Blog

I vaccini salvano la vita

Di 31 Gennaio 2019 35 commenti

Non annoierò i miei pochissimi lettori illustrando loro i motivi per cui non credo in nessuna religione. La cosa è del tutto priva d’interesse. Questo, però, non mi ha mai impedito di rispettare profondamente qualunque credo.

Cercherò, invece, di spiegare perché i vaccini, attraverso la religione, salvano la vita.

Da un po’ di tempo, in realtà pochissimo, è venuta alla ribalta una pratica tecnica che esiste da decenni e che, tuttavia, pare essere sempre passata inosservata. Mi riferisco all’uso dei feti umani nel processo di produzione di alcune decine di tipi di vaccino, quasi tutti di larghissimo impiego e non di rado addirittura di somministrazione obbligatoria.

Come ripetuto più volte e come è ovvio, quei feti devono essere sani perché non è saggio usare materie prime che potrebbero rivelarsi deleterie alla buona riuscita del processo di produzione. E, allora, si ricorre alla pratica più elementare: si acquistano i feti da signore o signorine che si prestano ad abortire materiale conforme.

Una volta che più di qualcuno ha sbirciato sotto il coperchio di un pentolone che racchiude ben altro, la Chiesa Cattolica Romana, da sempre all’avanguardia nel contrastare l’aborto elencandolo al primo posto tra i peccati mortali, ha cercato di affermare che la pratica non esiste: insomma, quella che oggi si etichetta con l’esotica definizione di fake news. È naturale che, davanti a prove incontestabili fornite perfino dai produttori di quei farmaci, non bastavano più affermazioni generiche né, tanto meno, goffe arringhe d’ufficio di pretini sprovveduti. Bisognava escogitare qualcos’altro, stante il fatto che, per ragioni in attesa di spiegazione comprensibile, la Chiesa è schierata al fianco delle case farmaceutiche.

Il Sommo Pontefice, allora, avrebbe potuto regalare un’indulgenza plenaria: tutti gli aborti sono cancellati dalla fedina penale celeste. Ma ci sarebbe stato il problema dell’oggi in poi. Se il passato risultava inesistente come nella società immaginata da George Orwell, che ne sarebbe stato del futuro? Sì, perché il business legato ai feti abortiti ed accuratamente sezionati (filetto, controfiletto, lombata…) mica poteva essere interrotto. Ecco, allora, il colpo di genio. Sul volo che lo riportava a Roma dal Centro America, il Sommo Pontefice dà a tutti i preti la facoltà di cancellare il peccato mortale di aborto. Per misericordia, sia ben chiaro (http://www.ilgiornale.it/news/politica/papa-francesco-sullaborto-misericordia-tutti-peccato-si-1635514.html?mobile_detect=false). Insomma, produttori, commercianti e utilizzatori di feti abortiti giù fino a tutta la corte dei miracoli che ad ogni punturina riceve un soldino non avranno altro disturbo che procurarsi il prete disponibile e tutto continuerà come prima. Anzi, molto meglio di prima perché non ci saranno più dubbi: prendendo a prestito un concetto di Vujadin Boskov, peccato è quando prete dice.

Ora, a fronte di questa mossa magistrale del concorrente più temibile, ci si deve aspettare la contromossa di ebrei e musulmani. Oggettività vuole che la pelle del maiale, animale immondo per ambedue le religioni, sia bollita e ridotta a gelatina per essere usata come efficace stabilizzatore termico nei vaccini e, dunque, se ebraismo ed islam non sono scaduti a buffonate, bisogna fare qualcosa. Che cosa? Forse vedremo femmine di maiale in chador e maschi in kippah?

Un fatto è certo: se, come risulta chiaramente da tutti i dati degli enti statistici inglesi e americani, nessun vaccino ha mai salvato una vita terrena e, anzi, di vite se ne sono portati via a milioni, i vaccini stanno garantendo la beatitudine eterna, il che è infinitamente (in senso stretto) di più. Si portano a casa quattro soldi e il passaporto per le delizie dell’oltretomba sono assicurate. Meglio di così… Ma c’è di più: strette intorno all’unica divinità universalmente riconosciuta, vale a dire il santissimo denaro, si sta raggiungendo quel sincretismo, quel riconoscimento della divinità unica e, per forza di cose, divinità comune cui mai ci si era avvicinati.

E, concludendo, mi si lasci licenza di citare un paio dei perfetti doppi senari del poema Ifigonia:

Noi siamo felici, noi siamo contenti
le chiappe del culo porgiam riverenti

Dove i glutei che compaiono con quella che a Dante non parve una volgarità sono porti con riverenza all’ago che darà a tutti la beatitudine eterna e, come benefico effetto collaterale, alzerà il PIL.

Bando alle chiacchiere: in attesa dei rabbini e degl’imam, un grazie al Santo Padre. Ora il coniglio che sussurra ai somari avrà un’arma in più.

Articolo successivo

35
Lascia una recensione

5 Comment threads
30 Thread replies
1 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
7 Comment authors
  Subscribe  
Notificami
Laura77

Ma certo … ma voi sapete che il vaticano è finanziato dai Rothschild …. e questi ultimi adorano un’altro tipo di dio (sono satanisti) potete vederlo in questo articolo ..
http://informare.over-blog.it/2015/01/signore-e-signori-ecco-i-vostri-padroni-i-rothschild-prima-parte.html

Aurelio

Non so voi, ma io ho visto questa Intervista Professorale https://www.youtube.com/watch?v=HzJ1FpBGi5s e tra un risolino e l’altro di intervistatore ed intervistato ho capito che:- 1. Non c’è proprio niente di cui preoccuparsi, i vaccini sono sicuri e stra-controllati. 2. L’Alluminio se c’è, è perché fa bene. E poi sono solo SALI di Al, IDROSSIDO di Al – quindi perché tutto questo baccano? [e.g. “Potassium cyanide is a compound with the formula KCN. This colorless crystalline salt, similar in appearance to sugar, is highly soluble in water.”] 3. Le cellule umane fetali “abortite” non ci sono, i virus sono “purificati”, è… Leggi il resto »

paolo arturo giovanni

Aurelio, dopo avere rischiato di fracassare il monitor con un diretto ho guardato questo:

https://www.youtube.com/watch?time_continue=368&v=JUKI1CEs7Lw

Carlo

Riportando per iscritto l’inter-svista si capisce ad occhio la pochezza dell’informazione di regime. Togliendo il 99% di folgorazione ottica (costituita abitualmente di immagini ripetute più volte per tutta la durata dell’inter-svista: laboratorio, medici alle prese con provette, beute e aggeggi vari) e riportando l’1% dell’informazione balbettata si ha il vuoto assoluto informativo. L’ilare paradosso è che la controparte (qualunque essa sia) è sempre e comunque rappresentata da Gerardo D’Amico, avvocato del diavolo in qualsiasi occasione si presentino problemi sanitari da divulgare. Il professore di turno poi spiega al placido gregge che i vaccini sono iper-ultra-sicuri, iper-ultra-controllati. Il prefisso grammaticale “iper-ultra”… Leggi il resto »

Carlo

La sola vista della faccia a cu** di questo D’Amico mi procura un forte effetto emetico. E questo è senz’altro una reazione salutare; vuol dire che il mio organismo reagisce in modo abbastanza efficace agli agenti infettivi esterni. Non posso altresì dire “beato lei che le dà un effetto tranquillante”, in quanto geneticamente la funzione programmata virale del lecchino è proprio quella di tranquillantare (sic). Lei forse ancora non se ne rende conto, ma i suoi sintomi sono inequivocabili e non lasciano presagire niente di buono… S’informi, soprattutto si disinformi, anzi spenga la tibbù. Il mio è un consiglio d’amico… Leggi il resto »

Carlo

Se il crimine non paga, lo Stato non paga, è fin troppo facile arrivare alla conclusione che la differenza fra criminali e politici è alquanto irrilevante, così come quella fra legalità e illegalità, giustizia e ingiustizia. Gli opposti si attraggono. Contrario è sinonimo di sinonimo. Ma lo Stato non è forse costituito da tutti i cittadini aventi diritto? Magari così fosse!… Para-sfrasando una canzone di Francesco De Gregori sarei tentato a dire che “lo Stato siamo noi, nessuno si senta escluso”. Il guaio è che in molti – troppi! – se ne sentono esclusi e presi per i fondelli. Tutt’altro… Leggi il resto »

paride

Gentile Carlo, se leggi il bugiardino dell’esavalente Infarix Hexa vedi che la trombocitopenia è indicata come evento avverso “raro” di questo vaccino. Una tabella riportata nel bugiardino dice che “raro” significa che si verifica con una probabilità compresa tra un caso 1.000 e un caso su 10.000 somministrazioni (poi se pensi che il calendario vaccinale nel primo anno di vita prevede 3 somministrazioni di questo vaccino, capisci che la probabilità di andare incontro a questo inconveniente è almeno 3 volte più alta). Inoltre c’è un piccola noticina che dice che la frequenza di questa reazione avversa è stata calcolata sulla… Leggi il resto »

Carlo

Ho dato un’occhiata al truffaldino… pardon, bugiardino, ed è stupefacente come sia pieno di controindicazioni e porcherie varie. https://www.my-personaltrainer.it/Foglietti-illustrativi/Infanrix_Hexa.html#Precauzioni Se tutti lo leggessero. nessuno si azzarderebbe nemmeno in sogno a farsi fare alcun vaccino. Evidentemente, si pensa che esso sia scritto in caratteri geroglifici per essere esclusivamente letto e interpretato dai medici. Ma anche costoro non è che ci capiscano granché, scarsamente alfabetizzati come sono, la cui unica loro funzione è ormai quella di fare da tramite fra il commesso della Big Pharma e i loro clienti. Ma quali sono i benefici dei vaccini?… Beh, se non muori, sopravvivi; se… Leggi il resto »

paride

https://www.terzobinario.it/lasl-roma-4-sui-vaccini-da-effettuare-entro-il-10-marzo/153069 All’inizio dell’anno scolastico 2018- 2019 il governo Lega – 5 stelle ha prorogato il regime dell’autocertificazione. Il problema non era certo la certificazione delle vaccinazioni (come sembra dal nome del provvedimento) ma cosa fare coi bambini non vaccinati, che in base alla (tuttora vigente) legge Lorenzin non avrebbero potuto entrare all’asilo. La normetta approvata da Lega e 5 stelle permetteva in pratica a questi bambini di entrare all’asilo a settembre 2018, a fronte però di un appuntamento fissato con l’USL per fare i vaccini, da inoculare improrogabilmente entro il 10 marzo 2019. Adesso trovo questo articolo del 1° febbraio… Leggi il resto »