Blog

Il tetano uccide anche quando non c’è

Noi, gli uomini del XXI secolo, quelli che si sono liberati delle superstizioni e dei tabù, quelli che di ciò che chiamiamo con disprezzo Medioevo si prendono gioco con un sorrisetto di superiorità, siamo le copie conformi dei quel passato. L’Illuminismo non ha lasciato tracce.

Non mi permetto di aggiungere molto a quanto pubblicato da quello splendido, eroico esempio di giornalismo vero ormai rilevabile solo in rare tracce che è Gioia Locati. Leggete http://blog.ilgiornale.it/locati/2019/05/21/bimba-malata-di-tetano-indagati-i-genitori-ma-non-era-tetano/ e meditate.

Da parte mia solo qualche osservazione.

La prima è di stupore. In un clima di censura ferrea dove l’“informazione” gode della sola libertà di comunicare tutto ciò che piace al regime e non altro, Il Giornale, miracolosamente, lascia che Gioia Locati pubblichi notizie come quella citata.

La seconda è di disagio per certe azioni correnti tra i medici. Vaccinare chi potrebbe già avere contratto l’infezione è demenziale perché così si peggiora inevitabilmente la situazione. Tetano o altra malattia infettiva non fa differenza. A margine, pare che anche nell’occasione in argomento si sia somministrato paracetamolo come antidolorifico. Credo che un buon ripasso di farmacologia non sarebbe tempo sprecato. Oppure, facendomi pubblicità, i medici potrebbero leggere il mio libro Tachipirina, Paracetamolo e Altri Farmaci per Abbassare la Febbre: Sì o No? e lì troverebbero qualche spunto d’informazione e di riflessione.

La terza è di paura. Chiunque infranga gli articoli di fede, quelli basati sull’ipse dixit di “esperti” da avanspettacolo, quelli che contano su una magistratura sulla cui capacità di sentenziare correttamente preferisco sospendere ogni giudizio, quelli che hanno la forza diabolica d’insinuarsi nei poveri cervelli di chi emette sentenze al bar e in base a quelle fa “giustizia”, è a rischio di finire al rogo. La sola differenza con i roghi di un tempo è quella di essere consumati in televisione, alla radio, sui giornali e su quel circo potenzialmente micidiale che è Internet. Questi come quelli sono irreversibili.

La quarta è di rabbia. Da anni ci siamo lasciati soffocare da un regime che fin dalle sue radici calpesta la Costituzione e di questa nostra vacua, distratta pigrizia stiamo pagando le conseguenze. Nessun partito, dall’estrema destra all’estrema sinistra, sempre che espressioni del genere abbiano un significato, alza un dito contro una forma di dittatura che non ha precedenti nella storia, colpendo non solo la libertà e la dignità personale ma addirittura la salute. È evidente che a tutti gli attori di questa farsa tragica va più che bene così e che a tavola c’è qualcosa per tutti i commensali.

Ogni giorno io ricevo messaggi di persone che mi chiedono quando finirà questo inferno. Naturalmente io non ho capacità divinatorie e non so indovinare una data. Ciò di cui sono certo è che il massacro in corso, quello che ora si aggrava quotidianamente come sempre, storicamente, accade quando un regime non ha altre possibilità per imporsi e conservarsi se non la violenza e il terrore, imploderà. Lo farà quando non sarà più possibile nemmeno ai giustizialisti da mescita pubblica non constatare la strage, magari perché anche loro ne saranno personalmente coinvolti. Quando verrà il momento sarà il benvenuto ma sarà sempre troppo tardi perché nessuno potrà restituire ciò che è stato tolto. Mais c’est la vie. Quando questo avverrà non ci sarà nessuno dei carnefici a pagare: nessuna Norimberga. Gli “scienziati”, i “medici”, i “giornalisti”, i “giudici” si dilegueranno senza che ci sia chi si metta sulle loro peraltro più che visibili tracce. Le industrie farmaceutiche troveranno qualcosa di nuovo per prosperare e la giostra ricomincerà a girare, se mai si fosse fermata.

Articolo successivo

Lascia una recensione

23 Commenti on "Il tetano uccide anche quando non c’è"

  Subscribe  
Notificami
Sabato scorso alle 18 sono andato ad ascoltare i futuri possibili assessori di una lista, in gara per le amministrative del mio piccolo comune. Ho avuto l’idea di chiedere, in caso di loro vittoria, di porre maggiore attenzione sulla faccenda 5G, per la quale si sta muovendo tanta gente non proprio ignorante in materia. Mi ha risposto subito un giovane ingegnere che lavora all’Università di Parma, educatissimo, il quale dopo qualche spiegazione tecnica ha finito la risposta con la tranquillizzante frase “tanto prima che ci si arrivi passano degli anni” !! Mah !? Poi una considerazione, questa volta da un… Leggi il resto »
Caro Montanari, come fa a non sapere che: ” Nel caso del tetano si viene immunizzati contro la tossina non contro il batterio e pertanto in caso di infezione tetanica in atto (ossia con Clostridium tetani vegetante e moltiplicantesi nel tessuto mortificato e anossico) l’antigene vaccinale (anatossina) non va a interferire con il batterio e con le difese immunitarie operanti (inefficacemente così come l’antibiotico per ragioni che puoi trovare su qualsiasi testo di malattie infettive o di clinica medica).” Così l’Illustre sconosciuto, certo Raoul Pontalti, che interviene sul blog di Gioia Locati ogni qual volta c’è da dar manforte ai… Leggi il resto »
Non credo nell’immunizzazione vaccinale… nonostante qualcuno dica che il vaccino non sia un opinione. Il guaio è che, anche se l’antigene vaccinale va o non va a interferire con il batterio, bisogna sempre tenere in conto che ci sono comunque sempre altre sostanze contenute nei vaccini che, in un modo o nell’altro, interferiscono con il resto dell’organismo, diciamo non proprio in modo benefico. Un conto è l’immunizzazione naturale e un altro è l’immunizzazione, chiamiamola così, artificiale. Dell’immunologia e del tetano ne so poco o niente, però il processo di immunizzazione non mi è affatto estraneo, in quanto esperienza personale. Colgo… Leggi il resto »

Forse può interessarvi, nel video le confessioni di uno degli organizzatori di facebook, io l’ho tolto non voglio più usare quello schifo… notare come lui lo vieti ai suoi figli …. https://youtu.be/xvwViE9U2r4

Un ot: appena stata a visitare un parente malato terminale di cancro. Stava mangiando uno yogurt di latte vaccino e bevendo una bibita zuccherata. Prima che potessi andarmene gli è stato proposto un “bel gelato”. I signori dottori forse non se ne sono accorti, comunque per fortuna eh ! stanno valutando se intraprendere la strada della chemio…

Tuttavia di che stupirsi vero dottore? Siamo all’ultimo posto in Europa per capacità di comprensione del testo: tutto ciò che ho visto oggi è necessario.