Blog

Avvertimenti per chi guarderà Open Space

Di 17 Ottobre 2015 59 commenti

18 ottobre: a fine articolo c’è un P.S scritto dopo aver visto la trasmissione.

 

Post lunghissimo che nessuno è obbligato a leggere, ma se domenica qualcuno perderà il suo tempo a guardare Open Space su Italia 1 è bene che sappia come sono andate le cose.

Sgombriamo subito il campo da possibili equivoci: è tutta colpa mia.

L’avevo annunciato ieri:

avevo accettato l’invito a partecipare alla trasmissione di Italia 1, e così ieri sera ero a Cologno Monzese negli studi di Mediaset dove era prevista la registrazione con una messa in onda programmata per domani, domenica sera.

 

Ammetto di aver accettato l’invito di malavoglia e di averlo fatto solo dietro le insistenze di mia moglie. Il fatto che due medici avessero rifiutato di andare, sicuramente per aver fiutato la trappola, e la lettura di un post pubblicato a cura del programma su Internet, un post che definire idiota è fargli un complimento, avrebbero dovuto consigliarmi un venerdì passato a Pesaro al microscopio. Invece…

A costo di essere lungo e di pretendere pazienza da parte di chi mi legge, iniziamo da capo.

Accettato con qualche tentennamento l’invito, parlo telefonicamente due volte per un totale di un’ora e mezza abbondante con le autrici del programma. A loro espongo chiaramente la mia posizione: ciò che io cerco non è nient’altro che avere finalmente chiarezza, una chiarezza negata sia dalle ingenuità dei non vaccinatori a prescindere sia dalle enormità caratteristiche dei vaccinatori ad oltranza, quelli che, o per denaro o per mantenere il loro posticino o per pura credulità sono disposti a dire o, a seconda della posizione, a credere qualunque cosa. Insomma, io non sto né di qua né di là. Il fatto di avere come interlocutore un personaggio, nell’occasione tale professoressa Susanna Esposito vaccinatrice di regime, mi avrebbe offerto la possibilità di avere finalmente risposta alle domande che io pongo da anni alle cosiddette autorità sanitarie senza avere risposta. Vero è che il personaggio Esposito, prima di allora a me ignoto, mi aveva fatto una pessima impressione quando la ascoltai pochi giorni fa nella registrazione di un programma di Radio 24, ma tant’è.

Le autrici mi assicurarono che quanto io chiedevo, cioè semplicemente fare domande per quella sospirata chiarezza, sarebbe stato accettato. Così partì da Cologno Monzese una serie di mail di domande alle quali risposi punto per punto senza pormi all’interno di una fazione. Poi, giovedì spedii la mail che segue e che prego di leggere fino in fondo. (Ormai siete in ballo come lettori). Quella doveva essere la traccia della serata.

Sui vaccini esiste una quantità immane di stravaganze di cui sono autori i “vaccinisti ad oltranza” e, parimenti, lo sono coloro che accusano i vaccini di tutti i mali del mondo.

Stante la pessima informazione che si fa d’abitudine sia da parte dei media sia da parte dei due schieramenti contrapposti, credo sia opportuno cercare, almeno una volta tanto, un po’ di chiarezza. È proprio per la mancanza di chiarezza che c’è chi rifiuta le vaccinazioni, fenomeno di cui le autorità si lamentano, ma non è mentendo o minacciando che si risolve la questione.

Per questo vorrei che finalmente si toccassero una volta per tutte con onestà alcuni fra i tanti temi possibili il cui trattamento viene regolarmente eluso:

  1. Noi abbiamo analizzato 28 vaccini, qualcuno in un solo esemplare, qualcuno in più esemplari anche a distanza di tempo. Di questi solo il Feligen, l’unico vaccino per uso veterinario analizzato, si è dimostrato non inquinato da micro- e nanoparticelle solide, inorganiche, non biodegradabili e non biocompatibili, vale a dire patogene. Le autorità sanitarie hanno sempre evitato di entrare in argomento ma di questo molti soggetti potenzialmente vaccinabili sono informati e la mancanza di risposta o le risposte assurde giocano a sfavore dei vaccini.
  2. Tutti i bugiardini e, comunque, la buona pratica vaccinale, prevedono che prima di praticare una vaccinazione il medico valuti se il soggetto è già naturalmente immune e se è allergico o sensibile ad uno o più componenti del farmaco. Questo non viene mai fatto sia perché il vaccinatore non dedica il tempo necessario a ciò che sta facendo (spesso si trova a dover vaccinare decine di soggetti sconosciuti in pochi minuti) sia perché i componenti non vengono mai dichiarati per intero sia perché non è quasi mai possibile sapere se il vaccinando (a maggior ragione se è un neonato) è allergico o sensibile a una sostanza.  In caso di allergia, basta una quantità minima di sostanza cui si è allergici per scatenare la reazione avversa.
  3. I medici denunciano solo una minima parte degli effetti patologici, passeggeri o cronici che siano, manifestati a seguito di una vaccinazione. In questo modo si ha un’immagine falsata degli effetti reali.
  4. Le informazioni che vengono date al soggetto sono appena parziali. Per esempio, non si dice mai che i vaccini, come tutti i farmaci, non hanno un’efficacia nel 100% dei casi né si dice che, quando la malattia deriva da più cause o il batterio da combattere esiste in ceppi diversi, il vaccino è approntato solo per pochissimi ceppi (spesso uno solo) e, comunque, non per tutte le cause della malattia. Esempi tipici (ma gli esempi sono numerosissimi) sono la meningite e il Papilloma virus. In questo modo s’illude il soggetto di essere immune verso una malattia quando, nella migliore delle ipotesi, cioè quando il farmaco ha funzionato, l’immunità è solo per una frazione dei patogeni oltre a non essere quasi mai duratura. Questa illusione può causare addirittura un aumento dei casi di malattia (esempio tipico fu il tetano) perché i vaccinati non prendono più le precauzioni del caso.
  5. Le vaccinazioni vengono praticate sui neonati quando il sistema immunitario non matura almeno fino ai 2 anni (abbondanti). E si praticano vaccinazioni a vecchi che, per ragioni di età, non riescono ad acquisire immunità da vaccini.
  6. Ai neonati si pratica una vaccinazione esavalente (difterite, epatite B, infezioni da Haemophilus Influenzae tipo b (Hib), pertosse, poliomielite, tetano) lasciata credere obbligatoria, quando la legge non prevede come obbligatorie le vaccinazioni contro  Haemophilus Influenzae tipo b (Hib) e pertosse. In termini pratici, non è possibile ricevere una vaccinazione “di legge” e si deve subire forzatamente quella “aumentata”. L’argomento solito è che le due malattie in eccesso saranno combattute dal vaccino e, quindi, questo va a vantaggio del vaccinato, argomento quanto meno curioso sia per legge sia per logica.

Gli argomenti sono molti di più (es. le sperimentazioni fasulle), ma credo che con ciò che vorrei fosse toccato si riempia tranquillamente la trasmissione.

Mi accorgo ora, rileggendo ciò che ho scritto, che menzionavo l’onestà, Enorme, imperdonabile ingenuità da parte mia.

Comunque sia, arrivo agli studi e mi si assegna un camerino dove incontro di persona le autrici. A una di queste consegno una chiavetta USB contenente delle fotografie al microscopio elettronico di vaccini inquinati e tre grafici non miei ma dell’Office for National Statistics  inglese per il tetano e dell’ufficio per le statistiche storiche statunitense per ciò che concerne morbillo e pertosse.  Materiale ufficiale, quindi. In questi grafici si vede chiaramente come i vaccini non abbiano avuto influenza nell’andamento relativo all’incidenza delle malattie. Non mi pare ci sia nulla di “anti-vaccino” se qualcuno chiede spiegazione a proposito non di opinioni ma di fatti accertati. Essere informati è un diritto, specie se si tratta di salute.

Nel corso dell’incontro in camerino mi viene letto il copione della trasmissione. Con mia sorpresa non è quanto si era concordato ma sarebbe stata la conduttrice Nadia Toffa a fare le domande sia a me sia alla tale Esposito. Leggendo quel copione si arriva ad un punto particolarmente dolente, vale a dire alla domanda sull’autismo: possono i vaccino indurre la malattia? Io dico, ma siamo lontani da qualunque possibilità di registrazione, che non ho prove mie (che siano mie è importante) per rispondere. Dico solo che, con quello che abbiamo trovato nei vaccini, la cosa risulta se non altro plausibile. Poi, sempre nel corso della conversazione, riferisco di quanto rivelò poco tempo fa Bill Posey, il deputato USA che assistette alla distruzione dei documenti relativi alla relazione tra autismo e vaccini. Anche quel fatto mi pareva degno di un commento da parte della Esposito.

Conclusi i lunghi preliminari, vengo portato nella sala dove sta cominciando, con molto ritardo, molta goffaggine e diversi inghippi tecnici, la registrazione. Protagonista del momento è una signora di Cesena che è stata recentemente colpita da una disgrazia terribile: sua figlia neonata si è ammalata di pertosse, malattia da cui è guarita ma ora la piccina prende il raffreddore con facilità e anche la bronchite. Così la mamma di Cesena promuove una petizione rivolta ai politici competenti (competenti non significa in questo caso conoscitori della materia) con cui chiede che tutti siano vaccinati contro la pertosse per evitare che tragedie del genere tocchino altre famiglie. Certo nessuno può restare insensibile al cospetto di un grido di dolore di quella portata e confesso che un lungo brivido mi ha percorso la schiena quando ho pensato che, vedi mai, verso i quattordici anni la bambina, già provata nella primissima infanzia da una tosse violenta (anch’io a suo tempo ebbi a soffrirne e se sono vivo e non ho un raffreddore da almeno quarant’anni è per miracolo), avrebbe potuto essere colpita dalla presenza di brufoli nel sedere. Capita a quell’età, ma perché non proporre allora una vaccinazione universale contro una patologia tanto agghiacciante?

Ad antipasto del racconto delle sofferenze patite da tutta la famiglia cesenate, la conduttrice si era lanciata in verbosi proclami contro quei delinquenti che non vaccinano i figli, e qui c’è l’altro errore mio: sono restato lì invece di girare il muso della Skoda verso casa. Non che non ci avessi pensato: una conduttrice del genere si presentava come a dir poco faziosa, faziosa e perfettamente incompetente, e le regole del fair play che dovrebbero essere caratteristiche del buon giornalismo erano state abbondantemente rottamate. Questo, almeno, a giudicare da come poi è stato pilotato il resto di una serata già esordita nello squallore intellettuale.

Qui sono partite le domande e le risposte alla professoressa Esposito e a me, con la Esposito che faceva la parte del leone sparando le abituali stravaganze imposte da Big Pharma, quella sorta di Grande Fratello che tiene i fili delle marionette in vario modo compensate per i servigi resi alla causa, cioè al fiume sempre in piena di quattrini che arrivano senza sosta nelle casse di chi sta trasformando il mondo in una miniera senza fondo di malati immaginari.

Inutile dire che le immagini che avevo portato non sono state mostrate e che non ho avuto la possibilità di porre alcuna domanda. Del resto, che cosa avrebbe potuto rispondere una Esposito? Quando mi si è lasciato un attimo per dire che 27 dei 28 vaccini analizzati (sola eccezione il Feligen, unico farmaco veterinario studiato) erano più o meno pesantemente inquinati, l’ineffabile Esposito, ovviamente impreparata e del tutto ignorante di nanopatologia (e palesemente non solo), ha saputo reagire soltanto definendo il nostro laboratorio come “il laboratorietto sotto casa”.

A un insulto di solito si reagisce, ma tutto dipende da chi quell’insulto l’ha lanciato. Un esemplare come la Esposito non merita altra risposta se non la pena infinita che induce. Come spesso accade, ignoranza, presunzione e arroganza sono compagni inseparabili. Lascio da parte l’onestà intellettuale per ovvi motivi. Certo la chiarezza che invocavo non potrà mai arrivare da personaggi simili.

Si continua, e io sono interrotto ad ogni risposta con il culmine toccato quando sia arriva al punto critico dell’autismo. La Esposito nega come da copione qualunque relazione tra la patologia e i vaccini e io non sono nemmeno interpellato. Va da sé che la Esposito, come è avvenuto con regolarità per tutta la serata, si è espressa su un argomento a lei perfettamente sconosciuto per il fatto banale di non aver mai effettuato alcuna ricerca scientifica. Non per questo l’indefinibile professoressa si esime dallo sparare gli assiomi che le hanno ficcato in testa, ma la sceneggiata non può destare sorpresa essendo la prassi in chi non ha la minima intenzione di mettere a rischio la seggioletta nel salottino buono.

Senza che io tedi all’eccesso chi è arrivato fin qui a leggermi, la registrazione arriva alla fine e io, a cose fatte, mi avvicino alla conduttrice dicendole che si è comportata in modo vergognoso. Quella fa la finta tonta e mi chiede il perché, certo reputandomi più scemo di quanto non io non sia di fatto, pensando, in aggiunta, che io non mi sia accorto dell’auricolare che indossava e del fatto che attraverso quello arrivassero “suggerimenti”. Le rispondo e le dico che non mi ha lasciato esporre nemmeno brevissimamente una serie di cose se non altro a correzione delle enormità mitragliate senza pudore alcuno dalla Esposito. Ora chi ha letto Kafka non troverà nulla di nuovo nella domanda a mo’ di risposta della signorina Toffa: perché non l’ho detto quando toccava a me parlare? A che poteva servire far notare che mi s’impediva di parlare per evitare imbarazzi e per passare alla domanda successiva?

A questo punto me ne sono andato dopo aver detto alla ben poco apprezzabile conduttrice di cancellare il mio nome dal suo indirizzario e di non mettere più piede nel mio “laboratorietto sotto casa”, cosa che aveva fatto per un servizio con mia moglie appena la settimana prima.

A buffonata ormai conclusa, stamattina ho letto i commenti di chi aveva visto l’annuncio della mia partecipazione al programma e non ho potuto altro che constatare come qualcuno, molto più accorto di me, avesse già fiutato la squallida trappola che un disgustoso giornalismo di comodo mi avrebbe teso. Vedi come sono prevedibili certe situazioni!

Ora è sabato mattina e non so come le forbici modificheranno ancora la registrazione della farsa che andrà in onda domani. Certo, allo schifo è difficile porre un limite e chi ha esperienza nel settore può sempre affondare di più.

A margine: da giorni non si può accendere la radio o la TV senza sentire qualcuno che (stra)parla di vaccini. Anche poco fa, nel quarto d’ora che impiego ad arrivare in laboratorio, ho sentito ben due persone (Radio RAI 1 e Radio RAI 2) esibirsi sull’argomento. Non commento la levatura degl’interventi per semplici motivi di decenza. Vorrei solo sottolineare come questi sedicenti scienziati non arrivino a capire l’ovvietà: non tutto il pubblico è composto da babbei, da sempliciotti e da sprovveduti. Se è vero, come ho appena sentito, che il 30% dei genitori ha dubbi sui vaccini significa che 3 persone su 10 hanno un cervello pensante e non sono disposte a dare credito gratuito a improbabili scienziati da avanspettacolo o a politici tuttofare che non esitano ad esprimersi con pari incompetenza su qualunque aspetto dello scibile umano. E allora, se si vuole arrivare finalmente a un punto fermo, bisogna piantarla con tutte le menzogne che vengono raccontate e bisogna cominciare a raccogliere dimostrazioni scientifiche. Questo non può certo avvenire mentendo, minacciando, proponendo leggi al di là del bene e del male e mettendo in scena palliate grottesche magari mandando alla ribalta comparse travestite da scienziati da una parte o mamme isteriche dall’altra. È evidente che, fino a che nessuno vorrà fare definitivamente chiarezza e si comporterà da mascalzone senza rendersi conto di quanto controproducente sia la posizione, resteremo sempre impantanati nelle solite domande senza risposta e nel solito stucchevole tifo da curva di stadio. Questo con buona pace della signora Lorenzin, ministra di qualcosa che ignora e mai eletta da nessuno, e di associazioni senza aggettivo come I Bambini delle Fate.

 

P.S. Ho appena perso tempo a guardare Open Space. Una serie di tagli ha tolto il sapore della serata, pur non riuscendo ad evitare certi passaggi grotteschi. Le enormità sparate dalla professoressa Susanna Esposito sono in gran parte restate, così come il suo tentativo di metterla in gazzarra, espediente rozzo ma efficace per chi, come lei, non ha argomenti. E, del resto, come farebbe ad avere argomenti se non sa nemmeno che cosa c’è nei vaccini che inocula allegramente a chissà quanti ignari soggetti? Sarebbe interessante vedere le reazioni se ogni genitore che porta il figlio alla professoressa le chiedesse ragione della ferraglia che, con probabilità certo diverse da zero, il ragazzino sta per ricevere nel suo organismo. Sarebbe interessante sapere se l’ineffabile professoressa ha idea di quali siano gli effetti di questi frammenti che l’Organizzazione Mondiale della Sanità stessa ha trovato essere cancerogeni di classe 1, cioè cancerogeni certi. Sarebbe pure interessante vedere che cosa farebbe se i genitori le facessero sottoscrivere un impegno a pagare i danni di eventuali effetti non solo indesiderati ma negati a seguito di una vaccinazione. E, ancora, sarebbe istruttivo sapere se la nostra Esposito ha mai letto i lavori di Oberdörster sulle particelle che arrivano al cervello. L’unica cosa che quella è riuscita a bofonchiare è che il nostro è un “laboratorietto sotto casa”. Indubbiamente certi scannatoi sono altra cosa. Ma, laboratorietto o no,  su come mai 27 vaccini su 28 fossero pieni di porcherie il nostro luminare ha preferito strillare altre cose e la “giornalista” Toffa non ha nemmeno provato ad incalzarla sul punto cruciale di quello che avrebbe potuto essere un dibattito non su posizioni contrastanti ma su un contributo alla chiarezza. A me, naturalmente, è stata negata la possibilità di insistere e, comunque, tutto si vuole tranne la chiarezza. Altrettanto buffo è stato il momento dedicato all’autismo. Non mi è stato possibile raccontare nemmeno uno degl’incontri che ho avuto con i genitori di figli autistici e di riferire come tutti mi parlassero di reazioni immediatamente a ridosso di una vaccinazione. Né si è potuto parlare di Bill Posey, il deputato americano che ha svelato pubblicamente come siano stati distrutti i documenti che, a suo dire, dimostravano la relazione tra vaccini e autismo. Io non ho esperienza su questo punto, ma se io inietto dei pezzi di metallo a un bambino e questi, sventuratamente, arrivano al cervello come è assolutamente possibile, mi pare del tutto plausibile immaginare che qualcosa di poco simpatico possa accadere. Io ad oggi non ho prove, ma, se mi si offre la possibilità di indagare, forse qualcosa d’interessante potrebbe saltare fuori. Sul perché d’indagare io non abbia possibilità, si chiedano ragguagli alla fondazione I Bambini delle Fate che dovrebbe finanziare proprio questi studi e, invece, fa tutt’altro. Comunque, restando alla farsetta di Italia 1, il parere autorevole sull’autismo l’hanno fornito la professoressa e la casalinga di Cesena. Ambedue si sono trovate d’accordo su un deciso no, confermando quanto sia superfluo fornire prove e confermando la loro armonia scientifica. E, sempre a proposito delle malattie da vaccino, è stato bello che si prendesse per un fatto scontato che la mancata vaccinazione della piccola che ebbe ad ammalarsi di pertosse ora tossisca e abbia il raffreddore a causa proprio della non vaccinazione sua (peraltro non praticabile a poche settimane di età perché anche la follia ha un limite) e del mondo intero, mentre sia negato che un numero decisamente non trascurabile di bambini manifesti gravissimi problemi neurologici poche ore dopo l’avvenuta vaccinazione. Se questo è giornalismo… Ma, soprattutto, se questa è medicina…

Concludendo questo P.S. e lasciando da un canto per pura carità la mamma, nonostante le operazioni cosmetiche su quanto è avvenuto in serata credo si sia potuto apprezzare la faziosità della signorina Toffa e il livello intellettuale e morale della professoressa Susanna Esposito. Ognuno valuti da sé.

Articolo successivo

59
Lascia una recensione

59 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
46 Comment authors
  Subscribe  
Notificami
parideparis

OCCHIO ALL’EFFETTO BOOMERANGSì, devo proprio dirglielo: è stato un ingenuo. Però a ben pensarci non so se siano stati poi tanto più furbi di lei quelli che hanno organizzato il trappolone. Come dice anche lei i genitori che hanno dei dubbi sulle vaccinazioni sono sempre di più e non so se un genitore dubbioso, assistendo allo squallido spettacolo che lei ha descritto, si sentirà rassicurato nei confronti delle vaccinazioni Che effetto farà quella trasmissione sulla persona che volesse capire cosa c’è dietro l’allarme di questi giorni su questo tema? Così mi chiedo che effetto faranno a questi genitori indecisi i… Leggi il resto »

FrancoArtemi

Sa qual’è la cosa buffa?La cosa buffa, per non dire triste, è il fatto che questo post, in questo momento, viene condiviso su i social network nei vari gruppi “anti-vaccino” come testimonianza di “conferma” delle proprie idee, stravolgendo il senso del Suo articolo (tentativo di fare chiarezza e di avviare serie indagini sul tema) ma riportando a proprio uso e consumo quello che pare a loro… Mi dispiace sinceramente per la Sua buona volontà e spirito, puntualmente “purgati” da ignoranza, disonestà intellettuale e soldi di altri… Un caro saluto. RISPOSTA Io mi sono sempre vantato di essere chiaro. Vanità punita.Però… Leggi il resto »

butac

A volte ritornano
Non è tutto oro quel che luccica.
[url]http://www.butac.it/vaccini-qualcuno-si-sta-innervosendo/[/url]

RISPOSTA

Purtroppo non basta fare il bigiottiere per avere una qualunque autorità scientifica. Internet è un sistema molto “democratico” che concede pari dignità a chi fa ricerca seria da 43 anni e a chi straparla tra l’ingenuo e il grottesco di qualsiasi argomento senza accorgersi del ridicolo. Un tempo le osterie erano il luogo di ritrovo per personaggi del genere e poteva essere anche divertente andarli ad ascoltare. Oggi, invece, dobbiamo accontentarci di questo.

parideparis

Risposta al sig. [quote name=”butac”]Non è tutto oro quel che luccica.[url]http://www.butac.it/vaccini-qualcuno-si-sta-innervosendo/[/url][/quote] Mi permetto di fare un paio di annotazioni al signore che si firma con la sigla BUTAC. Il dott. Montanari non ha mai detto che le malattie che lei cita sono scomparse per caso, andandosene così come sono venute. La spieagazione sta nel miglioramento delle condizioni igienico sanitarie, nonché sociali, che sono il presupposto della diffusione di tali malattie. Un esempio per tutti è la poliomielite. Questo virus (in realtà i poiliovirus sono 3) si trasmette per via oro-fecale, cioè principalmente attraverso l’acqua contaminata dagli scarichi fognari. Quindi un… Leggi il resto »

Debora

Siamo alla frutta.Fa davvero riflettere che tutto questo pandemonio sia scaturito da una vicenda tristissima che però non ha niente a che fare con il rifiuto del vaccino da parte dei genitori o con un pediatra che lo abbia sconsigliato. Fa riflettere come negli ultimi tempi si sia messo mano alla possibilità di ogni medico di fare il proprio lavoro al meglio. Ragazzi e ragazze che hanno passato anni sui libri di testo e adesso devono vedersela con i “dottori del web” da una parte e con i pazienti dall’altra, senza dimenticare che dall’alto arrivano ordini perentori su cosa prescrivere… Leggi il resto »

Ludovico il Moro

Quei grafici non trasmessi da Open Space
“Inutile dire che le immagini che avevo portato non sono state mostrate”

Bhè, le pubblichi qui sul suo blog no?, In questo momento ci sono 160 visitatori. Non tantissimi, ma inoltra che ti inoltra…

Nicol

irrispettoso atteggiamento
Buonasera professore Montanari,ho visto ora la puntata ed la sua non intervista,è vergognoso il modo in cui l’hanno fatta tacere nel momento in cui stava spiegando cose importanti e scomode la Toffa e la “professora” si son messe a parlarle sopra all’unisono..si è capito tutto,almeno le persone sveglie avranno capito.Ha tutta la mia stima.

RISPOSTA

Era una trappola e io ci sono cascato. Avrebbe dovuto sentire lo scroscio di applausi quando, a registrazione conclusa, ho detto che ci si dovrebbe vergognare.

Sonia

Per fortuna
per fortuna ho assistito solo alle ultime battute. Mi sono bastate poche immagini ed
Mi sento una morsa localizzata fra stomaco ed intestino. Lei era un alieno fra pessimi rappresentanti di questo paese oramai alla deriva. Vorrei sapere quando le è stato fatto l’invito a partecipare.

RISPOSTA

Sono stato invitato tre giorni prima della registrazione e mi si era presentata una scaletta del tutto diversa da come, poi, sono andate le cose. Me ne sarei dovuto restare a casa ma non potevo immaginare che si potesse arrivare a porcherie simili.

ssbb

DELUSIONEBUONASERA, HO APPENA VISTO LA TRASMISSIONE E DEVO DIRE DI ESSERE DELUSA DALLA CONDUTTRICE ,MA SICURAMENTE SARà DOVUTA STARE ALLE REGOLE DEL SISTEMA E COSA VA ORA PER LA MAGGIORE? STARE DALLA PARTE DEI VACCINATI….STARE CONTRO CORRENTE è DIFFICILE.PURTROPPO L’HO VISSUTO RECENTEMENTE SULLA PELLE Perché NON HO VOLUTO VACCINARE MIA FIGLIA CON IL VACCINO CONTRO IL PAPILLOMA VIRUS E LEI SI è SENTITA L’UNICA DELLA CLASSE O ADDIRITTURA DELLA SCUOLA A NON FARLO. ALLA DOMANDA CHE HO FATTO ALLE MIE AMICHE, MA SE FOSSE STATO A PAGAMENTO TU LO AVRESTI FATTO FARE A TUA FIGLIA ? LA RISPOSTA è STATA… Leggi il resto »

emiliogaggini

faziosità[fa-zio-si-tà] s.f. inv.
La conduttrice è stata davvero faziosa; io avevo dubbi sulla validità dei vaccini, ora questi dubbi sono ancora più profondi. Spero che, per il bene comune, si faccia un po’ di chiarezza ma ne dubito altamente. Seguirò il blog e mi informerò, grazie.

RISPOSTA

Fino a qualche anno fa anch’io tenevo i vaccini in rispetto religioso. Poi, dopo le analisi, i dubbi sono arrivati. Ora, dopo avere sperimentato le reazioni delle “autorità”, i dubbi si sono accresciuti. L’incontro con la professoressa Esposito, poi, è stata chiarificatrice.

carol87

Da un servizio negativo un effetto positivo
Ho appena visto il servizio, già avevo la mia idea negativa sui vaccini…. le faccio i complimenti per il lavoro svolto. Concludo dicendo che le persone intelligenti si informano e vanno oltre i servizi che una televisione trasmette e che omologa le menti.

RISPOSTA

la cosa che mi consola è che il pubblico è molto meno ottuso di quanto non credano le varie professoresse che infestano ospedali, ambulatori e TV.

Motta

Da ignorantePremetto di essere ignorante in tema di vaccini. Non ho neanche una posizione ben definita. Ho due bambini e li ho fatti entrambi vaccinare perchè mi sono fatta consigliare dai pediatri.Guardavo la trasmissione ed ero contenta di poter ascoltare due pareri contrastanti per documentarmi un po’. Beh non posso non dare ragione al dott. Montanari: non gli è stato dato modo di parlare. E a noi ignoranti non ci è stato dato modo di ascoltare e farci una nostra idea…Però l’idea che la veritá non debba essere detta… Si questa idea la trasmissione me l’ha fatta venire nitida” RISPOSTA… Leggi il resto »

matteo03

Vaccini … scelta consapevolepregiatissimo dottore ho appena seguito la trasmissione su Italia 1 e sono veramente indignato dell’incapacità di fare informazione di tale trasmissione sebbene non posso certamente dirmi stupito in quanto di informazione sul tema dei vaccini e noto che non se ne voglia assolutamente fare.Io in ogni caso quando ho dovuto scegliere ho voluto informarmi ampiamente, ho letto diversi libri, tra i quali quelli del dottor Gava, che consiglio a tutti prima di vaccinare in modo tale da fare una scelta consapevole. La nostra stupenda figlia sta benissimo gode di ottima salute ed è priva di vaccinazioni ormai… Leggi il resto »

marcovv82@libero.it

TV spazzatura peggio che a NapoliDott. Montanari mi dispiace moltissimo per come l’hanno trattata, continuamente interrotto, dando spazio solo all’altro ospite… da non credere, uno scandalo vero e proprio, mi sentivo male io per lei, come ha resistito non lo so… Non ho parole per esprimerle la mia piena solidarietà e nel confermarle che per chiunque sia dotato di un’intelligenza anche minima, come la mia, questa specie di doppia intervista è stata solo una trappola come dice giustamente lei. Continui a combattere per il bene del prossimo, ha tutto il nostro supporto. Grazie per ciò che fa. Vorrei comprare il… Leggi il resto »

Andrea

Protestare
Buonasera professore, per quanto possa servire, ho mandato una mail di protesta a Italia 1 per la conduzione della puntata. Facciamoci almeno sentire, è l’ultima cosa che ci resta! Buon lavoro

RISPOSTA

Italia 1 sta agli ordini e temo che la sua protesta finirà nel cestino. Grazie comunque.

Xeima

TristissimoCaro Dott. Ho visto la puntata di open space di stasera. Lei aveva descritto tutto nel suo post…. Ma non credevo lo scenario fosse così triste. A mio avviso tutto gravissimo. Mi auguro che, visto il momento di subbuglio di questo giorni, venga data una seria possibilità di confronto tra persone preparate si un argomento così importante e complesso. Intanto grazie per il suo lavoro. Lei è stato coraggioso ad andare nella fossa dei leoni..grazie. Grazie per averci provato. Le auguro una buona serata…. Ora posso immaginare la sua rabbia e la sua delusione dopo la registrazione. RISPOSTA In fondo… Leggi il resto »

Mamo

Ha fatto bene a partecipare
La scelta di invitarla alla trasmissione è stata un incredibile autogol da parte di chi sperava di ridicolizzarla. Professore il suo blog ha ottenuto un’enorme pubblicità. Ora molte persone che non la conoscevano avranno modo di farsi un’idea più chiara di questo spinoso argomento.

Va da sé che la macchina del fango starà scaldando i motori…

RISPOSTA

Di fango ne ricevo da almeno 20 anni, per poi leggere che le nostre scoperte di 20 anni prima diventano scienza, pur con altra firma. Ma a me che importa?

kat

effetto boomerangLa faziosità della trasmissione è una vergogna vera. Ma di buono c’è che è stato talmente vergognoso da essere evidente.. a totale vantaggio della causa: la verità. Ciò detto.. xche Nn ci aiuta a capire meglio? Dove sono le pubblicazioni di cui accennava in trasmissione? Cosa c’era esattamente nei vaccini da lei esaminati? Lo vorrei sapere.. xche Nn lo pubblica su questo sito? Nn si può farne esaminare altri? Grazie x il servizio comunque reso RISPOSTA Se va sulla pagina iniziale di questo blog trova la copertina di qualche libro. Legga Nanotoxicology e troverà materiale utile. Se preferisce qualcosa… Leggi il resto »

alberto

solito giornalismo
Dott. Montanari ho assistito sbigottito all’ imbavagliamento mediatico espletato dalla conduttrice nei suoi confronti, spero che quello che è successo oggi nella trasmissione venga messo a conoscenza di tutti. Grazie per essere andato in tv, perchè mi ha fatto capire come funziona la sanità e come quella trasmissione sia da non guardare più.
Io sono della classe ’66 ed in quell’anno mia madre, non so il perchè, non mi ha vaccinato ed io non ho mai contratto nessuna delle malattie esantematiche.Cordiali saluti.

RISPOSTA

Se io avevo qualche dubbio, la professoressa Esposito me l’ha tolto.

Montanari

faziosità allo stato puro.
Buonasera, secondo me ha fatto bene ad andare alla trasmissione nonostante tutto. Al pubblico è arrivato comunque il messaggio di documentarsi meglio prima di vaccinare,e questo è importante. Ma secondo lei La Signora Esposito mentiva e ne era consapevole oppure era convinta di quello che affermava?
Io la esorto a continuare per questa strada,abbiamo bisogno di persone come lei.

RISPOSTA

Ignoranza e presunzione si fondono perfettamente. Quando, poi, c’è anche la malafede…

Fabrizio Forleo

Nadia toffa…c’è crollato un mito
Illustre dottore siamo con lei.Guardavamo il programma e dopo che è finito il servizio abbiamo spento la tv disgustati.Mia moglie aveva già presagito come sarebbe andato il servizio,ma non immaginavo proprio una simile messa in scena.Siamo daccordo con quello che lei sostiene ma pare proprio che certi argomenti in italia(peggio se in tv)siano un tabù.Fortunatamente,come già ha detto lei non siamo tutti stupidi.

RISPOSTA

Nadia Toffa tiene famiglia e ha ubbidito agli ordini. Andandomene io le ho detto che sarebbe finita pelata e così è stato.

Coffofiera

La scetticaSalve dottore. Sono una scettica di natura. E sono anche una ribelle. Ma ribelle solo quando mi viene imposta una cosa del quale non capisco il senso. E questa guerra contro i cosidetti anti-vaccino, mi puzzava già da molto tempo. Lavorando all’epaca in un posto dove spesso e volentieri mi tagliavo, il datore di lavoro mi ha mandata a fare il vaccino contro il tetano. E io ci sono andata. La persona che mi ha vaccinata, ha commentato sul mio libretto di vaccinazioni a suo parere un po’ incompleto. E allora? Sono qui e sono viva, anche se affetta… Leggi il resto »

salvio

E’ scandalosoDottore ha tutta la mia solidarietà. Dobbiamo pure spiegare alla Dott. Esposito che non esiste solo Pubmed e che la stessa raccoglie ricerche da tutto il mondo e che non vuol dire nulla se una ricerca non è stata pubblicata su Pubmed. Purtroppo la Dottoressa Esposito con la quale per fortuna condivido solo il cognome, è andata a fare disinformazione, sapendo bene che l’impact factor è molto relativo. E’ cosa risaputa e logica che se faccio delle analisi su un qualcosa e lo presento a una rivista medica, quasi sicuramente non me lo accetterà visto che non è una… Leggi il resto »

Zanin

Grazie dottore
Grazie mille dottore per il suo contributo scientifico. Grazie anche per aver partecipato alla trasmissione openspace così abbiamo potuto vedere come si stanno comportando tutti in merito all’argomento vaccini. Ha tutta la mia solidarietà e soprattutto non vedo l’ora che pubblichi il materiale che aveva in mano in studio. Non si arrenda abbiamo bisogno di gente come lei.

RISPOSTA

Gran parte del materiale è pubblicato nel libro Case Studies in Nanotoxicology.

Gpaolo

italia uno open space
Questa la mail inviata a Italia UNO dopo aver visto lo scempio di quella intervista a senso unico…

—–Messaggio originale—–
Da: noreplyw@mediasetmail.it [mailto:noreplyw@mediasetmail.it]
Inviato: domenica 18 ottobre 2015 22:33
A: italia1.mail@mediaset.it
Cc: vgp@mednat.org; italia1.mail2@mediaset.it
Oggetto: italia1 : open space – vaccini

Gentile Utente,
Grazie per averci contattato. Di seguito trovi il riepilogo dei dati da te inseriti.

NOME : Jean Paul
COGNOME : Vanoli
TESTO : vista trasmissione 18/1072015, come giornalista investigativo in sanita da 40 anni, sbalordito dalla mancanza di imparzialita’ della conduttrice tutta a favore dei vaccini, ha persino impedito al Montanari di finire i suoi discorsi che delusione ! SCRIVI A ITALIA UNO

Gpaolo

denuncia x i vacciniEsposto presentato il 15/01/2015 alla Procura della Repubblica del Tribunale di…………, all’attenzione del giudice ………………………., in merito ai vari morti (30 divenuto oltre 100 dopo il silenzio stampa…) e gli altri lesi, dopo il vaccino per l’influenza: FLUAD della Novartis Vaccines and Diagnostics S.r.l, Via Fiorentina 1, 53100 Siena, Italia, …segnalati dai vari organi della stampa e TV nazionale. …………. …affinche’il Giudice del Tribunale, indaghi a fondo e per bene sui vari “conflitti di interesse” dei vari dirigenti, consulenti, e sul fatto che alcuni di essi, i principali e super dirigenti, degli Enti sotto elencati, continuano malgrado… Leggi il resto »

Gpaolo

mail e diffica inviata a parlamentare CRIMI’ del PDDa: vgp [mailto:vgp@mednat.org] Inviato: giovedì 15 ottobre 2015 18:02A: ‘CRIMI_FILIPPO@CAMERA.IT’Oggetto: segnalazione e diffida al sig Crimi’ Filippo Sig. Filippo Crimi’,Avendo letto la sua “proposta di legge sui vaccini”, ed avendo visto quale disinformazione lei sta portando in Parlamento con la sua proposta, le scrivo per segnalarle quanto segue: Questa e’ la mail che ho inviato ieri alla “ministra della salute”; ….le giro le stesse domande e le richiedo di fornirmi i documenti richiesti e la informo che trascorsi i 30 gg di legge, non ricevendo nulla in risposta a queste mie legittime… Leggi il resto »

clara brescia

grazie Dott.Montanarigrazie Dott.Montanari se ci fossero piu’ medici che si prendono a cuore la salute dei pazienti non ci sarebbe neanche bisogno di fare denunce ai nas, dovrebbe essere una cosa di diritto avere pubbliche la composizione dei vaccini, ma si sa le case farmaceutiche hanno il piu’ grosso fatturato, quindi se riescono a iniettarci particelle che provocaano tumori tanto meglio così dopo arriverranno macchine per la chemio sempre piu’ costose io sono per l’omeopatia e tutto cio’ che è naturale, molte malattia si curarano semplicemente passsando in erboristeria, l’unca cosa è che bisogna avere tempo per curarsi mentre passando… Leggi il resto »

Gpaolo

mail e diffica inviata a parlamentare CRIMI’ del PD
Egr. Montanari, la informo che ripubblico il suo articolo qui sopra anche in mednat.org
dato che abbiamo c.a 200.000 visite al giorno; cio’ sara’ utile per dimostrare l’incapacita’ , l’imperizia e la non volonta’, delle autorita alla “tutela” della salute, alla corretta informazione !

clara brescia

grazie Dott.Montanari
MENO MALE CHE ESISTONO PERSONE ANCHE COME IL DOTT.Vanoli….

lauraefabio

open space
la ringrazio per aver partecipato. Non so come sia riuscito a stare seduto tranquillamente su quella sedia in un programma dove il messaggio che doveva passare era chiaro e palese. Grazie per essere riuscito a essere un Signore. Sono sicura che chiunque abbia visto questo servizio ora dovrà riflettere.

RISPOSTA

Ero sicuro che sarebbe stato un boomerang perché non si può presumere che tutti gl’italiani siano dei tonti.

ricky

non ho parole
questa è l’Italia. chi non sa, parla, e chi sa viene deriso e attaccato da chi non sa. sia la trasmissione che la “professorona” hanno fatto una bella figura di m****. tralasciando il campo scientifico, che evidentemente non doveva neanche entrare in una trasmissione da 2 soldi come quella, ma lo sanno che se si invitano ospiti si devono lasciar parlare? sarebbe stato estremamente interessante sentire ciò che aveva da dire. spero ci sarà una occasione più civile. buon lavoro

RISPOSTA

E se avessi parlato che cosa avrebbero potuto rispondere?

ramon

Open space
Hanno montato tutto bene, ma i genitori non possono essere cosi stupidi, almeno qualche dubbio devono averlo, ho mandato una mail di lamentela

RISPOSTA

Temo che le vaccinazioni caleranno dopo la trasmissione.

Alessandro B

L’importante è che se ne parli
E abbiamo capito anche la Toffa……

RISPOSTA

Temo che, nella sua totale impreparazione, non abbia capito che danno ha fatto ai vaccinatori ad oltranza. Credendo di dare una mano li ha massacrati.

edimattioli

i vaccini sono utilissimi ma …
… prima fate firmare questo modulo al vostro medico al fine della GARANZIA DI SICUREZZA RIGUARDO I VACCINI
http://www.scribd.com/doc/159349037/GARANZIA-DI-SICUREZZA-DEL-MEDICO-RIGUARDO-I-VACCINIi

RISPOSTA

Nessun medico sottoscriverebbe mai un modulo del genere. I vaccini si somministrano alla cieca e poi sono fatti di chi ha subito la vaccinazione.

GIULIANO CHECCACCI

openspace
Illustre dottore, mi unisco ai commenti di stima degli altri utenti. Meno male che ci sono ancora persone come lei, che nonostante le batoste prese continuano nel loro operato. Purtruppo ci sono ancora troppe persone che si allineano al pensiero comune senza porsi minime domande. La mia più sincera stima per quello che fa. Complimenti

RISPOSTA

La mia è una posizione scomodissima. Tornassi a nascere farei il rappresentante della Nutella (che io non mangerei nemmeno sotto tortura).

Enrica

Closed SpaceCaro Dottore, le dico la verità, dopo aver letto il suo articolo, non ho avuto lo stomaco di guardare la trasmissione, anche perché essendo reduce da due importanti operazioni a causa di perforazione dell’intestino da parte di un calcolo, non avevo intenzione di martoriare ulteriormente il mio addome. In compenso l’ha guardata mio marito che è rimasto scandalizzato. Comunque se può consolarla su Facebook la Toffa viene massacrata e qualche parolina gliel’ho detta anch’ioCon la stima di sempreP.S. A proposito sembra che il vaccino anti pertosse abbia abbandonato il suo ruolo di vaccino e si sia trasformato in untore… Leggi il resto »

diego drappo

open space
Ho letto le sue avvertenze e le considerazioni sulla sua partecipazione alla trasmissione incriminata solo dopo aver visto la trasmissione .Di fatto lei non ha potuto parlare:VERGOGNOSO!

RISPOSTA

Noi eravamo d’accordo che io avrei fatto le domande alla Esposito e lei avrebbe risposto. Ma è evidente che, se non si hanno risposte per domande imbarazzanti, si mette tutto in gazzarra.

mbarex

Trasmissione bufalaDottore massima stima e solidarietà, si vedeva che il tema lo conosceva bene e che non la facevano parlare; ciò che deve venire fuori è già stabilito prima dagli autori, il dibattito è una bufala, i malcapitati ospiti vengono manipolati ad hoc, il resto lo fa il montaggio. Dovevo essere presente ank’io alla stessa puntata al dibattito sulle droghe (il peggiore mai visto…) ma, dopo avermi cambiato più volte le carte in tavola me la sono intagliata ed ho rifiutato! Programma di regime, sinceramente mi auguro che la vicenda possa avere un effetto boomerang tale da fare giustizia alla… Leggi il resto »

titta

open spaceLa ringrazio per il suo intervento se pur breve e poco valorizzato.comunque dalle poche parole che le hanno permesso di dire si evince che lei parla con un vero background scientifico, dato da studi condotti , che le permette di dedurre che intorno al mondo dei vaccini c’è qualcosa che non quadra. purtroppo ha trovato un ambiente ostile. io da neolaureato in biologia e sicuramente con ancora tanto da apprendere nel campo della scienza, le posso dire che le parole della professoressa mi hanno lasciato molto perplesso. soprattutto il fatto di dare per scontato che qualsiasi cosa arrivi dalla… Leggi il resto »

SorPampurio

Trasmissione veramente InutileProfessore non mi stancherò mai di ripeterle quanto la stimo e la ammiro.Vedendo la trasmissione mi sembra veramente che lei sia caduto in una trappola.Per fortuna ha scoperchiato il vaso di pandora svolgendo le sue eccezionali ricerche ed adesso devono denigrarla in qualche modo per renderla NON credibile…risulta lampante dopo la visione della trasmissione.La prego di non cadere più in queste trappole tese utilizzando il mezzo televisivo che ormai trasmette solo mondezza e programmi fatti ad hoc per l’italiano medio.Personalmente la TV non la guardo più da anni,ma questa volta ho fatto un’eccezione solamente per lei.Sarò sempre dalla… Leggi il resto »

daro

Vaccini obbligatori… (?!?)Mi rivolgo a te, cara mamma (Alice Pignatti mi sembra), nel remoto caso in cui passassi da queste parti.Ho profondo rispetto per le sofferenze che tua figlia ha dovuto sopportare assieme a tutta la famiglia a causa della pertosse contratta (l’ho avuta anch’io) ma ho lo stesso rispetto per le sofferenze che gravano su coloro che dei vaccini subiscono gli effetti collaterali.Ma parliamo della trasmissione.Mi sembra un tantino assurdo dare vita ad una petizione per l'[u]obbligatorietà[/u] del vaccino contro la pertosse e sostenere che tutto ciò parte dalla [u]libertà di scelta[/u].E’ come dire: [i]”Siete tutti liberi di vaccinarvi… Leggi il resto »

paolodonati

grazieNonostante come aveva scritto si é sentito ‘intrappolato’ dalla presentatrice, ha fatto passare informazioni importanti che molti genitori hanno sentito, e per questo la ringrazio. RISPOSTA Solo oggi ho ricevuto oltre 400 mail, diverse delle quali dicevano che, da vaccinisti convinti che erano, hanno capito che c’è qualcosa che non va nelle vaccinazioni come vengono praticate ora. Io resto convinto che i vaccini, fatti come Dio comanda, siano una buona arma di prevenzione, ma come li si fabbrica oggi, con le modalità di somministrazione di oggi e con tutta la cialtroneria minacciosa e le falsità grotetsche che li circondano si… Leggi il resto »

gabrigiunchi

Divulga!
Può mostrarci i risultati delle analisi di tutti i 28 vaccini? Spero sia una cosa fattibile

RISPOSTA

Basta leggere CASE STUDIES OF NANOTOXICOLOGY. Sono molte pagine e prevedono tutta la spiegazione che le precede, altrimenti si rischiano le idiozie che abbiamo sentito in TV e che, ahimè, si continuano a sentire.

gabrigiunchi

nope
Mi risparmi la pubblicità al suo libro, io vorrei solo vedere le analisi. Posso averle in qualche modo?

RISPOSTA

Sono decine di pagine e bisogna avere la preparazione per capirle. Io non faccio pubblicità al mio libro: semplicemente mi rifiuto di passare ore a scrivere per lei ciò che ho già scritto. Se le secca leggere il libro non sono fatto che mi riguardini e si tenga le sue curiosità.

bensa roberto

autismo da vaccini?
vede prof. io ho un figlio che molto probabilmente essendo nato prematuro è stato colpito, dopo i vaccini speccial modo quello del morbillo, da autismo…quello che non mi spiego come mai che da quando fanno certi vaccini i casi di autismo e altri casi di malattie sono in continuo aumento in che mani siamo? bisogno stare molto preoccupati?

RISPOSTA

Purtroppo abbiamo una classe medica che, con alcune luminose eccezioni, è impreparata, manca di cultura e di spirito critico. I risultati sono davanti agli occhi di tutti.

RenatoT

GrazieGrazie per le informazione che ha diffuso, almeno per quanto mi riguarda. Tornando alla trasmissione su Italia1 che non ho mai visto poichè ho lavorato 30 anni per le questo sistema di propaganda.. ho lavorato 9 anni a cologno. E’ chiaro che una emmittente che lavora di pubblicitá, non potrá mai andare contro gli sponsor, visto che rispondono ad azionisti e l’etica non esiste. E’ stato fiducioso e ingenuo, ma quello che la rende cosi differente dagli altri è proprio la passione per la ricerca e la veritá che riempe la sua mente completamente. Ecco perchè non fiuta i pericoli,… Leggi il resto »

RenatoT

correzione
..poichè ho lavorato 30 anni per le questo sistema di propaganda… avevo giá smesso da molto tempo di seguire le programmazioni televisive… tutto dipende dal denaro e non potrebbe essere diverso in un economia di questo tipo.

gabrigiunchi

??Lei non può sapere se sono competente o no…. Comunque io le ho solo chiesto qualcosa che penso sia di dominio pubblico (di conseguenza accessibile a tutti gratuitamente), se così non è lo dica così smetto di chiedere. Se invece posso accedere a tali informazioni vorrei sapere dove/come poterle trovare. RISPOSTA Quelle informazioni sono mie perché le ho pagate io qualche decina di migliaia di Euro e sono parte del mio lavoro. Si accontenti di quanto ho scritto sul libro che le ho indicato. Se non conosce l’inglese o se non vole separarsi da qualche decina di Euro per comprare… Leggi il resto »

ElleKappa

Non se la prendaCaro Dottore, grazie al cielo non ho visto la trasmissione, ma purtroppo non riesco a impormi di non leggere i quotidiani. Proprio in questi giorni ho scritto una lettera alle redazioni(che mai verrà pubblicata) in cui ho evidenziato l’allineamento e l’atteggiamento propagandistico, in particolare del Corriere della Sera, segnalando l’intervista (che parolona, per 4 righe tendeziose e mal scritte) al dottor Serravalle del 17 ottobre. E le offese continue che noi genitori che – prima di correre a vaccinare i nostri figli anche contro gli starnuti – ci informiamo, dubitiamo e, a volte, rinunciamo a vaccinare, dobbiamo… Leggi il resto »