Blog

Il professore che contesta

Il complimento più bello che io abbia mai ricevuto me lo fece Dario Fo. Nel 2005, cenando insieme dopo che mi aveva ascoltato parlare delle solite cose (allora i vaccini non erano ancora entrati a piedi uniti nella corruzione capillare), mi disse che avevo la stessa chiarezza di Enrico Fermi.

Mi sarebbe piaciuto che fosse vero ma, evidentemente, non è così.

Prescindendo dal paragone insostenibile con Fermi, non so se sia tutta colpa mia o se c’entrino la fretta e la superficialità che caratterizzano il nostro tempo e, con quello, coloro che pretendono di fare i giornalisti. O, chissà, potrebbe essere la malafede che rende non solo ridicoli ma pericolosi certi personaggi infestanti spacciati con successo per fari di conoscenza. Costoro, approfittando della ribalta, sono più patogeni della diossina ma sono, contemporaneamente, più attraenti della Nutella (che in casa mia non è mai entrata).

Un articolo a firma Loris Palmerini (http://www.palmerini.net/blog/il-prof-montanari-contesta-le-analisi-dei-vaccini-fatte-da-corvelva/) intitola che il “prof.” Montanari avrebbe contestato le analisi di Corvelva.

Lascio da parte l’insulto di essere qualificato professore. Professore significa qualcuno che ha a che fare con le nostre università e io, invece, sono uomo di ricerca e, se paragonato a tanti accademici, mi si permetta,  sono uomo amante e rispettoso della cultura e dotato di onestà intellettuale. Quindi, per favore, nessuno mi appiccichi quella indebita, umiliante etichetta. Io sono dottore dal luglio 1972 e non altro.

Lo lascio da parte ma vorrei che fosse chiaro (mi aiuti l’evocato Enrico Fermi!) che io non ho affatto contestato le analisi dette “di Corvelva”.

Vediamo se, semplificando al massimo, ce la faccio ad essere compreso.

Quando si analizza un campione, si dichiara con precisione chi ha eseguito l’indagine, dove, come e con quale apparecchiatura. Il che non è stato fatto nei termini canonici. Questo non significa affatto che le analisi siano sbagliate ma solo che non è stata osservata la ritualità abituale. Resta il fatto che io non ho alcun elemento per sottoscrivere i risultati o per confutarli perché non ho alcun elemento per farlo. Dunque, il verbo contestare è fuori luogo.

Poiché i vaccini non sono caramelle col buco ma qualcosa che coinvolge giri enormi di denaro, corruzione e superstizione, è opportuno andare con i piedi di piombo presentando certi risultati. Farlo su quattro analisi, per di più in situazione critica per ciò cui ho appena accennato, in un ambiente inadatto come quello di una saletta del parlamento, affiancati da qualcuno che non aveva la minima competenza in materia e che ha pronunciato qualcosa che mi limito a classificare come “imprecisione” è quanto meno ingenuo e indice d’inesperienza.

L’inesperienza si è pure manifestata quando, in un comunicato, Corvelva fa intendere, forse molto al di là delle intenzioni e senza capirne la portata, di non aver trovato ciò che noi troviamo, invece, da molti anni, su un numero di campioni di gran lunga maggiore e con ricerche eseguite da noi in Italia e all’estero. Che il laboratorio incaricato da Corvelva non abbia trovato particelle è ovvio a chi è del mestiere, ma non all’orecchiante di turno e, soprattutto, non a chi si aggrappa alle scuse più scivolose per attaccarci. La tecnica usata da quel laboratorio, qualunque il laboratorio sia, prevede la ionizzazione di ciò che sarà poi oggetto del rilevamento. Questo non è possibile con le particelle semplicemente perché non sono ionizzabili. Per semplificare, con quel metodo, peraltro eccellente se usato entro i suoi limiti, non si sarebbe potuta rilevare la presenza di un catenaccio nel liquido in esame.

Il nostro è un metodo analitico diversissimo. Noi osserviamo il campione al microscopio elettronico e vediamo direttamente le particelle solide e inorganiche. Non vediamo, invece, le sostanze organiche trovate “da Corvelva”. Questo non significa che non ci siano ma, banalmente, che al microscopio elettronico, con la nostra tecnica, non si vedono.

Chi avesse voglia di lavorare onestamente e non per far vedere ai gonzi quanto è bravo, potrebbe utilizzare le due metodiche in modo complementare ma, purtroppo, per farlo occorrono quattrini e volontà.

Per concludere, il signor Palmerini che, candidamente, avverte che non sa ciò che scrive perché è stato informato da un amico suo, ha pubblicato un titolo fuorviante che sembra fatto apposta per i tuttologi da mescita pubblica.

Se posso permettermi un consiglio, quando si rende pubblico una scritto con tanto di firma si dovrebbe essere abbastanza prudenti da avere quanto meno contezza dell’argomento. Capisco che, con le stravaganti enormità dei luminari di regime, quello del signor Palmerini è, a dir molto, un piccolissimo peccato veniale. Ma a me piace essere preciso.

34
Lascia una recensione

7 Comment threads
27 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
7 Comment authors
  Subscribe  
Notificami
Laura77

Davvero ha cenato con dario fo? io l’ho conosciuto diversi anni fa perché ho fatto lo stesso liceo artistico ed na volta avevano fatto na mostra dei suoi quadri ed era arrivato a presentarli …. ricordo che ci fece i complimenti per i nostri dipinti….. davvero simpatico…. (scusate gli errori la mia tastiera non funziona bene)

paride

Chissà qual è la verità e quanto ci stanno nascondendo sui vaccini.
Intanto questo bambino, ben vaccinato contro il pneumococco, è morto per una sepsi da pneumocco.
Ma non ci avevano detto che il vaccino ti salva la vita? Ai genitori viene spiegato il vaccino non sempre funziona?
https://www.leggo.it/italia/cronache/meningite_bambino_morto_vicenza_ultime_notizie_16_marzo_2019-4365570.html

Carlo

Gentile, Davide Siamo alle solite. Viene spiegato che lo pneumocco, il batterio che ha ucciso il bambino di appena 16 mesi, “è ultraresistente agli antibiotici e in grado di rendere vana anche la protezione del vaccino, che copre l’88% dei ceppi”. Però si dà il caso che l’infezione pneumococcica sia provocata proprio da “un batterio che è normalmente presente nelle vie aeree della maggior parte degli esseri umani e che, salvo rari casi, non dà conseguenze gravi”. Vabbè che oramai ci abbiamo fatto il callo su questa loro collaudata ignoranza, ma a questi grandi luminari è mai possibile che non… Leggi il resto »

Aurelio

Egr. Carlo,
è così ovvio. Basta guardare i numerosi casi riportati dai giornali (i dati necessari per effettuare statistiche naturalmente sono celati ad arte) negli ultimi anni: una marea di bimbi che contraggono la meningite sono stati di recente vaccinati – e non necessariamente per la medesima malattia.

Chi segue con attenzione questi fenomeni e non si “accorge” di questa coincidenza o è “dumber than a rock” o è in malafede.

Laura77

Gentile Paride, ci stanno nascondendo molte cose, è chiaro che chi sta dietro a ciò non ha scopi benevoli, c’è na forza, n potere oscuro, che agisce ed è palese che non sono persone come noi, che hanno n etica, n rispetto per la vita, per fortuna ce ne sono ancora di persone come voi, ma è gente “malata” …. ad esempio le sembra normale che in n aeroporto internazionale (denver) ci siano tali simboli oscuri e apocalittici in bella vista …
https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=1&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwj90rCnlYnhAhUSsaQKHa3mBIwQFjAAegQICBAB&url=https%3A%2F%2Filnavigatorecurioso.myblog.it%2F2013%2F05%2F17%2Fl-inquietante-aeroporto-di-denver-e-i-simboli-apocalittici-d%2F&usg=AOvVaw00XRDxjsyTLMkkqWNUCMJg
oppure ancora la stele massonica con i “loro” comandamenti ….
https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=2&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwjypMrtl4nhAhXJ4KQKHZ2oB-IQFjABegQIHBAB&url=https%3A%2F%2Fwww.macrolibrarsi.it%2Fspeciali%2Fgeorgia-guidestones-la-stonehenge-degli-illuminati.php&usg=AOvVaw3yi6mOImO0w5F1JrLAIxhw

paride

“Di recente sono usciti i dati sulla copertura vaccinale e sono confortanti. Per esempio, per quanto riguarda la terza dose del vaccino contro la poliomelite, siamo saliti dal 92,9% per la corte del 2015 al 93,7% per quella del 2016. Per il morbillo siamo passati dal 91% della corte 2015 al 91,9% del 2016. Ci avviciniamo all’1% di recupero in un anno”. Questo, secondo un responsabile delle vaccinazioni in Veneto, è il fantastico risultato della guerra dei vaccini, dopo 2 anni di propaganda in cui hanno tentato di tutto: un aumento delle vaccinazioni dello 0 virgola, in riferimento a bambini… Leggi il resto »

Dantes

Caro Montanari, ormai è chiaro che v’è in atto un progetto graduale, ma crescente, di sterminio di massa. Per chi comanda davvero siamo già in troppi a pregiudicargli la conquista dell’onnipotenza. Pertanto, la ciurma va scremata. Le guerre con armi convenzionali sono estremamete costose per produrre solo alcuni milioni di morti. Quelle atomiche sono controproducenti perchè sanno benissimo che iniziare ad utilizzarle farebbe saltare in aria l’intero pianeta loro compresi. Occorre fare un salto di quantità per arrivare entro il 2050 a diverse centinaia di milioni di morti senza che i morituri subodorino alcunché, anzi, facendogli credere che camperanno meglio… Leggi il resto »

Carlo

Credo piuttosto che la riduzione e/o il peggioramento della salute della popolazione mondiale sia piuttosto un effetto collaterale della politica neoliberista, gestita dall’élite, non un obiettivo da raggiungere. A chi gioverebbe del resto una popolazione interamente malata e compromessa? E poi il sovrannumero consente di reperire una manodopera sempre più a buon prezzo… Il problema del sovrappopolamento riguarda la massa non l’élite. La cosiddetta guerra dei poveri… Se si potessero per es. produrre, convenientemente, farmaci e vaccini senza effetti collaterali e controindicazioni, l’industria lo farebbe. Ugualmente farebbe l’industria alimentare per i suoi prodotti… Se si produce Nutella, diventa assiomatico nella… Leggi il resto »

Aurelio

Egr. Carlo, Lei scrive: “A chi gioverebbe del resto una popolazione interamente malata e compromessa? E poi il sovrannumero consente di reperire una manodopera sempre più a buon prezzo…” Ma la manodopera oramai non serve più. Nell’arco di 20 anni quasi tutti i lavoratori manuali (e non solo) nei paesi industrializzati saranno rimpiazzati da robots, di norma costruiti e progettati da altri robots. Contenere il sovrannumero della popolazione evidentemente non è il vero obiettivo di questa operazione. Guardi la Fig. 2, “Historical and projected population by world region” su:- https://www.eea.europa.eu/data-and-maps/indicators/total-population-outlook-from-unstat-3/assessment-1 L’Europa (curva verde oliva) si sta estinguendo da sola, non… Leggi il resto »

Dantes

“Credo piuttosto che la riduzione e/o il peggioramento della salute della popolazione mondiale sia piuttosto un effetto collaterale della politica neoliberista, gestita dall’élite, non un obiettivo da raggiungere.” Si, ma il neoliberismo non è piovuto dal cielo per volere divino. E’ un progetto architettato oltre 70 anni fa proprio da quelle èlite che comandano il mondo e realizzato pienamente per quanto riguarda il nostro continente con la costituzione della U.E. e l’introduzione dell’euro, quest’ultimo autentico cavallo di Troia per il colpo finale. Il progetto, pertanto, per la sua sopravvivenza non può che portare in seno anche lo sfoltimento della popolazione… Leggi il resto »

Laura77

In risposta a Carlo-
Gent.le Carlo in merito a ciò “Per quanto concerne la politica dei vaccini, questa produrrà sempre più casi avversi, epidemie, morti, storpiati, e il sistema permetterà di pari passo l’eutanasia su vasta scala, come non era successo mai prima.” … sta già avvenendo…
https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=2&cad=rja&uact=8&ved=2ahUKEwiPnsj4nozhAhUIsKQKHcvMAcwQFjABegQIBRAB&url=https%3A%2F%2Fquifinanza.it%2Fbellastoria%2Fvideo%2Farriva-la-kill-pill-eutanasia-legale-per-chi-ha-compiuto-70-anni%2F45610%2F&usg=AOvVaw1l5YWeSAyHQUcRMmssRZWA

Gian Pilz

Trovo un po’ inquietante che

“L’aducanumab potrebbe essere quindi sperimentato con un approccio diverso: verificare se possa essere utile alle persone senza sintomi ancora riscontrabili, ma comunque ad alto rischio di sviluppare forme di demenza”

https://www.ilpost.it/2019/03/22/aducanumab-alzheimer/

Aurelio

Molti delinquenti hanno per anni prescritto ad anziani lo Zyprexa per demenza e Alzheimer, illudendo le famiglie che il farmaco (oltre a stordire il paziente) potessere avere un qualche effetto curativo. Ma non mi sembra che nessuno sia stato radiato dall’ Ordine dei Medici -e neanche timidamente deferito- per questi misfatti.

https://www.hindawi.com/journals/cpn/2013/647476/

https://www.fda.gov/downloads/drugs/drugsafety/ucm134700.pdf