileri, viene iniettato in un cittadino che, magari nato da poco e per di più prematuro, di chili ne pesa pochini? Quell’alluminio entrato così mica esce. In breve, qualcuno può spiegarmi perché iniettare l’alluminio è cosa innocua? Non che io ne dubiti: me ne guardi il cielo! Se lo dice il regime… Ma una risposta che anch’io possa capire la gradirei anche se, carne da macello che sono dopo tanti anni passati da animale da reddito, non mi è certo dovuta.

Ora non ci resta che invitare Striscia la Notizia a continuare le sue indagini scientifiche rivolgendosi ai vaccini che di alluminio ne contengono non proprio poco.

Mi rendo conto che, come fu per l’amianto che galleggia in un ospedale, come fu per il servizio girato sul vaccino contro il Papilloma virus (io c’ero in ambedue i casi), il regime preferirà cancellare tutto alla 1984. Se, poi, ci si mette di mezzo la sacralità dei vaccini… Quindi, sappiamo già che Striscia non perderà tempo e i luminari che affollano le istituzioni preferiranno scegliere un saggio silenzio. E, se qualcuno disturberà il salottino, si scateneranno le truppe cammellate a partire dai colonnelli delle università di plastica giù fino al marmittone ansioso di ricevere una pacca distratta sul capino da parte di chi gli sta un gradino sopra.

34
Lascia una recensione

6 Comment threads
28 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
7 Comment authors
  Subscribe  
Notificami
Graziano Sangiorgi

Buongiorno Dottore, sono rimasta anch’io sorpresa dal servizio di Striscia la Notizia e non ho potuto non scrivere questo commento sia sulla pagina del Vice Ministro che sulla pagina di Max Laudadio l’autore del servizio. Questo il botta e risposta con Laudadio “- Enrica Martolini Ho apprezzato la sua intervista rilasciata a Striscia la Notizia dal Vice Ministro alla Sanità in cui metteva in guardia la popolazione sui danni che potrebbero verificarsi dall’uso di carta e accessori in alluminio a contatto con i cibi, danni provocati da un’eventuale migrazione del metallo, riconosciuto dannoso neurotossico, nel corpo dell’individuo e danni ancora… Leggi il resto »

Dantes

“Lo 0.8, dose nel vaccino, è niente e il corpo lo espelle da solo.”
Peccato, invece, che certi pennivendoli della carta stampata e della tv non siano espulsi dalla loro corpo-razione dopo avergli spiegato la differenza tra ingerire e iniettare.

paride

Un paio d’anni fa ebbi modo di assistere a una conferenza divulgativa sui vaccini organizzata dalla Fondazione Veronesi. Che nei vaccini fosse presente dell’alluminio venne detto da qualcuno tra il pubblico, mentre i relatori sul palco si guardarono bene dal farne cenno di loro iniziativa. A quel punto l’argomento difensivo a cui si aggrapparono costoro fu che le quantità nei vaccini sono piccolissime rispetto a quelle che sono considerate accettabili dalla “scienza” e che vengono quotidianamente assorbite attraverso il cibo. All’obiezione che l’alluminio dei vaccini viene iniettato mentre quello che che entra col cibo viene facilmente espulso attraverso il canale… Leggi il resto »

Aurelio

Egr. Paride,
Sicuramente questi tours finalizzati all’indottrinamento sulle teorie vaccinali non sono finanziati dalle donazioni delle famiglie alla Fondazione Umberto Veronesi; le quali famiglie compilano bollettini postali credendo di “aiutare la ricerca sul cancro”.
https://www.lanazione.it/arezzo/cronaca/vaccini-gioved%C3%AC-un-incontro-informativo-organizzato-dalla-fondazione-umberto-veronesi-1.3664289

L’alluminio buono e l’alluminio cattivo | Benvenuti nel rifugio di Claudio

[…] Leggi qui l’articolo   >>>    L’alluminio buono e l’alluminio cattivo – Stefano Montanari […]

paride

Dott. Montanari, finché la gente si beve queste cose… Io comunque mi domando quanti continuino davvero a crederci.
https://www.ilgiorno.it/bergamo/cronaca/neonato-morto-vaccino-1.4931807

paride

Intanto qualche grillino sente l’aria che tira, in perfetto stile grillino:
https://www.anconatoday.it/politica/vaccini-bambini-scuola-pergolesi-5-stelle.html

OTTAVIANO

È da molto tempo che i prezzolati sociopatici vaccinocrati,
a libro paga del Regime Farmacocida,
STANNO SPOSTANDO L’ATTENZIONE delle MAMME

DALLE sostanze tossiche contenute nelle misture vaccinali
ALLE sostanze tossiche contenute negli alimenti e nell’ambiente,

allo scopo “manilesto” di ridimensionare e nascondere i CRIMINOSI INFANTICIDI di MASSA
progettati e sostenuti per soddisfare l’insaziabile FREGOLA di QUATTRINI
del Regime Farmacocida e dell’armata di corrotti che lo sostiene !

OTTAVIANO

In questa capillare e ridicola STRATEGIA MANIPOLATORIA della realtà,
nel caso nostro in oggetto come in molte altre occasioni pubbliche,

I SOMARI PROVAX si sono pure rivelati IGNORANTISSIMI,
perché spesso hanno messo sullo stesso piano :

— L’ASSUNZIONE PER VIA GASTROINTESTINALE di una sostanza tossica
(come potrebbe essere l’alluminio) contenuta negli alimenti,
ma in gran parte evacuata dall’organismo

— con L’ASSUNZIONE PER VIA PARENTERALE della stessa sostanza tossica
contenuta nei vaccini (iniettata con una siringa),
che rimane per sempre (…) nell’organismo
e che supera tutte le barriere biologiche di difesa
ed in particolare la BARRIERA EMATO-ENCEFALICA !