Blog

Beatrice santa subito?

Di 13 giugno 2017 9 commenti

Che non sarò mai un uomo di successo è provato anche dal fatto che non parlo di cose che non conosco. Dunque, non sarò mai un ministro, un giornalista, uno scienziato catodico…

Così, conscio della mia ignoranza, ho chiesto a due amici avvocati di elencarmi quali siano i principali articoli di legge che la signora Beatrice Lorenzin,

per motivi misteriosi e totalmente al di fuori della legalità (articoli 56 e 59 della Costituzione), nostro ministra della nostra sempre più ipotetica salute, violerebbe.

 

Uno degli avvocati mi ha elencato gli articoli 2, 3, 10, 32 e 34 della Costituzione; gli articoli II-63, II-81 e II-84 della Costituzione dell’Unione Europea; l’articolo 26 della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo; gli articoli 3, 10, 14, 20 e 21 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea; gli articoli 4. 5 e 13 del Patto Internazionale sui Diritti Economici del 19/12/1966; gli articoli 4 e 5 della Convenzione Internazionale contro la discriminazione nel campo dell’educazione adottata dalla 11° Conferenza Generale dell’UNESCO a Parigi il 14/12/1960; l’articolo 9 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali del 4/11/1950; l’articolo 2 primo protocollo aggiuntivo del 20/03/1982 della Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali del 4/11/1950; gli articoli 2, 4 e 5 della Convenzione di Oviedo del 1997 e l’articolo 4 della Carta Europea dei Diritti del Malato di Bruxelles.

Inoltre ha citato la sentenza n. 27 della Corte Costituzionale.

L’altro avvocato scrive in gran parte le stesse cose ma aggiunge gli articoli 13, 14, 21, 28, 33, 41 e 77 della Costituzione; e gli articoli 323 e  658 del Codice Penale.

Pur non essendo un conoscitore della materia, mi pare che un magistrato avrebbe materia per lavorare un po’ e, vedi mai, per sentenziare, se lo ravviserà giusto, la santità della sig.ra Lorenzin.

Intanto, se ne avete voglia, leggete il prossimo copia-incolla e fate ciò che vi pare giusto fare:

Nuovo esposto del Codacons all’Anac sulle vaccinazioni. L’associazione consumatori ha chiesto all’Autorità anticorruzione se «sia lecito che il dirigente del ministero della Salute, Ranieri Guerra, firmi atti pubblici sui vaccini sedendo, come da curriculum, nel Cda della Fondazione Glaxo, che come noto produce il vaccino esavalente venduto in Italia».

«Risulterebbe che Guerra abbia firmato tutti gli provvedimenti sui vaccini anziché astenersi come dovuto, in base all’articolo 323 del Codice penale», è la contestazione del Codacons, che intanto parla di «gran successo per la petizione contro il decreto Lorenzin, che in pochi giorni ha raccolto oltre 20 mila firme. È possibile aderire alla pagina

https://codacons.it/petizione-online-codacons-decreto-lorenzin-vaccini-abrogazione/

Partecipa alla discussione 9 commenti

Lascia un Commento