Blog

Forza, Francesco: ancora un passo!

Di 19 Giugno 2015 6 commenti

Dio diede all’Uomo la Terra perché la custodisse e la coltivasse.

Questo è quanto assicura il primo libro della Bibbia e non intendo discuterlo, anche se avrei più di una perplessità in proposito, non fosse altro che per

certi sistemi di agricoltura che si prestano a più di un malinteso. Ma diamo per accettato l’assioma.

 

Nella sua storia molto più che millenaria la Chiesa romana si è occupata di un’infinità di questioni e, tra loro, inevitabilmente ha toccato anche l’ambiente, vale a dire l’argomento di un pianeta da custodire. Che l’abbia fatto, è una certezza. Che l’abbia fatto poco, molto timidamente e ad intervalli lunghissimi, pure.

Ora dal Vaticano esce “Laudato si’…” , un’enciclica in cui si tratta, oltre che del sudiciume delle banche e di un certo tipo d’impresa economica, anche di ecologia.

Molto prudentemente evitando di prendere posizioni scientifiche come hanno tristemente fatto alcuni suoi predecessori e come di tanto in tanto fanno vescovi e cardinali, Papa Bergoglio ha impersonato l’uomo di religione rivolgendosi abbastanza chiaramente, nei limiti dell’abito che ha indossato, a chi devasta l’unico pianeta che abbiamo. Io temo, però, che le sue parole saranno la vox clamantis in deserto di Giovanni Battista. La reazione sarà un far finta di niente. Sarà un’alzata di spalle. Magari qualcuno avrà di che ridire: il solito idiota del “sì, però, non vorrete mica tornare nelle caverne.”

In passato, quando qualcuno faceva qualcosa che dava noia al papa, lo si scomunicava, e in certi casi quella condanna che valicava tanti confini provocava un certo imbarazzo, specie agli uomini politici. Oggi credo che la stragrande maggioranza della popolazione non farebbe neppure caso all’esclusione dalla comunità dei fedeli, però un certo effetto lo farebbe. E farebbe pure un certo effetto chiarire, nell’ottica cristiana, che chi inquina come tanto di frequente si fa oggi mente, ruba e uccide e, perciò, commette un peccato mortale;anzi, una serie di peccati, visto che va contro almeno tre comandamenti: il quinto, il settimo e l’ottavo. Io non saprei indovinare l’efficacia di azioni del genere da parte del papa, ma un papa non può fare nulla di più e quando si fa il massimo non si può chiedere altro.

Se papa Francesco vuole qualche indicazione precisa su quanto sia criminale non solo costruire e gestire cementifici che bruciano rifiuti, inceneritori, impianti a biomasse o centrali energetiche a carbone o a oli pesanti, ma anche, e forse ancor di più, concedere il permesso di farlo, io sono pronto a mettergliele in mano. Se vuole sapere chi sono i professori che, da tromboni e farabutti come sono, benedicono certi scempi mentendo ad un popolo rimbambito da mezzi d’informazione truffaldini, io posso fornirgli i dati. Se desidera sapere come fanno certi politici ignoranti e delinquenti a uccidere indiscriminatamente folle intere per mettersi in tasca due soldi o per fare un gradino di carriera, non ci sono problemi ad informarlo.

Ma se Jorge Mario Bergoglio, vescovo di Roma e capo della cristianità con un nome programmatico come Francesco, è già al corrente di tutto ciò, non ha altra scelta morale se non andare fino in fondo e scomunicare questi figuri pronosticando loro un aldilà in cui dovranno spiegare un po’ di cose. Chi vuole davvero vincere non gioca con il braccio corto.

6
Lascia una recensione

6 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
  Subscribe  
Notificami
gbracca

La reazione sarà un far finta di niente.
Ed è proprio così che sta andando.

Le prime pagine di giornali e telegiornali, naturalmente, non sono dedicate a questa importante presa di posizione del Papa su ambiente e modelli di sviluppo marci. Quando ne accennano, sottolineano soltanto la parte dedicata a quei filibustieri che governano il castello finanziario che ci han costruito sulle teste.
L’ambiente? Non è ancora di moda, se mai lo sarà, un giorno.

RISPOSTA

Come ripetono le nostre “autorità”, di qualcosa dovremo pur morire? E, allora, che c’è di meglio che schiattare sapendo di aver riempito le tasche di qualcuno?

parideparis

Andare fino in fondoAnche se penso che solo col tempo si possano esprimere giudizi compiuti sulle persone, io ripongo delle speranze su questo papa e anche la sua recente presa di posizione sui temi ambientali mi incoraggia in tal senso. E anch’io spero che dopo aver udito la scomunica dei mafiosi, possiamo udire la scomunica degli inquinatori, cosa che avrebbe sicuramente l’effetto di sollecitare l’attenzione verso certi temi di molta parte della popolazione. Andare fino in fondo non è facile, tuttavia. Prendo come esempio la signora Obama. Tutti sappiamo del suo impegno per modificare le devastanti abitudini alimentari dell’americano medio.… Leggi il resto »

pcampoli

Francesco ha bisogno di noi….Ciao Stefano, non sono ancora morto grazie a Dio, e spiego perche’ Papa Francesco che e’ gia’ Santo dopo aver pubblicato la Laudato sii.. (altro che Woitila o il Pastore Tedesco fortunatamente andato in pensione…. dopo aver bastonato la Teologia della Liberazione assieme al suo predecessore….) – Per fare il passo che tu gli chiedi Papa Francesco-Santo ora ha bisogno del nostro aiuto… di noi cittadini…. Tu e tua moglie come scienziati onesti e non come pseudo-scienziati alla Veronesi, amico degli industriali del farmaco….kkkkk, potete fornirgli i dati tecnici per dimostrare come siano CRIMINALI i politici… Leggi il resto »

pcampoli

E’ questione di difendere la propria dignita’Caro Stefano concordo con te e non interessa neppure a me salvare chi vuole lasciarsi eliminare….e cancellare per 2 soldi… combatto ancora e non mollero’ finche’ sono costretto a vivere in questo Paese di Merda (guidato da personaggi alla Renzi, degni del livello della maggioranza delle persone che ora abitano questo Paese) PER DIFENDERE LA MIA DIGNITA’ di persona e per il rispetto che ho per coloro che nel ’43-’45 hanno dato la propria vita per una COSTITUZIONE scritta da SPIRITI NOBILI come Dossetti-La Pira-Calamandrei….COSTITUZIONE che CRIMINALI come Napolitano-Renzi&Company da decenni non fanno piu’… Leggi il resto »

pcampoli

Perche’ CRIMINALI Napolitano e RenziCaro Stefano, capisco benissimo la tua precisazione, ma ribadisco Napolitano e Renzi li bollo come CRIMINALI perché anche se in base all’art. 27 della COSTITUZIONE questi 2 signori sono INNOCENTI in punto di diritto, non sono INNOCENTI di fatto perche’ sono COMPLICI di un CRIMINE avvenuto con le elezioni del 1994 in cui un CRIMINALE riconosciuto tale con sentenza n. 97 n. 215/89 del Reg. Gen. della Corte di Appello di Venezia, ha potuto essere eletto al Parlamento italiano senza che il POPOLO sapesse di questo dato. Appena avro’ tempo argomentaero’ piu’ dettagliatamente quello che intendo… Leggi il resto »

pcampoli

Terro’ conto dei suggerimenti…..Caro Stefano, ho letto solo ora la tua risposta perché in questo periodo sono un po’ sotto pressione….; terro’ conto dei tuoi suggerimenti..anche se oramai non mi fido piu’ degli azzeccagarbugli di cui sono pieni i Tribunali d’Italia…e la Corte di Cassazione…. al momento non ho il tempo che mi serve per proseguire e completare il lavoro iniziato nel 1994; ho gia’ fatto denunce e ho anche denunciato l’Ufficio di Presidenza della Repubblica italiana alla Corte di Giustizia di Strasburgo; conservo tutti i documenti e appena avro’ sistemato alcune faccende private torno alla carica perché voglio innanzitutto… Leggi il resto »