Blog

Montanari in politica

Di 10 gennaio 2018 30 commenti

Sono troppo vecchio e troppo pieno di ferite aperte e di cicatrici per non saperlo: quello che scriverò è perfettamente inutile perché l’archetipo dell’idiota si è riprodotto coerentemente identico a se stesso. E l’idiota è detentore di un potere tremendo. Quando uno della loro genìa lancia un seme, non ci sarà nulla di più fertile di quello e nessun controveleno avrà una qualunque efficacia.

In passato io sono stato protagonista delle fantasie di tanti, con il record assoluto appannaggio di tale Valeria Rossi (pace all’anima sua, dovunque si trovi) e di tutto il branco di oche pettegole che del suo starnazzare facevano eco insieme con tutti i maiali che si rivoltolavano nel fango che quella produceva con ammirevole lena. Sono stato di volta in volta agente NATO, ho nascosto la verità sulle scie chimiche, sono stato massone, ho falsificato analisi… Il limite è stato la fantasia. In piccolo, una giovane del Sud sostenne che le avevo dato della mafiosa e mi portò fino in tribunale (dove il giudice stabilì senza nemmeno entrare in camera di consiglio che il fatto non era mai avvenuto), e querele a getto continuo ne ricevo da parte di una povera disturbata mentale che da anni mi perseguita, querele che finiscono tutte in discarica ma che, comunque, ci sono. Detto solo per completezza d’informazione, proprio un paio di giorni fa il sindaco del paesello di cui la ragazza del Sud è indigena è finito in galera per troppe simpatie mafiose.

Ora la progenie dell’idiota archetipico fa uscire la notizia che io sono candidato in questo o in quel partito e c’è chi mi chiede di raccontare quale sia il mio programma. A nulla sono valse le mie smentite: io non ho aderito a nessun partito né, peraltro, nessuno mi ha chiesto adesione. C’è perfino uno dei figlioletti dell’archetipo che sostiene che da dieci anni io tento la scalata al parlamento. È vero? No, naturalmente. Documenti? Nessuno, altrettanto naturalmente, ma l’importante è dimostrare di essere degni dell’antenato capostipite.

Allora, visto che siamo arrivati all’argomento politico, vediamo di ripetere per l’ennesima volta la stessa cosa. Io sono disponibile ad una candidatura solo alle MIE condizioni, e le mie condizioni sono inderogabili. Per potermi rendere utile alla società io devo poter disporre degli strumenti tecnici di analisi e, se l’ipotetico partito non è capace di garantirmele (no perditempo), io non servo a niente. L’altra condizione è che il partito deve prodigarsi senza alcuna eccezione possibile per cancellare l’obbligatorietà dei vaccini, per far eseguire un controllo privo di mascalzonate su tutti i farmaci, per far mettere in atto una politica intelligente dei rifiuti, per vietare l’uso dei filtri antiparticolato nelle automobili, per controllare l’inquinamento ambientale senza trucchi, per cacciare i funzionari truffaldini, per far funzionare il sistema giudiziario… Insomma, per fare ciò che scrivo e dico da tempo immemorabile.

Va da sé che nessun partito si è mai fatto avanti perché in Italia usa che chi si mette in politica lo fa per rubare e questo è in evidente contrasto con le mie condizioni. Sia chiaro: non sto affatto sostenendo che i politici siano tutti dei farabutti, almeno in partenza. Faccio solo una sorta di personalissima statistica basata su una personalissima esperienza, augurandomi caldamente di essere in errore.

Stabilito, allora, per la millesima volta che io in politica non ci sono, com’è la situazione al momento? La situazione più buffa è che la signora Lorenzin ha fondato un partito. Chi ne ha voglia e stomaco vada a leggersi la lista di chi sta in squadra e tragga le sue conclusioni. I nomi li ho letti senza meraviglia se si fa eccezione per quello di Maurizio Romani, medico fino a ieri fiero critico dei vaccini e, tra gli altri, dello “scienziato” Burioni e ora pappa e ciccia con gli ex nemici. Spero solo di essere stato informato male.

Al di là di tutte le considerazioni possibili, un fatto è evidente: il fronte di Big Pharma potrà sì essere ridicolo e volgarmente variopinto ma è rocciosamente compatto. Dall’altra parte una miriade di partitini fatti troppo spesso di nullità assolute quando non di personaggi dai quali sarebbe rischioso acquistare un’auto usata, partitini che sembrano fatti apposta per garantire, grazie al loro più che prevedibile fallimento, il business corrente e, potendo, per garantirne il lievitare.

E allora? E, allora, se avevamo la concreta possibilità di uscire dal girone infernale che ci siamo costruiti addosso semplicemente applicando la Costituzione, ora quella possibilità è di fatto svanita.

I bambini? Animali da reddito, tenera, appetibilissima carne da macello.

Addio, Italia, penisola dalla forma eloquente senza domani, già definita femmina da bordello nel Purgatorio dantesco, affogata recitando una farsa tragica in una palude di chiacchiere e di grottesche menzogne, derubata consenziente di soldi, salute e dignità. Ora sarai sempre di più l’ItaGlia che raglia!

Lascia una recensione

30 Commenti on "Montanari in politica"

Notificami
Come facevano a sapere, PRIMA che avvenisse il terremoto? C’è stata un’altra seduta spiritica di Romano Prodi? E se sapevano dell’arrivo del sisma, perchè non hanno avvertito la popolazione? ___________________ Lo scandalo delle casette ai terremotati -e la “specificita’” del PD https://www.maurizioblondet.it/lo-scandalo-delle-casette-ai-terremotati-la-specificita-del-pd/ Terremoto, vietato criticare la gestione dell’emergenza. Dirigente Ingv punita per aver espresso dubbi https://www.maurizioblondet.it/proposito-della-dittatura-pd/ Il PD apre la caccia ai “traditori”, la mail agli iscritti: “Segnalateci chi firma per Grasso” http://notizie.tiscali.it/politica/articoli/pd-spioni-firme-uel/ ___________________ Comunque siano andate le cose, a mio modo di vedere qualsiasi compromesso giustifica la gioia di scalzare dal posto di comando della nostra Nazione questo orrore.… Leggi il resto »

Come al solito complimenti, esaustivo, graffiante, ironico e inequivocabile.
Se non fosse scienziato, Stefano sarebbe un degno emulo dei nostri migliori personaggi satirici.

Vaccini e politica: allego questo link, preso OGGI (10 GENNAIO 2018) dalla prima pagina di Google news. Ognuno si faccia la propria idea e tragga le proprie conclusioni. Io penso che qualche politico abbia capito che il popolo italiano non è proprio così entusiasta dei 10 vaccini obbligatori della Lorenzin.
http://www.ilgiornale.it/news/politica/vaccini-dura-botta-e-risposta-salvini-e-lorenzin-1481643.html

10 GEN 2018 — “L’Italia va vaccinata dagli incompetenti”. Firmato: Beatrice Lorenzin.

Quindi è in preparazione un vaccino anti-Lorenzin??

Salvini ha detto una cosa intelligente e3 genii ( Lorenzin, Brunetta, Romani ) hanno ragliato. Big pharma può dormire sonni tranquilli.

Ci sarebbe da scrivere tanto, ma quando questa necessità si presenta, poi è difficile mettere le cose in sequenza. Paride ha scritto dell’obbligatorietà vaccinale dei medici e infermieri pena il licenziamento. Già avviene in Emilia, con grande facilità e senza contestazioni dato che la stragrande maggioranza del personale medico e infermieristico è “a termine” quindi, obtorto collo, si adegua. Seconda cosa, ancora sulla mancata ma ancora possibile discesa in campo di Montanari. Non è possibile che la “becera Lega” non la contatti e non le offra la possibilità di far valere le ragioni di scienza e coscienza. Ieri sera avrete… Leggi il resto »
Purtroppo qui in Italia quasi nessuno conosce la favola di Korney Chukovsky del «Tarakanische» – i.e. la blatta. Allora il Tarakanische un bel giorno decise di diventare il Re della Foresta, e come primo atto della sua amministrazione ordinò che tutti gli animali si prostrassero davanti a lui per riconoscere il suo comando e portassero i loro piccoli perché lui li voleva mangiare per cena. E così fu: il Tarakanische si mise su un alto ramo di un albero spoglio e arrivarono tremando, portando i loro cuccioli e rimettendosi alla sua magnanimità gli elefanti, i leoni, i coccodrilli, gli ippopotami,… Leggi il resto »

Innanzittutto spero che Salvini la contatti o la faccia contattare!! Senza questo…

Ecco qui un medico di base, che dicendo quello che vede e non quello che gli dicono di dire, si è candidato alla radiazione. Per coincidenza oggi un amico che fa il parrucchiere mi diceva di una cliente che aveva appena disdetto l’appuntamento a causa dell’influenza, presa nonostante il vaccino. Ormai la realtà si sta imponendo in tutta la sua evidenza e le trasmissioni propaganda come quella di Formigli finiscono solo per insospettire e rendere più diffidenti le persone.
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=1059656384172133&set=gm.2073751576178211&type=3&theater

Dunque vediamo che dice la Scienza: “nessuno può fornire dati statistici attendibili.” … PERO’ “l’influenza non l’hanno presa e non la prenderanno proprio grazie al vaccino.”

Certo, se il Corso di Laurea in Medicina in tutte le Università prevedesse un esame obbligatorio di Logica, le cose andrebbero sicuramente meglio per gli sfortunati pazienti Italiani.

Dipende da chi sarà l’insegnante di Logica.

Io non sono dedito al turpiloquio.

Lo Stato è di fronte all’imbarazzante circostanza di dover spiegare che il vaccino contro l’influenza non ha funzionato, dopo aver fatto una martellante campagna per spingere la popolazione a iniettarselo. Magari qualche cittadino potrebbe essere colto dal dubbio: “Non è che per caso anche i 10 vaccini obbligatori della Lorenzin potrebbero non funzionare?”. Non so se sia un caso, ma dopo che Salvini ha detto di voler togliere l’obbligo di vaccinazione, si stanno moltiplicando le trasmissioni propagandistiche pro vaccini. Adesso, mentre sto scrivendo, su La 7 va in onda la trasmissione “Piazza pulita”, che inizia, guarda caso, con un servizio… Leggi il resto »
wpDiscuz