Blog

Me ei ole üksi

Di 22 Dicembre 2018 11 commenti

Almeno da quanto appare, l’esplorazione dell’universo non ha una finalità legata al denaro. Uno degli obiettivi è sapere se, da qualche parte, esistano forme di vita e, ancor più arditamente, forme di vita intelligente. Sì: intelligente per farci compagnia. Perché noi siamo intelligenti.

Che ce ne importi, visto che gl’ipotetici extraterrestri non sembrano  socievoli e desiderosi della nostra compagnia, può essere questione di dibattito ma, come è scolpito nel XXVI canto dell’Inferno dantesco, l’uomo è fatto per “seguir virtute e conoscenza.” Per favore, nessun commento su questo punto.

Qualunque sia la ragione per la quale noi cerchiamo con chi scambiare due chiacchiere fuori del Pianeta, un fatto è certo: temiamo la solitudine. E, allora, molto più in piccolo, eccomi ad offrire una consolazione ai pur pochissimi che leggono le mie noterelle: gl’italiani non sono soli.

Chi ha la pazienza e il sangue freddo per seguire le italiche vicende legate ai vaccini potrebbe essere indotto a pensare che l’imbecillità luminosa che politici, signori dottori, giornalisti e una folla fatta di decine di milioni di frequentatori di bar virtuali esibiscono sia dote unica nostra. Se ho usato la parola dote è perché l’imbecille è destinato ad ereditare il mondo e, anzi, già ne è padrone seppure con qualche piccola sacca di resistenza.

Se da noi i vaccini obbligatori sono 10, i Francesi ci superano di un’incollatura: 11. Ma ci sono i fuoriclasse: gli argentini. Laggiù, nell’altro emisfero, si gode della saggezza di un ministro della salute(?) affettuosamente soprannominato Dottor Morte il quale, per l’amore che porta alla sua terra e soprattutto ai bambini mai del tutto nati che diventeranno ingredienti dei farmaci, ha reso obbligatoria una lista interminabile di vaccini, e questo senza guardare l’anagrafe: bambini o adulti non fa differenza. Tutti hanno diritto ad essere protetti.

Ma l’imbecillità radiosa ha tanti risvolti, uno dei quali è la proibizione di esprimere dubbi su quei doni salvifici e un altro è lo scandalo se qualcuno, vedi l’Ordine Nazionale dei Biologi, è così spudoratamente blasfemo da chiederne un’analisi di laboratorio.

Ma un altro risvoltino piccino c’è, è fresco fresco e mi riguarda. Non senza incontrare difficoltà, nel settembre del 2017 fu pubblicato in Francia un libro che io scrissi insieme con mia moglie e con l’amico Serge Rader, farmacista che di vaccini sa davvero tutto, giù fino a particolari sinistri. Ricalcando il titolo della versione italiana, una versione che era meno corposa, il libro francese si chiama “Vaccins: Oui ou Non?”

Dalla remota Estonia, piccola repubblica un tempo appartenente all’impero sovietico, ci fu chiesto se acconsentivamo a che il libro fosse tradotto in lingua locale. Nessuna obiezione da parte nostra e il lavoro di traduzione iniziò.

La cosa non fu facilissima, e non solo per motivi tecnici legati al testo. Non solo pareva molto difficile trovare un editore abbastanza coraggioso (?), ma chi era impegnato nel lavoro di traduzione fu “consigliato di stare accorto”. Non confondetevi: non siamo nel regno della Mafia: siamo in Estonia.

Sorvolando su tutte le difficoltà, il libro fu pubblicato, ci fu chi andò in libreria a prenotarne una copia, e qualche giorno fa il libro fu consegnato alle librerie con il titolo “Vaktsineerida või mitte?” (https://www.apollo.ee/vaktsineerida-voi-mitte.html).

Ma, intanto, evidentemente era successo qualcosa: senza spiegazioni le prenotazioni risultarono annullate e chi aveva pagato si vide restituire i soldi.

Se, da una parte, sarebbe interessante sapere non solo chi ha preso l’iniziativa ma perché, dall’altro è meglio non farlo. Anni fa una persona molto più vecchia e saggia di quanto io non fossi allora m’insegnò che non ci si deve mai misurare con gl’imbecilli. Questa classe privilegiata di umanità ha il dono di trascinare l’imprudente che si confronti in un terreno noto solo a lei, terreno in cui valgono regole incomprensibili per chi della classe non fa parte, e il meschino non solo viene surclassato ma, riprendendo i versi sterbiniani di Don Basilio, ne esce calunniato, avvilito, calpestato, e sotto il pubblico flagello per gran sorte ha crepar.

Come si dice in Germania, “nicht zu viel fragen, laufen lassen, flexibel sein.” Insomma, non si facciano troppe domande, si lasci correre e si sia flessibili. E – come insegna l’italico maestro di pensiero – se ci saranno dei morti, li seppelliremo.

L’importante è sapere che non siamo soli.

11
Lascia una recensione

3 Comment threads
8 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
6 Comment authors
  Subscribe  
Notificami
Fax

Purtroppo non credo che le decisioni prese in Estonia siano frutto di imbecillità. Al contrario sono frutto di ragionamenti precisi. E sarebbe bello se qualcuno lassù decidesse di investigare la cosa. Ma, come dicono ai tg, voltiamo decisamente pagina! La prima domanda è se potrebbe prolungare la raccolta fondi anziché interromperla con la fine dell’anno. La seconda riguarda quella certa maratona televisiva che si incarica, ormai dagli anni ’90 di raccogliere fondi per lo studio di malattie rare. Eviterei di nominarla direttamente perché una querela per Natale non è il massimo! 😀 Insomma parlavo con un Teletubby ( sostenitore) che… Leggi il resto »

paride
eugenio cassi

Franco Bechis l’ha buttata in ridere all’inizio, almeno per aprire il discorso, forse per non farsi fare una telefonata cattiva da qualche collega; e mi va anche bene se serve per cominciare almeno a parlarne da parte dei direttori di giornali. I signori Maurizio Molinari ( La Stampa ), Massimo Franco ( Corriere della Sera ), Mario Calabresi ( Repubblica ), Marco Damilano ( L’Espresso ), tanto per nominare i più noti, hanno sempre snobbato l’argomento se va bene, altrimenti hanno lasciato che i loro sgherri potessero tacciare di qualsivoglia nefandezza quelli, pochi, che hanno tentato di far luce sulle… Leggi il resto »

Carlo

Mi sovviene di aver letto da qualche parte che Lacan alla domanda che lui una volta si era o gli era stata posta “qu’est-ce que la mafia?” replicava: “C’est la mafia la societé”. C’è poco da confondersi, la mafia è ormai dappertutto. Onde evitare il virale contagio della corretta informazione sui vaccini si è adottota la misura precauzionale del ritiro dei lotti di “merce” dal mercato. Cu fu cu fu ca lu fici. Nenti sacciu e nenti dicu. E come per mafìa sparisce il corpo del reato e così sia. E già, siamo in un mondo all’incontrario, dott. Montanari, ed… Leggi il resto »