Numero di visite:: 1251

http://www.vitalmicroscopio.net/2017/04/14/attenzione-alloro-e-allargento-nel-vino/

Non so perché si auguri una buona Pasqua e, almeno fino a Natale, si possa crepare senza che la cosa interessi a nessuno. Comunque, BUONA PASQUA!

Commenti  

 
#3 Invito alla lettura...Jano76 2017-04-17 23:31
Con lo scopo di confutare ulteriormente il teorema (in particolar modo la seconda parte):

"Così come la Terra è rotonda allora i vaccini sono sicuri"

invito i gentili frequentatori di questo covo di eretici (ad esclusione di quei pochi "giusti" che faticano non poco nella loro opera di conversione al pensiero unico dominante scientifico) a leggere e comprendere il seguente che trovo utile per il solo fatto che sia piuttosto recente (Published 07 February 2017), anche se ad onor del vero le conclusioni in generale mi erano per lo più già note:

http://www.bmj.com/content/356/bmj.j337

Non tratta nello specifico i vaccini ma descrive le modalità in cui si opera nella sorveglianza post-marketing dei farmaci nel territorio tedesco.

Queste le premesse.
"The practice of post-marketing studies we describe takes place in many EU countries, such as Italy, France, Spain, and Austria. In contrast with these other countries, however, only in Germany do all such studies have to be registered. We therefore think there is good reason to believe that the German data we analysed are representative of post-marketing studies across the EU."

E le conclusioni, ma vi invito a leggerlo tutto e non saltare direttamente a queste, sono che se da un lato in Italia
(fonte http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2586_allegato.pdf a pag. 114):

"In Italia, dopo l’immissione in commercio, i vaccini continuano ad essere monitorati (sorveglianza post-marketing) attraverso un sistema di farmacovigilanz a, facente capo all’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), con una rete di Centri regionali e locali, per la segnalazione degli eventi avversi a
vaccino (o presunti tali), grazie al quale l’eventualità di eventi avversi (anche imprevedibili) non viene affatto trascurata, ma è continuamente monitorata ed opportunamente investigata."

dall'altro e limitatamente alla Germania (dove tali studi di post-marketing devono essere registrati mentre in Italia no):

"Our findings do not support the aspiration of the German Medicinal Products Act that post-marketing studies serve to improve long term drug safety surveillance. In contrast, we found evidence that drug safety could be jeopardised by the current practice, as post-marketing studies are expected to contribute to pharmacovigilan ce, but in reality their data and results are treated as business secrets."

Per i dettagli ed i conflitti di interesse dello "lead author" rimando allo studio: la lettura è piacevole. Spero che nessuno passi dicendo che serve essere laureati in medicina per comprenderne appieno il significato.

Qualcuno mi risponderà che i vaccini sono super controllati bla bla bla e quanto descritto nello studio non potrà mai scalfire la ricerca sui vaccini immuni dal conflitto di interesse e dal "business secrets" (mi trattengo dal ridere).
Ma questo qualcuno è libero di pensarlo e di scriverlo.
Io non ho obiettivi di conversione alcuna.

Il problema non è tanto lo strumento di per sé (il vaccino) ma la sua efficacia e sicurezza effettiva e per come e da chi questa viene certificata. Il conflitto di interesse è ormai indistinguibile dall'ordinarietà. E in Italia siamo ormai anestetizzati a questo e tanto altro.

RISPOSTA

È tutto inutile. Se a un bigotto lei porta le prove inconfutabili della non esistenza di Dio, si troverà a sbattere il naso contro un muro impenetrabile. Idem se porterà le prove altrettanto inconfutabili della sua non esistenza ad un ateo convinto. Ognuno presenterà strillando “il Verbo”, cioè la parola del proprio santone.
I vaccini non hanno nulla di scientifico al di là di una storica illusione smentita dai fatti, ma questa illusione basta abbondantemente per generare schieramenti “l’un contro l’altro armati” tra i quali è possibile solo lo scontro incondizionato.
Caso e Mammona vogliono che lo schieramento di gran lunga più forte non per scienza ma per potere “temporale” si valga delle istituzioni e di un sistema di vigilanza che meriterebbe sorti diverse da quelle che ha.
Credo non valga la pena continuare a perdere tempo.
 
 
#2 @ Mallo Amarinoparide 2017-04-17 22:43
Gent. sig. Mallo Amarino,
se stasera ha guardato Report forse ha avuto qualche risposta.

RISPOSTA

Report è stato di una tenerezza infinita. Le cose sono di non poco più pesanti di quanto rappresentato, ma già quello che abbiamo visto è sorprendente, trattandosi di qualcosa trasmesso da una rete di regime.
Quanto ai vari bigotti che si stracciao le vesti, non credo valga la pena continuare a discutere. Se non si vuole vedere, non si vede. Per chi ci sarà da qui a una ventina d'anni ci sarà di che ridere.
 
 
#1 Buona Pasquetta!Mallo Amarino 2017-04-17 19:05
Gentilissimo professore, faccio qui seguito alla conversazione al suo post "vaccini e credulità popolare". Innanzitutto grazie infinite per la sua precedente, cortese risposta. Nessun malinteso da parte mia: semplicemente, non riesco a farle capire che, se tanto desidera risposte, è invitato (e quattro!) a contattare per un confronto gli scienziati specialisti in vaccini presso i prestigiosi istituti che le ho segnalato; si porti tutto ciò che lei ritenga "fatti": i grafici diversi da quelli di Grillo, le tabelle, i suoi articoli su "Inside wellness", le sue interviste a "Cronaca Vera", le sue trasmissioni a "Telecolor", il film di Wakefield; e, soprattutto, rivolga loro tutte le domande che vuole. Se davvero vuole risposte. Altrimenti rimanga qui, sul blog, a scrivere le sue solite cose e altercare verso interlocutori che lei chiama ignoranti e incompetenti, se non addirittura malati di mente (a meno che non le diano ragione: per questo, evidentemente, non serve esibire alcuna competenza). Mi raccomando, se per il confronto scegliesse Oxford (il che mi farebbe felice) cerchi però di insultare un po' di meno rispetto al suo standard: a questo ci tengono, sa com'è. Circa l'analisi eseguita nientemeno che a Cambridge (a proposito: ma il suo laboratorio non era l'unico al mondo in grado di fare le "vostre" analisi?) ancora non mi sono ben chiari termini e finalità di questa collaborazione. Nel suo articolo, per altro, di Cambridge non si fa menzione (dico, almeno nei ringraziamenti, visto che vi avrebbero ospitato...); poco male: provvederò, se mai, a informarmi al Nanoscience Center, naturalmente dando per certa la veridicità del suo transito in quel di Cambridge. Sorvolo volutamente sulle indimostrabili affermazioni circa un fantomatico veto posto su analisi di alcuni prodotti e non di altri. Ancora, le vorrei evidenziare che non ero affatto in attesa del suo consenso per dire ciò che penso, facendomi forza della letteratura scientifica (che comunque, se permette, é sempre meglio di film, rotocalchi e bugiardini), anche se in questo caso non si sta discutendo delle mie personali opinioni, bensì di evidenze talmente vaste da generare consenso unanime nel mondo scientifico, a partire dalle più prestigiose università, fino all'ultimo degli atenei, compresa (e non solo, come lei vorrebbe lasciar intendere) l'università "Pinco Pallino": tutti corrotti? Stesse posizione condivise anche dall'ateneo di Modena e Reggio Emilia (1), che lei conosce (e può raggiungere più agevolmente) e che son sicuro può vantare tra le collaborazioni passate o presenti scienziati top al mondo. Se però continua a rifiutare il confronto con la comunità scientifica, chi parla dandosi ragione, mi dispiace, è lei. Se poi si vuol pensare che i vaccini servono solo ad arricchire le multinazionali del farmaco, che spenderebbero soldi ed energie per corrompere l'intera comunità scientifica per falsare ogni cosa, tutte le riviste per pubblicare le stesse falsità e tutte le società scientifiche per avallarle, tutte le università per inculcarle a tutti gli studenti facendo loro il lavaggio del cervello, tutti i governi e l'OMS per influenzare le politiche vaccinali in tutti i Paesi, tutti i medici per raccomandare vaccini e somministrarli e altro ancora, va benissimo. Faccio solo notare che a Cuba dette multinazionali, causa embargo, non mettono piede, eppure i bambini sono tutti vaccinati, per le stesse malattie per cui si vaccina da noi e per altre; detti vaccini sono di fatto prodotti dallo Stato, pur tra mille difficoltà, e concessi gratuitamente alla popolazione, perché in carenza di risorse la prevenzione tramite questi presidi è considerata prioritaria e irrinunciabile; e non a caso, le coperture vaccinali a Cuba, da molti anni, sono tra le più alte al mondo e da altrettanti i casi di malattie per cui si vaccina sono stati ridotti praticamente a zero, grazie ai programmi vaccinali adottati (2, 3, 4). Per ottenere tutto questo, il governo di Cuba ha investito moltissime risorse assicurando i vaccini ai suoi cittadini e in tutto questo Big Pharma non c'entra. Poi, se si pensa che in altri paesi, come il nostro, sul totale della spesa farmaceutica, poco più dell'1% riguarda la voce vaccini (che comprende tutti i vaccini!) c'é da chiedersi se valga la pena corrompere l'universo intero; di sicuro non ne vale la spesa (bastasse anche una pizza a testa). E poi, il mondo di certo non é perfetto, ma nemmeno é grottesco come lei lo vuole dipingere. Per finire, se le piace così tanto denigrare Burioni, faccia pure: non so perché, ma ho l'impressione che lei pensi che io lo consideri alla stregua di un totem inviolabile. Tante care cose e buona serata.
(1) https://www.ipasvibo.it/2016/universita-di-modena-e-reggio-emilia-antivaccini-falso-noi-pro-scienza.html
(2) http://www.saluteinternazionale.info/2013/02/a-cuba-si-puo/
(3) http://mediccreview.medicc.org/articles/mr_56.pdf
(4) http://www.medicc.org/mediccreview/articles/mr_57.pdf

RISPOSTA

Caro signore, evidentemente lei non è informato e non ha idea di quante volte io ho chiesto un confronto, di quante volte ho chiesto ai “luminari” di sedersi di fianco a mia moglie e a me quando analizziamo un vaccino, di rispondere alle domande invece di eluderle. Il risultato è stato sempre e invariabilmente la fuga. Questo atteggiamento, per poco onorevole che sia, paga. Paga perché esiste una corposa maggioranza di persone come lei. Quando lei dice che io rifiuto il confronto, non posso altro che allargare le braccia e dire che lei o è un perfetto cretino (cosa che rifiuto con orrore) o lei cerca goffamente di prendersi gioco di me. Lo capisce o no che sono i suoi “geni” a scappare terrorizzati al solo pensiero di confrontarsi?
Quanto all’analisi di Cambridge, ad eseguire l’analisi siamo stati ovviamente noi. Cerchi di concentrarsi: il problema non è l’apparecchiatu ra, ché quella basta comprarla. Il problema è la cultura, e quella non si compra né si acquisisce semplicemente sulla base di un biglietto da visita o del “lei non sa chi sono io” che pare tanto piacerle. Lì non c’è Oxford (che pare tanto attizzarla) o Vaticano che conta ma solo sangue, sudore, lacrime, onestà e umiltà. Comunque, Cambridge non andava ringraziata per il semplice fatto che le apparecchiature le abbiamo noleggiate laggiù, pagate da un finanziatore che vuole restare anonimo. Dunque, nessun merito da parte dell’Università che è stata presente all’analisi con due dottoresse loro che ne sapevano meno di zero. Quanto a lei, magari mi spiegherà per quale ragione io dovrei aver millantato una “collaborazione ” con Cambridge. Forse lei ha l’abitudine a frequentazioni provinciali, abitudine che, forse curiosamente per lei, io non ho mai avuto. Né perdo tempo a commentare il “fantomatico” veto. Solo un imbecille avrebbe potuto arrivare a tanto e, poiché lei imbecille non è di certo, prendo tutto come uno scherzo. E quanto a Cronaca Vera, mi ha dato un’idea per sostituire Caballero.
Il resto del suo sproloquio riesce ad essere perfino più mortificante di quanto aveva partorito fino alla tristissima menzione delle università Pinco Pallino. Se ha voglia di continuare con i suoi canovacci da avanspettacolo, lo faccia tranquillamente . Io, però, tempo da perdere non ne ho.
 

PER INSERIRE I COMMENTI E' NECESSARIO ESSERE UTENTI REGISTRATI

Trovi i tasti per la registrazione e il login in alto a destra

Utenti Online

Il Grillo Mannaro

Vaccini si o no

Case Studies in Nanotoxicology and Particle Toxicology

Il pianeta impolverato

Sostienici

Il Futuro Bruciato

Il futuro Bruciato

Per ordinare "Il futuro bruciato come ci stanno incenerendo la salute insieme al pianeta" di Stefano Montanari, Illustrazioni di Vilfred Moneta, Edizioni Creativa www.edizionicreativa.it, Collana dissensi, Saggistica Pagg.178, Inviare una mail a info@edizionicreativa.it

La calza in testa

Il girone delle polveri sottili

Copertina libro Il girone delle polveri sottili

E' disponibile il libro "Il girone delle polveri sottili", clicca sull'immagine per vederlo e/o acquistarlo.

E' disponibile Maratona!

Copertina libro Il girone delle polveri sottili

E' disponibile il libro "Maratona! Come correre per la bellezza di 42 chilometri e vivere felice", clicca sull'immagine per leggere la descrizione. Per ordinarlo: andromeda@alinet.it.

Rifiuto riduco riciclo

Copertina libro Rifiuto riduco riciclo

E' disponibile il libro "Rifiuto riduco riciclo", clicca sull'immagine per vederlo e/o acquistarlo.

Nanopathology

E' disponibile il libro "Nanopathology", clicca sull'immagine per vederlo e/o acquistarlo.

Lo stivale di Barabba

 

E' disponibile in versione E-book "Lo stivale di Barabba", clicca sull'immagine per vederlo e/o acquistarlo.